Transat A.T. Inc. riporta i suoi risultati per il terzo trimestre del 2021

il

Transat A.T. Inc., una delle più grandi società di turismo integrato al mondo e leader dei viaggi di vacanza in Canada, annuncia i risultati del terzo trimestre conclusosi il 31 luglio 2021.

“Siamo molto lieti di essere stati in grado di riprendere le operazioni come previsto il 30 luglio e di passare alla fase di riavvio in cui le nostre attività possono espandersi gradualmente, e in particolare in attesa di una stagione invernale che promette di essere molto più intensa di quella precedente. . Anche se dobbiamo continuare a esercitare cautela data l’evolversi della situazione sanitaria, e sebbene un ritorno completo alla normalità sia ancora lontano, siamo molto desiderosi di superare la crisi”, ha affermato Annick Guérard, Presidente e Amministratore delegato di Transat .

“Oltre a riprendere le nostre attività operative, richiamare gradualmente i nostri dipendenti e fornire formazione, utilizzeremo questo periodo per attuare il nostro piano strategico. Abbiamo annunciato due nuove destinazioni negli Stati Uniti per l’inverno, stiamo lavorando per ottimizzare la nostra struttura del capitale e stiamo avviando una serie di discussioni per stipulare accordi di partnership con le compagnie aeree. Le nostre ambizioni sono alte, ma siamo sulla strada giusta”, ha aggiunto la signora Guérard.

L’industria globale del trasporto aereo e del turismo ha dovuto affrontare un crollo del traffico e della domanda. Restrizioni ai viaggi, incertezza su quando riapriranno completamente le frontiere, sia in Canada che in determinate destinazioni verso cui la società vola, l’imposizione di misure di quarantena e requisiti di vaccinazione e test sia in Canada che in altri paesi, nonché preoccupazioni relative alla pandemia e ai suoi gli impatti economici stanno creando una significativa incertezza della domanda, almeno per l’anno fiscale 2021. Per la prima metà dell’inverno 2021, la Corporation ha lanciato un programma invernale ridotto. Il 29 gennaio 2021, a seguito della richiesta del governo canadese di non recarsi in Messico e nei Caraibi e dell’introduzione di nuove misure di quarantena e requisiti per i test COVID-19, la Corporation ha annunciato la sospensione completa di tutti i suoi voli regolari e il rimpatrio dei suoi clienti in Canada.

A partire dal 30 luglio 2021, la Corporation ha parzialmente ripreso le sue operazioni e ha gradualmente implementato un programma estivo ridotto. La società non può prevedere tutti gli impatti di COVID-19 sulle sue operazioni e risultati, o precisamente quando la situazione migliorerà. La società ha implementato una serie di misure operative, commerciali e finanziarie, comprese nuove misure di finanziamento e riduzione dei costi, volte a preservare la propria liquidità. La società sta monitorando la situazione quotidianamente per adeguare queste misure man mano che si evolve. Tuttavia, fino a quando la società non sarà in grado di riprendere le operazioni a un livello sufficiente, la pandemia di COVID-19 avrà impatti negativi significativi sui suoi ricavi, flussi di cassa derivanti dalle operazioni e risultati operativi. Mentre i progressi sulla vaccinazione e la revoca di alcune restrizioni hanno permesso di riprendere le operazioni a un certo livello nel 2021, la Corporation non si aspetta che tale livello raggiunga il livello pre-pandemia prima del 2023.

La conservazione della liquidità è una priorità per la Corporation; in relazione alla pandemia di COVID-19, la Società ha intrapreso le azioni discusse nella sezione Panoramica dell’MD&A inclusa nella nostra relazione annuale 2020. Sono in corso di valutazione altre opportunità per raggiungere questo obiettivo e durante il periodo di nove mesi conclusosi il 31 luglio 2021 sono state intraprese le seguenti azioni aggiuntive in risposta alla pandemia di COVID-19:

La Corporation ha completato i suoi sforzi per ottenere finanziamenti a lungo termine. Come descritto nella sezione Finanziamento dell’MD&A, il finanziamento disponibile rappresenta quindi un massimo di $ 820,0 milioni, di cui $ 585,1 milioni utilizzati al 31 luglio 2021. Dell’importo utilizzato, un totale di $ 265,1 milioni è stato utilizzato per rimborsare i viaggiatori che avrebbero dovuto partire dopo il 1 febbraio 2020, per i quali era stato emesso un credito di viaggio a causa del COVID-19 e che avevano chiesto il rimborso.
Durante il trimestre conclusosi il 31 gennaio 2021, due Airbus A330 e un Boeing 737-800 sono stati restituiti anticipatamente ai locatori. Questi sono in aggiunta ai tre Boeing 737-800 e un Airbus A330 che sono stati restituiti in anticipo ai loro locatori durante l’anno fiscale terminato il 31 ottobre 2020.
La Corporation adegua continuamente il suo programma di volo all’evolversi della situazione. Dalla ripresa delle sue operazioni aeree il 30 luglio 2021, Transat offre ancora una volta un programma ridotto di voli internazionali in partenza da Montréal e Toronto che intende potenziare gradualmente.
La Corporation sta negoziando con i suoi fornitori, compresi i locatori di aeromobili, per beneficiare di riduzioni dei costi e cambiamenti nei termini di pagamento, e sta continuando ad attuare misure per ridurre le spese e gli investimenti

La Corporation continua a utilizzare il sussidio salariale di emergenza canadese [“CEWS”] per la sua forza lavoro canadese, che le consente di finanziare parte degli stipendi del suo personale ancora al lavoro e, fino al 28 agosto 2021, di offrire ai dipendenti su licenziamento temporaneo per ricevere una parte del proprio stipendio equivalente all’importo della borsa di studio ricevuta, senza lavoro richiesto.
Al 31 luglio 2021, le disponibilità liquide e mezzi equivalenti ammontavano a 429,4 milioni di dollari.
Gli highlights del terzo trimestre

Da metà marzo 2020, le restrizioni ai viaggi internazionali e le misure di quarantena imposte dal governo hanno reso molto difficili le vendite di viaggi. A causa della pandemia globale di COVID-19, la Corporation ha sospeso le sue operazioni aeree il 29 gennaio 2021 per la seconda volta da marzo 2020, fino alla loro parziale ripresa il 30 luglio 2021. Questi fattori hanno causato il calo dei ricavi. La Corporation ha registrato ricavi per $ 12,5 milioni durante il trimestre, con un aumento di $ 3,0 milioni o del 31,4% rispetto al 2020. Nel 2021, i ricavi sono stati principalmente guidati dalle attività del tour operator incoming della Corporation nelle destinazioni sole.

Le operazioni hanno generato una perdita operativa di $ 98,4 milioni rispetto a $ 132,0 milioni nel 2020, con un miglioramento di $ 33,6 milioni. Transat ha registrato una perdita operativa rettificata1 di 50,9 milioni di dollari rispetto ai 79,9 milioni di dollari del 2020, con un miglioramento di 29,0 milioni di dollari. Le diminuzioni della perdita operativa e della perdita operativa rettificata1 sono dovute al regolamento sfavorevole dei contratti derivati ​​sui combustibili nel terzo trimestre del 2020.

La perdita netta attribuibile agli azionisti è stata di 138,1 milioni di dollari o 3,66 dollari per azione (diluita) rispetto ai 45,1 milioni di dollari o 1,20 dollari per azione (diluita) del corrispondente trimestre dello scorso anno. Nel 2020, la perdita netta attribuibile agli azionisti è stata mitigata da un aumento del fair value dei derivati ​​relativi al carburante e altri derivati ​​di 67,7 milioni di dollari, correlato al significativo recupero dei prezzi del carburante durante il trimestre. Il peggioramento della perdita netta attribuibile agli azionisti è stato inoltre accentuato dalla perdita di 15,9 milioni di dollari registrata nel terzo trimestre del 2021, principalmente per effetto cambio sfavorevole sulle passività di leasing relative agli aeromobili, a seguito dell’indebolimento del dollaro nei confronti degli Stati Uniti dollaro. Durante il terzo trimestre del 2020, la Corporation ha registrato un utile di cambio di 28,5 milioni di dollari, derivante principalmente dall’effetto cambio favorevole sulle passività di leasing relative agli aeromobili. Escludendo gli elementi non operativi, Transat ha registrato una perdita netta rettificata1 di 115,6 milioni di dollari o 3,06 dollari per azione per il terzo trimestre del 2021, rispetto a 139,8 milioni di dollari o 3,70 dollari per azione nel 2020.

