Qantas Group lascia temporaneamente a casa per circa 2 mesi

il

QANTAS Group ha fatto questo annuncio:

Circa 2.500 dipendenti Qantas e Jetstar in prima linea saranno messi a casa per circa due mesi in risposta alle epidemie di COVID in corso.

Lo stand down è una misura temporanea per far fronte a un calo significativo dei voli causato dalle restrizioni COVID in particolare nella Grande Sydney e dalle chiusure delle frontiere a catena in tutti gli altri stati e territori. Non sono previste perdite di posti di lavoro.

La decisione odierna avrà un impatto diretto sui piloti nazionali, sul personale di cabina e sui lavoratori aeroportuali, principalmente nel Nuovo Galles del Sud ma anche in altri stati, data la natura delle reti aeree. I dipendenti riceveranno un preavviso di due settimane prima che la sospensione abbia effetto, con retribuzione in corso fino a metà agosto.

Il sostegno al reddito sotto forma di pagamenti governativi in ​​caso di disastro sarà fondamentale per aiutare i dipendenti idonei a superare questo periodo difficile e il Gruppo Qantas accoglie con favore il sostegno mirato del governo federale offerto a coloro che si sono ritirati al di fuori degli hotspot dichiarati e per mantenere la capacità dell’aviazione nazionale.

L’amministratore delegato di Qantas Group, Alan Joyce, ha affermato che la difficile decisione di innescare gli stand down riflette la realtà che deve affrontare molte aziende che operano nel Nuovo Galles del Sud.

“Questa è chiaramente l’ultima cosa che vogliamo fare, ma ora ci troviamo di fronte a un lungo periodo di riduzione dei voli e questo significa nessun lavoro per un certo numero di persone.

“Abbiamo assorbito una quantità significativa di costi da quando sono iniziati questi recenti blocchi e abbiamo continuato a pagare al nostro personale l’intero elenco nonostante migliaia di voli cancellati.

“Qantas e Jetstar sono passati da quasi il 100% del loro normale volo interno[1] a maggio a meno del 40% a luglio a causa dei blocchi in tre stati.

“Speriamo che, una volta che altri stati riapriranno al South Australia e al Victoria nella prossima settimana circa, e l’attuale epidemia a Brisbane sarà sotto controllo, i nostri voli interni torneranno a circa il 50-60% dei livelli normali.

“Sulla base dei numeri dei casi attuali, è ragionevole presumere che i confini di Sydney saranno chiusi per almeno altri due mesi. Sappiamo che ci vorranno alcune settimane una volta che l’epidemia sarà sotto controllo prima che altri stati si aprano al Nuovo Galles del Sud e possano riprendere i normali viaggi.

“Fortunatamente, sappiamo che una volta riaperti i confini, i viaggi sono in cima alla lista delle persone e il volo tende a tornare rapidamente, così possiamo riportare i nostri dipendenti al lavoro.

“Questo è estremamente impegnativo per le 2.500 delle nostre persone direttamente colpite, ma è anche molto diverso da questo periodo dell’anno scorso, quando abbiamo avuto più di 20.000 dipendenti che si sono dimessi e la maggior parte dei nostri aerei in letargo per mesi e mesi.

“Il lancio del vaccino significa che la fine è in vista e il concetto di blocco sarà un ricordo del passato. L’Australia ha solo bisogno di più persone che si rimboccano le maniche con l’arrivo di più vaccini.

“La sfida sull’apertura dei confini internazionali rimane. Ci sono ancora diverse migliaia di equipaggi di Qantas e Jetstar che normalmente volano a livello internazionale e che sono stati in lunghi periodi di inattività dall’inizio della pandemia. Tassi di vaccinazione più elevati sono anche fondamentali per poter tornare a volare all’estero e riportare finalmente al lavoro tutte le nostre persone”, ha aggiunto Joyce.

[1] Basato sui livelli di capacità FY19.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.