AIR FRANCE – KLM PRESENTA I RISULTATI DEL SECONDO TRIMESTRE 2021

il

Risultato operativo a -752 milioni di euro, EBITDA a -248 milioni di euro Free cash flow operativo rettificato positivo a 210 milioni di euro grazie alla forte vendita di biglietti

I risultati del Gruppo sono migliorati rispetto allo scorso anno; sebbene ancora influenzato dalle restrizioni di viaggio:
 Ricavi a 2.750 milioni di euro, in aumento di 1.568 milioni rispetto allo scorso anno
 Risultato operativo a -752 milioni di euro, in aumento di 801 milioni di euro rispetto allo scorso anno
 EBITDA ridotto a -248 milioni di euro
 Utile netto a -1.489 milioni di euro, comprensivo dell’impatto negativo della cancellazione della KLM
fondo pensione di terra
 I programmi di ristrutturazione che mostrano risultati migliori e benefici strutturali sono aumentati a 2,1 miliardi
euro
 Il gruppo ha aumentato il proprio capitale di 1 miliardo di euro, ha convertito il prestito diretto dello Stato francese di 3
miliardi di euro in strumenti ibridi perpetui e ha emesso un’obbligazione Senior di 800 milioni di euro di
quale sarà ricevuto il denaro nel terzo trimestre
 Indebitamento netto a 8,3 miliardi di euro, in calo di 2,7 miliardi di euro rispetto a fine 2020 grazie alla prima serie di misure di rafforzamento patrimoniale
PROSPETTIVA
Da giugno, i primi segnali di ripresa sono visibili nel trend delle prenotazioni grazie all’abolizione o all’allentamento delle restrizioni di viaggio in Europa a causa dell’aumento del tasso di vaccinazione in tutti i paesi. La riapertura del Nord Atlantico per i cittadini americani per visitare l’Europa ha portato anche a un miglioramento della tendenza delle prenotazioni.
In questo contesto, il Gruppo prevede una capacità in chilometri di posti disponibili per l’attività dei passeggeri della rete Air France-KLM a un indice compreso tra il 60% e il 70% nel terzo trimestre 2021 rispetto al 2019.
A causa dell’incertezza sulla riapertura del Nord Atlantico per i cittadini europei e dell’incertezza sulla rinuncia alle restrizioni di viaggio, non verranno fornite indicazioni sulla capacità per il quarto trimestre 2021.
Il Gruppo Air France-KLM continua a concentrarsi sui suoi progetti di trasformazione al fine di ridurre i suoi costi e su liquidità e capitale. Durante l’Assemblea Generale Annuale del maggio 2021, sono state approvate dagli azionisti delibere straordinarie, fornendo al Consiglio di Amministrazione ampia flessibilità per ripristinare l’equità. Tali risoluzioni potrebbero includere strumenti quali l’emissione di diritti, strumenti di semi-equità vanilla e strumenti collegati ad azioni al fine di ripristinare lo stato patrimoniale e ridefinire il profilo dei rimborsi del debito.
All’inizio di luglio, Air France-KLM ha firmato ed eseguito un programma EMTN per un volume di emissione totale di 4,5 miliardi di euro.

Il consiglio di amministrazione di Air France-KLM, presieduto da Anne-Marie Couderc, si è riunito il 29 luglio 2021 per approvare il bilancio del primo semestre 2021. Il CEO del gruppo, Benjamin Smith, ha dichiarato:
“Grazie all’allentamento delle restrizioni ai viaggi in diverse regioni chiave, il secondo trimestre del 2021 ha visto i primi segnali della tanto attesa ripresa. I viaggiatori hanno potuto riprendere il volo e l’approccio volontaristico di Air France-KLM in termini di capacità, combinato con la rete equilibrata del Gruppo e gli hub efficienti, si è rivelato decisivo. La reciprocità della riapertura delle frontiere e l’accelerazione del roll-out della vaccinazione in tutto il mondo, soprattutto nel contesto dell’ascesa della variante Delta, giocheranno un ruolo chiave nel mantenere questo slancio”. ha affermato Benjamin Smith, CEO di Air France-KLM. “Per sfruttare al meglio la ripresa e prepararsi per il futuro, Air France-KLM ha continuato la sua trasformazione in tutte le attività e ha notevolmente rafforzato i suoi sforzi per la sostenibilità per aprire la strada all’aviazione sostenibile”.
Business Review
Rete: ripresa visibile solo a giugno mentre Cargo ha continuato a performare forte

