JetBlue accelera la transizione al carburante per aviazione sostenibile (SAF)

il

JetBlue Airways ha annunciato oggi l’intenzione di accelerare la sua transizione al carburante per aviazione sostenibile (SAF) con un accordo di acquisto con SG Preston, uno dei principali sviluppatori di bioenergia. Con l’aggiunta di questo accordo SG Preston ai suoi precedenti impegni SAF, JetBlue è ben avanti rispetto al suo obiettivo di convertire il 10% del suo consumo totale di carburante in SAF su base mista entro il 2030. La compagnia aerea raggiungerà quasi l’8% di utilizzo SAF entro la fine del 2023, quando è prevista la consegna di SAF ai sensi di questo accordo. JetBlue raddoppia il suo precedente impegno SAF con SG Preston, annunciato per la prima volta nel 2016 come uno dei più grandi accordi di acquisto SAF nella storia dell’aviazione.

L’accordo di JetBlue con SG Preston segna anche un’importante pietra miliare per SAF negli aeroporti di New York. Si prevede che questo accordo porterà il primo volume su larga scala di SAF di produzione nazionale per una compagnia aerea commerciale negli aeroporti metropolitani di New York. JetBlue convertirà il 30% del suo acquisto di carburante negli aeroporti internazionali John F. Kennedy (JFK), LaGuardia Airport (LGA) e Newark Liberty International Airport (EWR) dal tradizionale carburante Jet-A a SAF (b), che dovrebbe ridurre emissioni di circa l’80% per gallone di SAF puro, rispetto ai tradizionali combustibili a base di petrolio.

Mirando a iniziare nel 2023 e continuando per un periodo di 10 anni, SG Preston consegnerà almeno 670 milioni di galloni di miscela SAF a JetBlue per alimentare le sue operazioni di volo a JFK, LGA ed EWR, aiutando JetBlue a evitare circa 1,5 milioni di tonnellate di CO2 emissioni. JetBlue prevede di investire oltre 1 miliardo di dollari nell’acquisto di SAF durante la durata di questo accordo, a un prezzo competitivo rispetto al tradizionale carburante Jet-A, senza alcun impatto materiale previsto sui costi totali del carburante della compagnia aerea. Questo segna il più grande accordo SAF a breve termine mai annunciato per la consegna nel nord-est e diventerà il più grande contratto singolo di carburante per jet della compagnia aerea.

“Siamo ben oltre il punto di vaghi impegni climatici e strategie aziendali. All’inizio di quest’anno, abbiamo fissato obiettivi di emissioni specifici, datati e aggressivi. E ora stiamo cambiando fisicamente il carburante nei nostri aerei per rispettare questi impegni”, ha affermato Robin Hayes, amministratore delegato di JetBlue. “In JetBlue, stiamo investendo pesantemente in SAF perché lo vediamo come il nostro mezzo più promettente per ridurre rapidamente e direttamente le emissioni degli aerei a breve termine. Con questo accordo ampliato con SG Preston, quasi l’8% del consumo totale di carburante di JetBlue sarà SAF, il che ci consentirà di raggiungere il nostro obiettivo del 10% di utilizzo di SAF entro il 2030″.

Il carburante per aviazione sostenibile è il carburante per aerei prodotto da risorse biologiche che possono essere rifornite rapidamente e senza influire sull’approvvigionamento alimentare. Rispetto al tradizionale carburante Jet-A a base di petrolio, le opzioni rinnovabili possono ridurre significativamente sia le emissioni di gas serra che altri inquinanti atmosferici come il particolato e gli ossidi di zolfo. La sicurezza è la priorità numero uno di JetBlue e SAF è funzionalmente equivalente al carburante Jet-A convenzionale, senza differenze evidenti in termini di sicurezza o prestazioni. Il carburante è completamente compatibile con la tecnologia esistente dei motori a reazione e l’infrastruttura di distribuzione del carburante quando miscelato con carburante fossile per aviogetti e viene testato e trasportato allo stesso modo del normale carburante Jet-A.

SG Preston ha compiuto progressi significativi in ​​un nuovo stabilimento nel nord-est per produrre SAF su larga scala. Il carburante rinnovabile per jet di SG Preston a base di HEFA (esteri idrotrattati e acidi grassi) sarà prodotto in modo sostenibile da grassi di scarto, oli, grassi e semi oleosi non alimentari. Il carburante dovrebbe ricevere la certificazione di sostenibilità da ISCC, un organismo di certificazione globale indipendente per la sostenibilità e la riduzione del carbonio. Il processo di SG Preston utilizza la tecnologia di processo di raffinazione leader del settore, che è stata approvata dalla FAA per il volo commerciale dal 2011. Questo SAF sarà miscelato con carburante Jet-A con un rapporto di miscela stimato del 30% prima di essere trasportato a JFK, LGA ed EWR .

“La relazione SG Preston-JetBlue è il modello per una partnership equilibrata progettata per raggiungere gli obiettivi di sostenibilità e di prezzo sia della compagnia aerea che dell’aviazione globale. La realtà del raggiungimento dell’obiettivo di sostenibilità degli Stati Uniti di circa 35 miliardi di galloni di carburante per l’aviazione sostenibile entro il 2050 è scoraggiante. Coinvolgere e affrontare le preoccupazioni di tutti i principali stakeholder e contributori alla soluzione è fondamentale per raggiungere con successo questo obiettivo. Il continuo impegno di JetBlue nella strategia di sviluppo di SG Preston dimostra la continua fiducia nel nostro approccio unico a questa sfida. Siamo onorati di questa dimostrazione di fiducia”, ha affermato Randy Delbert Letang, CEO di SG Preston.

