Norwegian fortemente colpito da COVID-19 – calo dei passeggeri del 71%, 8.000 dipendenti in meno e 140 aerei a terra

il

#NorwegianAirShuttle ha riportato i suoi risultati per il primo semestre del 2020. Le cifre sono come previsto fortemente influenzate dalla pandemia COVID-19 con una perdita netta di 5,3 miliardi di NOK. Durante la prima metà del 2020, 5,31 milioni di clienti hanno viaggiato con l’azienda; una diminuzione del 71 per cento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Norwegian ha convertito con successo il debito, ha ottenuto l’accesso a prestiti garantiti dallo Stato per 3 miliardi di NOK e ha condotto un’offerta pubblica, oltre ad attuare una serie di misure di riduzione dei costi. Tuttavia, Norwegian sta affrontando tempi difficili.

Prima di COVID-19, Norwegian aveva guidato il mercato di un 2020 redditizio e della migliore estate di sempre. I severi consigli di viaggio del governo e il conseguente calo della domanda dei clienti hanno costretto Norwegian a terra 140 aerei e licenziare circa 8.000 dipendenti. Nel secondo trimestre, Norwegian ha operato solo con aeromobili 7-8 sulle rotte nazionali in Norvegia. Dopo un processo di ristrutturazione riuscito, la società ha ottenuto l’accesso alla garanzia sui prestiti del governo norvegese di 3 miliardi di NOK e ulteriori 0,3 miliardi di NOK dalle banche commerciali.

“Quando siamo entrati nel 2020, ci aspettavamo un risultato positivo e la migliore estate di sempre, grazie a iniziative di risparmio sui costi di successo e un’operazione più efficiente. Poi siamo stati colpiti da COVID-19 e la domanda dei clienti si è letteralmente interrotta da un giorno all’altro, poiché le restrizioni di viaggio ei consigli di viaggio imposti dal governo sono stati introdotti in tutto il mondo. Negli ultimi mesi abbiamo lavorato instancabilmente per assicurarci di poter uscire da questa crisi come un’azienda più forte, ben posizionata per la concorrenza futura. Alcune di queste misure sono state dolorose, ma assolutamente necessarie se vogliamo farcela. Creditori, obbligazionisti e azionisti ci hanno mostrato sostegno e fiducia per trovare una via da seguire per l’azienda ei nostri clienti stanno esprimendo il loro forte sostegno, per il quale sono grato. E non da ultimo, sono estremamente orgoglioso di tutti i nostri Red Nose Warriors che mantengono uno spirito positivo “, ha affermato il CEO Jacob Schram.

Durante i primi sei mesi del 2020, 5,3 milioni di clienti hanno viaggiato con Norwegian, rispetto ai 18,1 milioni dello stesso periodo dell’anno precedente. La produzione (ASK) è diminuita del 69% e il traffico passeggeri (RPK) è diminuito del 72%. Il fattore di carico è stato del 78,2%, con una diminuzione di 6,5 punti percentuali rispetto alla prima metà del 2019. Sia il fattore di carico che la produzione sono adeguati in base al blocco obbligatorio del governo dei posti intermedi sulle rotte nazionali in Norvegia nel secondo trimestre del 2020.

La puntualità si è attestata all’87,2 per cento, in miglioramento di 7,3 punti percentuali rispetto alla prima metà del 2019.

La scarsa visibilità crea incertezza in vista

Il 1 ° luglio, la Norwegian ha riaperto 76 rotte, ha messo in servizio altri 15 aeromobili e ha riportato al lavoro più di 600 dipendenti. Il mercato è ancora molto incerto, principalmente a causa della modifica dei consigli di viaggio dei governi di tutta Europa. Quando il governo cambia i suoi consigli di viaggio, la domanda ne risente immediatamente. In futuro, la società continuerà ad adeguare il proprio portafoglio di rotte in linea con la domanda e i consigli di viaggio del governo.

“La crisi del COVID-19 ha avuto un impatto particolarmente duro sull’aviazione e sul settore dei viaggi e la maggior parte delle aziende ha bisogno del sostegno del governo per sopravvivere. Vediamo che molti dei nostri principali concorrenti ricevono un considerevole sostegno di liquidità dai loro governi poiché l’aviazione rappresenta la spina dorsale delle infrastrutture. Siamo grati per la garanzia del prestito messa a nostra disposizione dal governo norvegese che abbiamo lavorato duramente per ottenere. Tuttavia, date le attuali condizioni di mercato, non è sufficiente per superare questa crisi prolungata “, ha detto Schram.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.