L’anno scorso nel Secondo trimestre, l’attività della rete passeggeri è stata pesantemente colpita dalla crisi di Covid-19 ed è arrivata quasi a un punto morto. Quest’anno, la capacità in chilometri di posti disponibili nel secondo trimestre è stata del 315,5% in più rispetto allo scorso anno, tuttavia al 48% dei livelli del secondo trimestre del 2019. Grazie alla rete equilibrata del Gruppo e alla forte performance Cargo, la rete passeggeri è stata in linea con le indicazioni del Gruppo fornite durante la presentazione dei risultati del primo trimestre 2021.
Antille, Grecia e nazionale francese sono state tra le rotte più performanti. Anche in questo trimestre il Gruppo ha gestito una capacità maggiore rispetto ai principali concorrenti europei.
Durante il secondo trimestre, Air France ha aggiunto tre Airbus 350-900 alla flotta e KLM Cityhopper ha accolto due Embraer 195 E2 nella sua flotta. Con questi investimenti, il Gruppo continua a costruire una flotta efficiente e mostra il suo impegno sostenibile.

Rispetto al secondo trimestre del 2020, la capacità è aumentata del 66% in Tonnellate Chilometri Disponibili. Nonostante questo aumento di capacità, il fattore di carico ha guadagnato 5,2 punti e il ricavo unitario per ATK a valuta costante è migliorato dello 0,5%. Rispetto al 2019, è disponibile una capacità di carico ancora limitata mentre la domanda rimane elevata con conseguente elevato ricavo per tonnellate chilometri e ricavi. Al momento, il Gruppo trasporta più di 100 spedizioni di vaccini Covid-19 al mese. La distribuzione dei vaccini continua ad aumentare gradualmente e il Gruppo prevede un’ulteriore crescita nel terzo trimestre, in particolare in Africa e Sud America. Durante il primo semestre del 2021, il programma Sustainable Aviation Fuel (SAF) Cargo ha accolto 22 partner, dimostrando l’impegno sostenibile di Air France-KLM Cargo e dei suoi partner.

Perdita operativa di Transavia nel secondo trimestre 2021 a -98 milioni di euro

Il risultato operativo del secondo trimestre si è chiuso con una perdita operativa di -98 milioni di euro, a causa delle restrizioni ai viaggi in corso in Europa e Nord Africa. Poiché i livelli di produzione nel secondo trimestre dello scorso anno erano vicini allo zero a causa di un congelamento quasi completo della produzione, il livello di attività nel secondo trimestre 2021 è stato circa dieci volte superiore rispetto allo scorso anno. Su questa maggiore capacità, il fattore di carico ha perso 5,4 punti rispetto allo scorso anno a un livello del 59,9%.
Nella prima metà del 2021, il numero di aeromobili di Transavia è aumentato di nove nell’ambito della strategia di crescita di Transavia France. Transavia è ben posizionata per catturare la ripresa del traffico leisure, vista da giugno, che rappresenta una grande opportunità per il guadagno di competitività del Gruppo.