La strategia SAF di JetBlue

L’accordo rivisto di JetBlue con SG Preston è il suo terzo accordo per SAF. JetBlue ha recentemente stretto una nuova relazione con World Energy e World Fuel Services e ha iniziato a volare con SAF all’aeroporto internazionale di Los Angeles (LAX) nel luglio 2021. Inoltre, JetBlue ha collaborato con Neste nell’agosto 2020 per alimentare i suoi voli dall’aeroporto internazionale di San Francisco ( OFS) con SAF. La strategia SAF di JetBlue è stata sviluppata con il supporto e la consulenza degli esperti del mercato energetico di ICF.

Sebbene JetBlue consideri il SAF la soluzione più promettente per ridurre rapidamente e direttamente le emissioni degli aeromobili a breve e medio termine, è un pezzo della sua più ampia strategia di decarbonizzazione che comprende l’efficienza degli aeromobili, l’ottimizzazione del carburante, il carburante per l’aviazione sostenibile, le operazioni di terra elettriche, le partnership tecnologiche e Offset carbonio.

Hayes ha continuato: “Riconosciamo che le compagnie aeree hanno la responsabilità di decarbonizzare le nostre operazioni e inaugurare un’era di viaggi veramente sostenibili. Ci stiamo quindi rafforzando come industria con impegni e azioni chiare. Tuttavia, non possiamo farlo da soli. Affinché il nostro settore raggiunga i nostri ambiziosi obiettivi, chiediamo collaborazione e leadership ai nostri principali stakeholder: fornitori di carburante, produttori di aeromobili e motori e governi che svolgano un ruolo fondamentale nell’aiutare la spinta verso lo zero netto”.

L’impegno di JetBlue a crescere in modo sostenibile a New York

New York è la casa di JetBlue e dove vivono e lavorano più di 7.000 membri dell’equipaggio. La compagnia aerea sta vivendo una crescita significativa a New York e sta promuovendo piani per aumentare sostanzialmente i voli e portare più tariffe basse e posti di lavoro a JFK, LGA ed EWR come parte della sua Northeast Alliance con American Airlines. Poiché JetBlue aumenta la sua presenza e porta più servizi aerei nei tre aeroporti della regione, è più importante che mai crescere in modo sostenibile.

Con un focus su operazioni più sostenibili, JetBlue è stato recentemente selezionato per una sovvenzione dall’iniziativa di elettrificazione dei trasporti del Dipartimento della protezione ambientale del New Jersey per le apparecchiature elettriche di servizio a terra (eGSE) presso l’EWR. Con questa sovvenzione, JetBlue convertirà 38 veicoli di servizio a terra in elettrici e installerà 16 stazioni di ricarica a doppia porta, con il supporto aggiuntivo dell’Autorità Portuale di New York e New Jersey. A seguito di questa conversione e di una in corso presso l’aeroporto internazionale di Boston Logan, JetBlue avrà convertito il 39% di questi tre tipi di veicoli in elettrico. Questo è un progresso significativo verso l’obiettivo eGSE di JetBlue di convertire il 40 percento dei suoi rimorchiatori di bagagli, caricatori a nastro e pushback su tutta la rete in elettrico entro il 2025 e il 50 percento entro il 2030.

Inoltre, JetBlue sta apportando significativi aggiornamenti a T5 aggiornando l’intero terminal alle soluzioni di illuminazione a LED fornite da Brightcore Energy, un fornitore leader di progetti di efficienza energetica chiavi in ​​mano dall’illuminazione al solare, riscaldamento e raffreddamento rinnovabili, caricabatterie EV e accumulo di batterie. Gli aggiornamenti del T5 ridurranno il consumo energetico relativo all’illuminazione di JetBlue di circa il 66%, in base all’utilizzo attuale. Il progetto avrà un impatto significativo, risparmiando più di 2,1 milioni di kWh all’anno, migliorando l’estetica, abbassando i costi energetici e riducendo l’impronta di carbonio del terminal.

“Apprezziamo l’impegno di JetBlue di convertire il 30% della sua domanda di carburante dal tradizionale carburante per aerei a carburante per aviazione sostenibile nei tre principali aeroporti di New York. Quest’ultima iniziativa di JetBlue è un passo fondamentale per accelerare la produzione e l’adozione di SAF nel nord-est e ottenere i benefici ambientali associati nella nostra regione”, ha affermato Rick Cotton, direttore esecutivo dell’autorità portuale di New York e NJ. “Questa iniziativa fa progredire la nostra continua collaborazione con JetBlue su importanti misure di sostenibilità, compresi gli aggiornamenti dell’efficienza energetica e l’elettrificazione delle apparecchiature di supporto a terra nei nostri aeroporti”.

L’attenzione di JetBlue per l’ambiente

JetBlue dipende dalle risorse naturali e da un ambiente sano per mantenere la propria attività senza intoppi. Le risorse naturali sono essenziali per il volo della compagnia aerea e il turismo si basa sull’avere destinazioni belle, naturali e preservate da visitare per i clienti. La compagnia aerea si concentra su questioni che hanno il potenziale per avere un impatto sulla sua attività. I clienti, i membri dell’equipaggio e la comunità sono fondamentali per la strategia di sostenibilità di JetBlue. La richiesta da parte di questi gruppi di un servizio responsabile è una delle motivazioni alla base dei cambiamenti che aiutano a ridurre l’impatto ambientale della compagnia aerea.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.