I punti salienti del periodo di nove mesi

In conseguenza dei suddetti fattori, la Società ha registrato un calo dei risultati nei nove mesi chiusi al 31 luglio. Inoltre, per la prima metà dell’inverno 2021, la domanda è stata molto debole e la capacità della Società ha rappresentato una frazione del il livello 2020. Per l’intero periodo di nove mesi, la Corporation ha registrato ricavi per $ 62,0 milioni, un calo di $ 1,2 miliardi o del 95,1% rispetto al 2020 e le operazioni hanno generato una perdita operativa di $ 282,9 milioni, rispetto a $ 186,6 milioni nel 2020, un peggioramento del 96,3 milioni di dollari. Transat ha registrato una perdita operativa rettificata1 di $ 155,5 milioni rispetto a $ 31,4 milioni nel 2020, con un peggioramento di $ 124,1 milioni.

La perdita netta attribuibile agli azionisti è stata di $ 268,2 milioni o $ 7,11 per azione (diluita) rispetto a $ 258,5 milioni o $ 6,85 per azione (diluita) per il corrispondente periodo di nove mesi dello scorso anno. Escludendo gli elementi non operativi, Transat ha registrato una perdita netta rettificata1 di $ 328,0 milioni o $ 8,69 per azione per il periodo di nove mesi conclusosi il 31 luglio 2021, rispetto a $ 198,9 milioni o $ 5,27 per azione nel 2020.

Posizione finanziaria

Al 31 luglio 2021, le disponibilità liquide e mezzi equivalenti ammontavano a $ 429,4 milioni, rispetto a $ 576,4 milioni alla stessa data del 2020. Tale diminuzione è principalmente attribuibile a un significativo calo delle attività e ai rimborsi dei crediti di viaggio, parzialmente compensati da utilizzi su le agevolazioni creditizie.

In totale, il finanziamento disponibile rappresenta un massimo di $ 820,0 milioni, di cui $ 585,1 milioni utilizzati al 31 luglio 2021. Dell’importo utilizzato, un totale di $ 265,1 milioni è stato utilizzato per rimborsare i viaggiatori che avrebbero dovuto partire dopo febbraio 1, 2020, per il quale era stato emesso un credito di viaggio a causa del COVID-19 e che aveva chiesto il rimborso.

I depositi dei clienti per viaggi futuri sono stati pari a 262,8 milioni di dollari, rispetto ai 638,1 milioni di dollari al 31 luglio 2020, con un calo di 375,3 milioni di dollari. Tale variazione è dovuta ai rimborsi dei crediti di viaggio effettuati nel terzo trimestre del 2021.

L’indice di capitale circolante è pari a 1,27, rispetto allo 0,93 del 31 luglio 2020. Il miglioramento del capitale circolante è determinato dai crediti di viaggio rimborsati nel periodo e finanziato in parte dagli utilizzi del fido chirografario a rimborso viaggiatori e dagli utilizzi su fido .

I depositi dei clienti al 31 luglio 2021 includevano questi crediti di viaggio emessi per viaggi annullati relativi a COVID-19 pari a $ 159,3 milioni, rispetto a $ 504,6 milioni al 30 aprile 2021. Il 29 aprile 2021, la Società ha stipulato un accordo con il governo del Canada che gli consente anche di prendere in prestito un importo di $ 310,0 milioni per emettere rimborsi a determinati viaggiatori. A seguito di tale accordo, a fine agosto 2021, la Società aveva ricevuto richieste per circa l’80% dell’importo dei crediti emessi ed effettuato rimborsi per oltre il 90% degli importi richiesti. I clienti avevano tempo fino al 26 agosto 2021 per presentare le loro richieste di rimborso.

Gli accordi fuori bilancio, esclusi i contratti con i fornitori di servizi, si attestano a 544,5 milioni di dollari al 31 luglio 2021. Tale importo è costituito principalmente dagli impegni per la presa in consegna dei sette A321neoLR non consegnati a tale data.

Veduta

La situazione attuale mostra segnali incoraggianti come il livello di prenotazioni osservato e l’aumento del tasso di vaccinazione. Tuttavia, rimane impossibile per il momento prevedere l’impatto della pandemia di COVID-19 sulle prenotazioni future, sulla parziale ripresa delle operazioni di volo e sui risultati finanziari.

La società ha implementato una serie di misure operative, commerciali e finanziarie, inclusa la riduzione dei costi, volte a preservare la propria liquidità. La Corporation continua a monitorare la situazione quotidianamente per adeguare queste misure man mano che si evolve. Si prega di consultare la sezione Rischi e Incertezze dell’MD&A della Società per l’anno conclusosi il 31 ottobre 2020 per una discussione più dettagliata dei principali rischi e incertezze che la Società deve affrontare.

Di conseguenza, per ora la Corporation non fornisce una prospettiva per l’estate 2021 o l’inverno 2022.

.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.