Swiss taglierà la flotta del 15%

il

Swiss sta attualmente affrontando cambiamenti strutturali nel suo mercato e prevede un calo duraturo del 20% della domanda dei clienti a medio termine. Grazie a una costruttiva procedura di consultazione, tuttavia, la corrispondente riduzione dell’organico di 550 licenziamenti per motivi operativi, inclusi i licenziamenti in caso di mancata accettazione di mutate condizioni di lavoro, è inferiore a quanto previsto fino al mese scorso. In totale, entro la fine del 2021 SWISS avrà ridotto la sua forza lavoro di circa 1.700 equivalenti a tempo pieno, con due terzi di questa riduzione ottenuta grazie a misure volontarie e al ricambio naturale del personale. Come previsto, anche la flotta di aeromobili SWISS sarà ridotta del 15%. SWISS si assume tutte le sue responsabilità sociali in tutte queste azioni e garantisce che questi inevitabili licenziamenti per motivi operativi tengano nella massima considerazione tutte le considerazioni sociali.

Sullo sfondo delle ramificazioni strutturali della crisi del coronavirus e di quello che dovrebbe essere un calo duraturo del 20% della domanda dei clienti a medio termine, Swiss International Air Lines (SWISS) ha avviato la procedura di consultazione prevista dalla legge in vista della sua prevista ristrutturazione (vedi qui per i dettagli) il 6 maggio. All’epoca, fino a 780 dipendenti SWISS tra il personale di terra e di volo dell’azienda rischiavano il licenziamento per motivi operativi (o il licenziamento in caso di mancata accettazione di condizioni di lavoro modificate) a seguito della prevista riduzione del 15% nelle dimensioni della flotta di aeromobili SWISS.

Dopo la conclusione del periodo di consultazione, che è stato successivamente esteso a ben tre settimane, SWISS è riuscita a ridurre a 550 il numero di tali inevitabili licenziamenti per motivi operativi insieme alle sue parti sociali. Entro la fine del 2021, SWISS avrà quindi ridimensionato la sua forza lavoro di circa 1.700 equivalenti a tempo pieno o oltre il 20%, con due terzi di questa riduzione ottenuta attraverso misure volontarie e rotazione naturale del personale. La dimensione della flotta SWISS sarà ridotta del 15% come previsto in precedenza. Il ridimensionamento e la trasformazione dell’azienda nell’ambito del suo programma strategico “reach” dovrebbero tradursi in un risparmio di circa 500 milioni di franchi.

Meno licenziamenti per motivi operativi a seguito di procedura di consultazione

La procedura di consultazione condotta ha offerto alle parti sociali di SWISS, ai suoi dipendenti e ai loro rappresentanti l’opportunità di presentare suggerimenti su come evitare o ridurre il numero di potenziali licenziamenti e/o su come mitigarne l’impatto. Oltre 770 suggerimenti di questo tipo sono stati ricevuti dai dipendenti dell’azienda. Di conseguenza, SWISS è riuscita a ridurre il numero totale di licenziamenti per motivi operativi richiesti da 780 a 550, una riduzione di circa un terzo. I 550 licenziamenti includono 58 dipendenti ai quali verranno offerte contestualmente condizioni di lavoro riviste come una riduzione del grado di occupazione o un cambiamento della loro funzione, che avranno così la possibilità di rimanere in azienda secondo le nuove condizioni.

SWISS è pertanto tenuta a emettere un avviso ordinario di cessazione del rapporto di lavoro a 492 dipendenti in Svizzera e all’estero. Di questi, 334 sono personale di cabina, 101 sono personale di terra e 57 prestano servizio in SWISS Technics. Non vengono apportate riduzioni ai numeri del corpo di cabina di pilotaggio della compagnia; ma in consultazione con l’associazione del personale dei piloti dell’Aeropers, l’attuale eccedenza di personale in cabina di pilotaggio sarà gestita in particolare attraverso una riduzione dell’orario di lavoro prescritta a tutto il corpo, previo accordo dei membri dell’Aeropers.

“Sono davvero dispiaciuto per tutti i nostri dipendenti che sono stati avvisati”, afferma il CEO di SWISS Dieter Vranckx. “Ed è con il più profondo rammarico che dobbiamo intraprendere questa azione radicale in risposta ai cambiamenti strutturali che sta vivendo il nostro settore. Siamo convinti, però, che questa sia la strada giusta da seguire se vogliamo ripagare i nostri prestiti bancari, riacquistare la nostra capacità di investire e mantenere le nostre credenziali competitive».

SWISS punterà ora a concludere prontamente questa fase di incertezza e ad attuarne il ridimensionamento e la trasformazione con tutta la velocità possibile. I licenziamenti richiesti saranno effettuati nel pieno rispetto di tutte le disposizioni fatte dalla Confederazione Svizzera in relazione alle sue garanzie per i prestiti bancari di SWISS, con la piena applicazione dei relativi piani di previdenza sociale “Sozialplan” e nel pieno rispetto di tutte le ulteriori considerazioni sociali . A tutti i dipendenti interessati verranno inoltre offerti gli ampi servizi e il supporto di un’agenzia di outplacement partner.

Confermata la riduzione del 15% della flotta

L’attuale flotta SWISS di oltre 90 aeromobili propri e quelli operati per suo conto da Helvetic Airways con accordi di wet-lease sarà ridotta del 15% rispetto alle dimensioni del 2019 come previsto in risposta al calo della domanda. Non è ancora stato deciso quali cinque aeromobili Airbus a lungo raggio (A330 o A340) e quali dieci aeromobili a corto raggio saranno ritirati a tal fine. Sul fronte della flotta a corto e medio raggio, la riduzione del numero di aeromobili Helvetic Airways operati per conto di SWISS sarà proporzionalmente superiore al numero di aeromobili di SWISS ritirati. SWISS sta inoltre valutando modifiche al proprio portafoglio di rotte, riduzioni delle frequenze e una ripresa ritardata dei servizi verso alcune destinazioni a lungo raggio.

«In futuro SWISS sarà più piccola. Ma sarà anche più mirato, più digitale, più efficiente e più sostenibile”, afferma Vranckx. “La trasformazione pianificata sarà condotta nei prossimi tre anni attraverso il nostro programma strategico ‘reach’, con il quale miriamo a riallineare la nostra azienda alla mutata situazione del mercato e ottenere risparmi sostenibili sui costi di circa 500 milioni di franchi”.

L’attuale produzione di SWISS è ancora sostanzialmente inferiore a quella dei tempi pre-pandemia. In piena estate, è probabile che la capacità raggiunga il 50-55% circa dei livelli del 2019. Per il 2021 nel suo complesso, SWISS prevede che la sua produzione totale sarà di circa il 40% di quella del 2019.

A giugno e luglio SWISS volerà o riprenderà i servizi verso 49 destinazioni da Zurigo e Ginevra e opererà un totale di 125 rotte in piena estate.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.