Risultato operativo dell’attività di manutenzione per il secondo trimestre 2021 intorno al pareggio

Il risultato operativo del secondo trimestre si è attestato a -3 milioni di euro, in aumento di 319 milioni di euro a cambio costante rispetto al secondo trimestre 2020.
Nel secondo trimestre del 2020 l’attività di manutenzione ha registrato una tantum legata all’emergenza Covid-19 per 203 milioni di euro; escludendo l’effetto una tantum, l’aumento del risultato operativo nel secondo trimestre di quest’anno è principalmente spiegato dal miglioramento operativo e dal risparmio sui costi.
I ricavi totali sono aumentati del 35,5% nel secondo trimestre mentre i ricavi di terzi sono aumentati del 14,9% ei ricavi interni sono aumentati del 51,9%. Questo aumento dei ricavi interni è principalmente correlato a un aumento delle ore di volo rispetto alle ore di volo molto basse durante il secondo trimestre 2020. L’aumento dei ricavi esterni è principalmente guidato dal business dei componenti.
Gruppo Air France-KLM: perdita EBITDA ridotta a -0,2 miliardi di euro

Nel secondo trimestre 2021, il Gruppo Air France-KLM ha registrato un risultato operativo di -752 milioni di euro, in aumento di 801 milioni di euro rispetto allo scorso anno.
L’utile netto è stato di -1.489 milioni di euro nel secondo trimestre 2021, in aumento di 1.123 milioni di euro rispetto allo scorso anno. L’anno scorso Il secondo trimestre è stato pesantemente influenzato dalla registrazione di voci contabili eccezionali dovute al Covid-19 (svalutazione per l’accelerazione dell’eliminazione graduale degli Airbus 380 e degli Airbus 340, carburante “over hedge” e un accantonamento per costi di ristrutturazione per la partenza volontaria di Air France e KLM piani).
A seguito della conversione dei regimi pensionistici a prestazione definita di KLM in regimi a contribuzione definita collettiva per il personale di cabina e di cabina nel 2017, ora anche il fondo pensione per il personale di terra di KLM è passato a un regime a contribuzione definita. Ciò comporta contributi annuali più prevedibili e una minore volatilità sul bilancio del Gruppo. Principalmente a causa della cancellazione del fondo pensione personale di terra KLM, gli altri oneri e proventi non correnti hanno evidenziato nel secondo trimestre un importo negativo di 849 milioni di euro.

Il costo unitario del secondo trimestre 2021 è diminuito del 71%, principalmente a causa di un aumento della capacità

A valuta costante e prezzo del carburante, i costi unitari sono diminuiti del 71% nel secondo trimestre 2021.
Tutte le voci di costo, ad eccezione delle altre spese esterne, sono aumentate nel secondo trimestre 2021 rispetto allo scorso anno a causa di un aumento della capacità del 338,6%.
Il costo netto dei dipendenti del Gruppo è aumentato del 21,8% principalmente a causa del minore sostegno del governo. La riduzione dell’ETP non ha compensato completamente questo divario come indicato durante la presentazione dei risultati del quarto trimestre 2020.
Secondo trimestre: Flusso di cassa libero operativo rettificato positivo.

Modifica del fabbisogno di capitale circolante guidata da una migliore vendita anticipata dei biglietti

Il Gruppo ha generato un flusso di cassa operativo rettificato nel secondo trimestre 2021 di 210 milioni di euro, con un aumento di 1.711 milioni di euro rispetto allo scorso anno, trainato principalmente dal miglioramento delle vendite anticipate di biglietti.

