Airbus aggiorna la pianificazione con l’andamento del Covid-19

il

Airbus ha annunciato nuovi piani per adattare la sua forza lavoro globale e ridimensionare la sua attività su aeromobili commerciali in risposta alla crisi COVID-19.

Questo aggiornamento dovrebbe comportare una riduzione di circa 15.000 posti di lavoro entro l’estate 2021. Il processo di informazione e consultazione con le parti sociali è iniziato al fine di raggiungere accordi per l’attuazione del programma a partire dall’autunno 2020.

L’attività nel settore degli aeromobili commerciali è diminuita di quasi il 40% negli ultimi mesi a causa di una crisi senza precedenti del settore. I tassi di produzione degli aeromobili commerciali sono stati adeguati di conseguenza.

Airbus è grata per il sostegno del governo che ha consentito alla Società di limitare queste necessarie misure di adeguamento. Tuttavia, con il traffico aereo che non si prevede riprenderà ai livelli pre-COVID prima del 2023 e potenzialmente fino al 2025, Airbus deve ora adottare misure aggiuntive per stare al passo con le prospettive del settore post COVID-19.

A seguito dell’analisi approfondita della domanda proveniente dai clienti che ha avuto luogo negli ultimi mesi, Airbus anticipa la necessità di adattare la sua forza lavoro globale a causa di COVID-19 di circa: 5.000 posizioni in Francia 5.100 posizioni in Germania 900 posizioni in Spagna 1.700 posizioni nel Regno Unito 1.300 posizioni negli altri siti mondiali di Airbus

Queste cifre includono le filiali Airbus Stelia in Francia e Premium AEROTEC in Germania. Tuttavia, non includono circa 900 posizioni derivanti da una necessità identificata pre-COVID-19 di ristrutturare Premium AEROTEC in Germania, che sarà ora implementata nell’ambito di questo piano di adeguamento globale. I dettagli di questo piano di adattamento del gruppo con il COVID-19 devono essere finalizzati con le parti sociali. Sebbene le azioni obbligatorie non possano essere escluse in questa fase,

Airbus collaborerà con le sue parti sociali per limitare l’impatto di questo piano facendo affidamento su tutte le misure sociali disponibili, comprese le dimissioni volontarie, il pensionamento anticipato e i programmi di disoccupazione parziale di lunga durata, se del caso.

“Airbus sta affrontando la crisi più grave che questo settore abbia mai vissuto”, ha affermato Guillaume Faury, CEO di Airbus. “Le misure che abbiamo adottato finora ci hanno permesso di assorbire lo shock iniziale di questa pandemia globale. Ora, dobbiamo assicurarci di poter sostenere la nostra impresa ed uscire dalla crisi come leader mondiale nel settore aerospaziale, adattandosi alle sfide schiaccianti dei nostri clienti. Per affrontare questa realtà, dobbiamo ora adottare misure di più ampia portata. Il nostro team di gestione e il nostro Consiglio di Aamministrazione sono pienamente impegnati a limitare l’impatto sociale di questo adattamento. Ringraziamo i nostri partner governativi perché ci aiutano a preservare il più possibile la nostra esperienza e il nostro know-how e hanno svolto un ruolo importante nel limitare l’impatto sociale di questa crisi nel nostro settore. I team Airbus e le loro capacità e competenze ci consentiranno di perseguire la nostra ambizione di aprire la strada a un futuro sostenibile per l’aerospaziale “.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.