Venezia svolta verso il low cost estremo. Rimedio alla crisi globale, anche del turismo lontano e le crociere?


L’annuncio quasi contemporaneo e di fatto voluto delle nuove basi Ryanair e Wizzair e’ sicuramente un modo per Venezia di tentare il reinventarsi. E’ certamente una svolta forzata, quella scelta verso il low cost estremo dall’aeroporto lagunare.

Sicuramente serviva un cambio di marcia rispetto a un passato, che forse tornerà’ molto più avanti, sempre se questo accadra’.

A Venezia mancano e mancheranno i milioni di passeggeri di alcuni segmenti di turismi. E forse anche una fetta di business, che giunge dalle lunghe distanze. Sia da ovest, che da est. In particolare proprio dall’estremo oriente asiatico latitano e lo saranno anche in futuro uno o due milioni di passeggeri. Senza tenere conto, anche del provvedimento preso dal Governo sul blocco degli attracchi in laguna delle grandi navi. Questo favorira’ l’homeport in altri scali nazionali o quelli esteri.

Visti i risultati maturati da Venezia negli ultimi mesi, insoddisfacenti per la natura di una parte del suo core business basato su un turismo estero, il quale ora non c’e’ piu’. Ci voleva un tentativo per cambiare passo, le trattative con questi due vettori, impensabili fino a ieri, oggj sono addivenute a realta’.

Ovviamente il tutto puo’ creare qualche strascico futuro, quale sara’ il rapporto di equilibrio tra Ryanair/Wizzair e easyJet/Volotea?

Le ultime due sono state per lunghi anni il deterrente per respingere gli assalti delle prime due. Ma svariati fattori prima e i guai creati dal Covid-19 poi, hanno creato lo squilibrio che ha permesso a Ryanair / Wizz di mettere casa a Venezia. Una necessita’ per il domani. Un utopia fino a pochi anni fa.

Le lentezze di easyJet e forse qualche errore di Volotea hanno sicuramente creato i presupposti di sfondare “la porta” per entrare a Venezia.

Detto e fatto, tutto e’ accaduto, come mai si credeva. Oggi, anzi domani nel 2022 saranno in quattro: Ryanair con tre aerei da 197 posti, piu i tre di Treviso. easyJet da 7 e’ scesa a 2 barra 3. Cosa fara’ nel 2022 non si conosce. Volotea da 7/8 e’ scesa nel 2021 a 4. In piu’ i due maxi A321neo della Wizz da 240 posti.

Il dilemma e’ trovare gli spazi per tutte e 4. C’e’ da dimenticarsi che Ryanair a due/tre anni rimanga ferma a quelle tre macchine previste per il 2022. Ci sara spazio allora? Se va male, chi abbandonera’? Lo scopriremo forse prima dell’estate 2022 o forse al termine.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.