British Airways e vari partners nella lista ristretta per l’accesso ai fondi del Governo Inglese sulla decarbonizzazione

il

Airbus A350

Otto progetti sono stati selezionati per il finanziamento da parte del concorso Green Fuels, Green Skies del Dipartimento dei trasporti, parte del Piano in dieci punti del Primo Ministro per una rivoluzione industriale verde, annunciato nel novembre 2020
Le sovvenzioni guideranno progressi significativi verso lo sviluppo di impianti di carburante per aerei sostenibili nel Regno Unito e la decarbonizzazione dell’industria aeronautica
I progetti in cui British Airways ha investito includono la trasformazione dei rifiuti domestici e dei rifiuti di legno in carburante per l’aviazione sostenibile e la cattura del carbonio dall’atmosfera e fanno parte dei piani della compagnia aerea per raggiungere emissioni di carbonio zero entro il 2050
Quattro progetti di decarbonizzazione dell’aviazione supportati da British Airways e progettati per aiutare l’industria a raggiungere i suoi obiettivi di zero emissioni nette di carbonio entro il 2050, sono stati selezionati per il finanziamento del governo.

Il concorso Green Fuels, Green Skies (GFGS) del Dipartimento dei trasporti ha assegnato il finanziamento per sviluppare il primo impianto di produzione di carburante per aviazione sostenibile (SAF) del Regno Unito. In totale, il governo ha selezionato otto progetti per ricevere potenzialmente una quota di 15 milioni di sterline nella sua competizione, tutti con un chiaro potenziale di produrre SAF in grado di ridurre le emissioni di oltre il 70% su base ciclo di vita se utilizzati al posto dei combustibili fossili convenzionali carburante per jet.

British Airways è direttamente coinvolta in quattro di questi progetti che, in attesa del completamento degli accordi di sovvenzione, possono tutti andare avanti con lo sviluppo dei propri piani di fattibilità e ingegnerizzazione.

La compagnia aerea sta collaborando con la società tecnologica Velocys nel progetto Altato per costruire un impianto commerciale di smaltimento dei rifiuti in SAF a Immingham, nel Lincolnshire. Altato impiegherà più di mezzo milione di tonnellate all’anno di rifiuti domestici e commerciali e produrrà fino a 80 milioni di litri di SAF e nafta a combustione più pulita. Il progetto ha già ricevuto l’autorizzazione alla pianificazione dal North East Lincolnshire Council ed è nelle fasi finali della preparazione per la progettazione ingegneristica del front-end.

Project Speedbird è una collaborazione tra British Airways, LanzaJet e Nova Pangaea, con l’obiettivo di produrre 100 milioni di litri di carburante sostenibile all’anno a partire dal 2025, sufficienti per alimentare 2.000 voli da Londra a New York operati da un aereo A350. La tecnologia si basa sul processo REFNOVA® di Nova Pangaea di conversione del legno di scarto in alcol. La tecnologia alcol-getto (ATJ) di LanzaJet, sviluppata da LanzaTech e dal Pacific Northwest National Lab, converte quindi l’alcol per produrre carburante per aviazione sostenibile e diesel rinnovabile.

British Airways sta inoltre lavorando a due ulteriori progetti di decarbonizzazione con LanzaTech e LanzaJet che, in caso di successo, potrebbero produrre ciascuno più di 100 milioni di litri all’anno di SAF. Il primo implicherebbe la cattura dell’anidride carbonica (CO2) dall’atmosfera e la sua conversione in SAF. Il secondo sosterrebbe lo sviluppo di un impianto SAF a Port Talbot, nel Galles meridionale, che produrrebbe SAF da rifiuti e gas industriali, con il potenziale per supportare posti di lavoro significativi nell’area.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.