IATA invita i paesi a seguire le linee guida del WHO

il

L’International Air Transport Association (IATA) ha invitato gli Stati a seguire le nuove linee guida sui viaggi dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS). La guida raccomanda un “approccio basato sul rischio” per l’attuazione delle misure relative al COVID-19 e ai viaggi internazionali.

In particolare, l’OMS ha raccomandato ai governi di:

Non richiedere la prova della vaccinazione COVID-19 come condizione obbligatoria per l’ingresso o l’uscita
Può allentare misure come i test e/o i requisiti di quarantena per i viaggiatori che sono completamente vaccinati o hanno avuto una precedente infezione da COVID-19 confermata negli ultimi sei mesi e non sono più infettivi.
Garantire percorsi alternativi per gli individui non vaccinati attraverso i test in modo che siano in grado di viaggiare a livello internazionale. A tale scopo, l’OMS raccomanda test rRT-PCR o test diagnostici rapidi di rilevamento dell’antigene (Ag-RDT) seguiti da test rRT-PCR di conferma di campioni positivi.
Implementare misure di test e/o quarantena per i viaggiatori internazionali “in base al rischio” con politiche su test e quarantena riviste regolarmente per garantire che vengano revocate quando non più necessarie.
“Queste raccomandazioni di buon senso e basate sul rischio dell’OMS, se seguite dagli stati, consentiranno di riprendere i viaggi aerei internazionali riducendo al minimo la possibilità di importare COVID-19. Come osserva l’OMS e come dimostrano gli ultimi dati dei test nel Regno Unito, i viaggiatori internazionali non sono un gruppo ad alto rischio in termini di COVID-19. Su 1,65 milioni di test effettuati sui passeggeri internazionali in arrivo nel Regno Unito da febbraio, solo l’1,4% è risultato positivo al COVID-19. È ormai tempo che i governi incorporino i dati nel processo decisionale basato sul rischio per la riapertura delle frontiere”, ha affermato Willie Walsh, direttore generale della IATA.

L’OMS ha anche invitato gli Stati a comunicare “in modo tempestivo e adeguato” eventuali modifiche alle misure e ai requisiti internazionali relativi alla salute. “I consumatori affrontano un labirinto di regole di ingresso alla frontiera confuse, scoordinate e in rapida evoluzione che li scoraggiano dal viaggiare, causando difficoltà economiche tra coloro che sono impiegati nel settore dei viaggi e del turismo. Secondo il nostro ultimo sondaggio sui passeggeri, il 70% dei viaggiatori recenti ha ritenuto che le regole fossero una sfida da comprendere”, ha affermato Walsh.

Inoltre, l’OMS ha incoraggiato gli stati a esaminare accordi bilaterali, multilaterali e regionali, in particolare tra le contee vicine, “con l’obiettivo di facilitare il recupero di attività socioeconomiche chiave”, incluso il turismo, per il quale i viaggi internazionali svolgono un ruolo vitale.

“La pandemia ha messo a rischio oltre 46 milioni di posti di lavoro, normalmente sostenuti dall’aviazione. Incorporando queste ultime raccomandazioni dell’OMS nelle loro strategie di apertura delle frontiere, gli stati possono iniziare a invertire il danno economico degli ultimi 18 mesi e mettere il mondo sulla strada della ripresa”, ha affermato Walsh.

La nostra opinione:

I viaggi delle compagnie aeree internazionali stanno diventando sempre più reattivi nei casi in cui i casi di COVID-19 sono in aumento o in diminuzione. Il lancio dei vaccini su base mondiale interesserà anche ogni paese. Le compagnie aeree internazionali diventeranno quindi più reattive ai vari cambiamenti Paese per Paese.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.