PROSPETTIVA
Da giugno, i primi segnali di ripresa sono visibili nel trend delle prenotazioni grazie all’abolizione o all’allentamento delle restrizioni di viaggio in Europa a causa dell’aumento del tasso di vaccinazione in tutti i paesi. La riapertura del Nord Atlantico per i cittadini americani per visitare l’Europa ha portato anche a un miglioramento della tendenza delle prenotazioni.
In questo contesto, il Gruppo prevede una capacità in chilometri di posti disponibili per l’attività dei passeggeri della rete Air France-KLM a un indice compreso tra il 60% e il 70% nel terzo trimestre 2021 rispetto al 2019.
A causa dell’incertezza sulla riapertura del Nord Atlantico per i cittadini europei e dell’incertezza sulla rinuncia alle restrizioni di viaggio, non verranno fornite indicazioni sulla capacità per il quarto trimestre 2021.
Al 30 giugno 2021 il Gruppo ha a disposizione liquidità e linee di credito per 9,4 miliardi di euro, in tale importo non è ancora compreso il Senior bond da 800 milioni di euro emesso entro fine giugno. Questo livello può considerarsi confortevole, visti i primi segnali di ripresa e le esigenze di liquidità per il 2021, che comprendono:
 L’EBITDA del terzo trimestre 2021 dovrebbe essere positivo
 Spesa in conto capitale netta prevista inferiore a 2,0 miliardi di euro nel 2021 e in gran parte finanziata per la flotta
investimenti
 Ristrutturazione cash out inferiore a 500 milioni di euro nel 2021, parte della quale è compensata dal
associata riduzione del costo salariale
Il Gruppo Air France-KLM continua a concentrarsi sui suoi progetti di trasformazione al fine di ridurre i suoi costi e su liquidità e capitale. Durante l’Assemblea Generale Annuale del maggio 2021, sono state approvate dagli azionisti delibere straordinarie, fornendo al Consiglio di Amministrazione ampia flessibilità per ripristinare l’equità. Tali risoluzioni potrebbero includere strumenti quali l’emissione di diritti, strumenti quasi-equity e strumenti collegati ad azioni al fine di ripristinare lo stato patrimoniale e ri-profilare i rimborsi del debito.
Guida: obiettivo del margine operativo a medio termine del Gruppo Air France-KLM invariato
Il Gruppo accelera le sue iniziative di trasformazione e conferma la sua ambizione finanziaria a medio termine. Air France-KLM continua a bilanciare la sua attenzione a medio termine sulla gestione della liquidità con l’obiettivo a lungo termine sul raggiungimento di una maggiore competitività. Per fare questo, il Gruppo continua a ottimizzare la flotta, la forza lavoro, la rete, i costi ea rafforzare i suoi sforzi per la sostenibilità.
Air France-KLM stima che il numero di aeromobili nel 2022 sarà inferiore del 7% rispetto al numero di aeromobili nel 2019. Il Gruppo prevede che la capacità in chilometri di posti disponibili tornerà ai livelli del 2019 nel 2024.
Entro la fine di giugno 2021, KLM è riuscita a ridurre il numero di FTE di 5.700 rispetto a dicembre 2019. In Air France (esclusa la controllata Transavia France), il numero di FTE è diminuito di 5.300 a fine giugno 2021 rispetto a dicembre 2019. il piano di partenza continua ad Air France (esclusa Transavia France) e altri 3.200 FTE lasceranno la compagnia entro la fine del 2022. I costi operativi saranno ridotti nel 2021 e oltre, con benefici strutturali di 800 milioni di euro per KLM a fine 2021 e 1,3 miliardi di euro a fine 2022 per Air France rispetto al 2019.
La riduzione dell’FTE, tra le altre iniziative chiave di trasformazione, ridurrà il costo unitario dall’8% al 10% (costo unitario comprese le ipotesi di carburante e cambio valuta) una volta che la capacità sarà tornata al livello del 2019.
L’ambizione finanziaria a medio termine del Gruppo viene mantenuta con un Free Cash Flow Operativo rettificato che dovrebbe essere positivo nel 2023. L’obiettivo di Margine Operativo a metà ciclo è ancora stimato tra il 7% e l’8%.
Il rapporto target di debito netto/EBITDA di circa 3x nel 2023 sarà ridotto a circa 2x dopo la prevista seconda fase di ricapitalizzazione.
All’inizio di luglio, Air France-KLM ha firmato ed eseguito un programma EMTN per una dimensione totale di emissione di 4,5 miliardi di euro, per supportare e ottimizzare pienamente la sua strategia di finanziamento complessiva e sfruttare opportunisticamente le finestre del mercato dei capitali di debito attraverso emissioni di obbligazioni private e pubbliche. Société Générale agisce come Arranger del Programma insieme a cinque dealer: CACIB, Deutsche Bank, HSBC, Natixis e Santander. Gide Loyrette Nouel ha agito come consulente legale per Air France-KLM e Allen & Overy come consulente legale per il gruppo di concessionari.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.