IATA: il lento miglioramento della domanda di passeggeri continua a luglio

il

 

L’International Air Transport Association (IATA) ha annunciato che la domanda di passeggeri a luglio (misurata in entrate per chilometro o RPK) è continuata a livelli criticamente bassi, il 79,8% al di sotto dei livelli di luglio 2019. Ciò è stato leggermente migliore del calo dell’86,6% su base annua registrato a giugno, dovuto principalmente ai mercati interni, in particolare Russia e Cina. La riapertura del mercato nell’area Schengen ha contribuito a stimolare la domanda internazionale in Europa, ma altri mercati internazionali hanno mostrato pochi cambiamenti da giugno. La capacità è stata del 70,1% inferiore ai livelli del 2019 e il fattore di carico è sceso al minimo storico per luglio, al 57,9%.

“La crisi della domanda è proseguita con poca tregua a luglio. Con essenzialmente quattro viaggiatori aerei su cinque che rimangono a casa, l’industria rimane in gran parte paralizzata. La riapertura e la chiusura dei confini da parte dei governi o la rimozione e la reimposizione delle quarantene non dà a molti consumatori la fiducia necessaria per fare piani di viaggio, né le compagnie aeree per ricostruire gli orari “, ha affermato Alexandre de Juniac, Direttore generale e CEO della IATA.

JULY 2020 (% YEAR-ON-YEAR) WORLD SHARE1 RPK ASK PLF (%-PT)​2 PLF (LEVEL)​3
Total Market
100.0%
-79.8%
-70.1%
-27.7%
57.9%
Africa
2.1%
-93.7%
-84.3%
43.4%
29.6%
Asia Pacific
34.6%
-72.2%
-64.9%
-17.2%
65.7%
Europe
26.8%
-81.3%
-72.7%
28.1%
60.9%
Latin America
5.1%
-87.5%
-83.2%
-22.0%
63.1%
Middle East
9.1%
-92.5%
-84.7%
-41.7%
39.6%
North America
22.3%
-80.6%
-63.9%
-41.0%
47.6%

Mercati passeggeri internazionali

La domanda internazionale di passeggeri di luglio è crollata del 91,9% rispetto a luglio 2019, in leggero miglioramento rispetto al calo del 96,8% registrato a giugno. La capacità è crollata dell’85,2% e il fattore di carico è sceso di 38,9 punti percentuali al 46,4%.

 

La domanda di luglio dei vettori europei è crollata dell’87,1% rispetto allo scorso anno, migliorata da un calo del 96,7% a giugno, anno su anno, riflettendo l’allentamento delle restrizioni di viaggio nell’area Schengen. La capacità è diminuita del 79,2% e il load factor è sceso di 33,8 punti percentuali al 55,1%.

Il traffico di luglio delle compagnie aeree dell’Asia-Pacifico è diminuito del 96,5% rispetto allo stesso periodo di un anno fa, praticamente invariato dal calo del 97,1% di giugno e dalla contrazione più forte tra le regioni. La capacità è diminuita del 91,7% e il fattore di carico si è ridotto di 47,3 punti percentuali al 35,3%.

Le compagnie aeree del Medio Oriente hanno registrato un calo del traffico del 93,3% a luglio, rispetto a un calo della domanda del 96,1% a giugno. La capacità è crollata dell’85,6% e il load factor è sceso di 43,4 punti percentuali al 38,0%.

I vettori nordamericani hanno registrato un calo del traffico del 94,5% a luglio, un leggero aumento rispetto al calo del 97,1% di giugno. La capacità è diminuita dell’86,1% e il fattore di carico è sceso di 53,0 punti percentuali al 35,0%, il secondo più basso tra le regioni.

Le compagnie aeree dell’America Latina hanno registrato un calo della domanda del 95,0% a luglio, rispetto allo stesso mese dello scorso anno, contro un calo del 96,6% a giugno. La capacità è scesa del 92,6% e il load factor è sceso di 27,1 punti percentuali al 58,4%, il più alto tra le regioni.

Il traffico delle compagnie aeree africane è sceso del 94,6% a luglio, leggermente migliorato da una contrazione del 97,8% a giugno. La capacità si è contratta dell’84,6% e il fattore di carico è sceso di 47,1 punti percentuali al 25,4%, il più basso tra le regioni.

Mercati passeggeri nazionali

 

Il traffico nazionale è diminuito del 57,5% a luglio. Questo è stato un miglioramento rispetto a un calo del 68% a giugno. La capacità domestica è diminuita del 42,2% e il load factor è sceso di 22,9 punti percentuali al 63,3%.

JULY 2020 (% YEAR-ON-YEAR) WORLD SHARE1 RPK ASK PLF (%-PT)​2 PLF (LEVEL)​3
Domestic
36.2%
-57.5%
-42.2%
-22.9%
63.3%
Dom. Australia
0.8%
-90.0%
-82.8%
-34.7%
48.5%
Dom. Brazil
1.1%
-77.7%
-74.9%
-9.5%
75.2%
Dom. China P.R.
9.8%
-28.4%
-18.3%
-10.5%
74.4%
Dom. Japan
1.1%
-65.2%
-44.0%
-27.2%
44.6%
Dom. Russian Fed.
1.5%
-17.7%
-0.8%
-15.7%
76.5%
Dom. US
14.0
-72.6%
-50.7%
39.7%
49.6%

Il traffico dei vettori cinesi è diminuito del 28,4% rispetto a luglio 2019. La ripresa ha subito un modesto rallentamento a giugno a causa di nuovi focolai di virus, ma ha ripreso il ritmo da metà luglio.

Il traffico nazionale delle compagnie aeree russe è sceso del 17,7% a luglio, notevolmente migliorato rispetto al calo del 58% a giugno. La domanda è stata sostenuta da tariffe interne basse e dal boom del turismo interno.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.