Vueling e Repsol insieme per il primo volo con carburante sostenibile della compagnia aerea


  • Vueling e Repsol hanno effettuato oggi il primo volo con combustibile di origine sostenibile della compagnia in occasione dell’inizio del Tourism Innovation Summit a Siviglia, durante il quale verranno analizzate le tematiche di sostenibilità e innovazione nel settore del turismo.
  • Il volo, operato con un Airbus A320neo di ultima generazione, ha permesso di ridurre le emissioni nell’atmosfera di 2,5 tonnellate di CO2, grazie a una miglior efficienza energetica e all’uso del biocarburante, che segna un ulteriore passo in avanti nel processo di decarbonizzazione del settore dell’aviazione.
  • Le due compagnie hanno siglato un accordo di cooperazione per creare un gruppo di lavoro volto a promuovere l’introduzione di carburante sostenibile nelle operazioni quotidiane di Vueling.
  • Aena supporta questa iniziativa e lavora a progetti di collaborazione a favore della produzione di combustibili sostenibili con l’obiettivo di promuoverne l’uso nell’aviazione.
  • Repsol, pioniere nella produzione di carburanti sostenibili per il settore dell’aviazione in Spagna, è stato incaricato di produrre attraverso oli vegetali sostenibili, nel suo complesso industriale di Tarragona, il biocarburante utilizzato durante il volo.
  • Con questo primo volo Vueling continua a progredire nel suo impegno per l’uso di carburanti alternativi nell’ambito del settore aereo, impiegando materie prime completamente sostenibili, come rifiuti urbani o biomassa. 
  • Vueling e Repsol hanno effettuato oggi il primo volo con combustibile di origine sostenibile della compagnia in occasione dell’inizio del Tourism Innovation Summit a Siviglia, durante il quale verranno analizzate le tematiche di sostenibilità e innovazione nel settore del turismo.
  • Il volo, operato con un Airbus A320neo di ultima generazione, ha permesso di ridurre le emissioni nell’atmosfera di 2,5 tonnellate di CO2, grazie a una miglior efficienza energetica e all’uso del biocarburante, che segna un ulteriore passo in avanti nel processo di decarbonizzazione del settore dell’aviazione.
  • Le due compagnie hanno siglato un accordo di cooperazione per creare un gruppo di lavoro volto a promuovere l’introduzione di carburante sostenibile nelle operazioni quotidiane di Vueling.
  • Aena supporta questa iniziativa e lavora a progetti di collaborazione a favore della produzione di combustibili sostenibili con l’obiettivo di promuoverne l’uso nell’aviazione.
  • Repsol, pioniere nella produzione di carburanti sostenibili per il settore dell’aviazione in Spagna, è stato incaricato di produrre attraverso oli vegetali sostenibili, nel suo complesso industriale di Tarragona, il biocarburante utilizzato durante il volo.
  • Con questo primo volo Vueling continua a progredire nel suo impegno per l’uso di carburanti alternativi nell’ambito del settore aereo, impiegando materie prime completamente sostenibili, come rifiuti urbani o biomassa. 

Vueling, compagnia aerea del Gruppo IAG, ha effettuato oggi sulla rotta tra Barcellona e Siviglia il suo primo volo con carburante di origine sostenibile, a marchio Repsol, pioniere nella produzione di carburanti sostenibili in Spagna. Nello specifico è stato usato un SAF (carburanti sostenibili per aeronautica), prodotto da biomasse nel complesso industriale di Tarragona. Tale lotto si aggiunge a quello lavorato presso la raffineria Repsol di Puertollano e a quello prodotto dai rifiuti presso la raffineria Petronor, impianto del Gruppo Repsol a Bilbao.

Il volo a bassa impronta di carbonio Barcellona – Siviglia, decollato alle 9:10 dall’aeroporto El Prat, è riuscito a ridurre le emissioni in atmosfera di 2,5 tonnellate di CO2, grazie all’efficienza garantita da un Airbus A320neo di nuova generazione, all’uso di biocarburanti e alle procedure di efficienza attuate. Vueling, infatti, vanta la terza flotta più giovane in Europa dal 2019 con il nuovo A320neo.

L’aereo è decollato dall’aeroporto di El Prat in direzione del Tourism Innovation Summit (TIS) in programma oggi a Siviglia. Un appuntamento in cui, per tre giorni, si analizzeranno la sostenibilità e l’innovazione nel settore turistico. Inoltre, sempre oggi, alla Conferenza sui cambiamenti climatici (COP26), a Glasgow, si discute della transizione globale verso il trasporto a zero emissioni. A questo proposito, Vueling sostiene che i governi dovrebbero incoraggiare la ricerca e lo sviluppo di questo tipo di carburante in modo da accelerare il suo utilizzo e per ottenere risultati più immediati. 

Dal 2012 Vueling ha messo a punto diverse iniziative che aiutano a ridurre il più possibile le emissioni. L’aereo, che ha percorso gli 820 chilometri che separano Barcellona da Siviglia, è riuscito a evitare l’emissione di circa 63 kg di CO2 grazie a importanti iniziative di riduzione del peso.

Questa iniziativa fa parte dell’accordo di collaborazione che Repsol e Vueling hanno firmato per creare un gruppo di lavoro e spingere l’introduzione di combustibili sostenibili nella quotidianità delle operazioni. Il suo obiettivo è promuovere la mobilità sostenibile nel settore dell’aviazione attraverso lo sviluppo e il consumo di nuovi carburanti a basso impatto ambientale, con particolare attenzione alla promozione di linee di ricerca nel campo dei carburanti alternativi di nuova generazione che utilizzino come materia prima – a breve termine – fonti pienamente sostenibili come i rifiuti urbani o la biomassa, e l’idrogeno rinnovabile, nel medio e lungo termine.

Questi combustibili sostenibili rappresenteranno l’opzione più sicura ed efficiente per ridurre le emissioni nel trasporto aereo nei prossimi anni, dove il processo di elettrificazione non è fattibile al momento e l’idrogeno rinnovabile richiede un livello più alto di maturità tecnologica.

Con questo primo volo, Vueling continua a progredire nel suo impegno per l’uso dei combustibili sostenibili nell’aviazione e affronta così la sfida della decarbonizzazione nel settore. Marco Sansavini, Presidente e CEO di Vueling, ha assicurato che “l’impegno di Vueling per l’ambiente è totaleIl primo volo con carburante sostenibile è un grande passo in avanti nel nostro impegno per ridurre le emissioni di CO2 e utilizzare il 10% di SAF entro il 2030. Si tratta di una conferma del reale possibile utilizzo di carburanti di ultima generazione per l’aviazione che sfruttino fonti completamente sostenibili come materie prime, rifiuti urbani e biomasse”.

Javier Sancho, Direttore del Complesso Industriale Repsol di Tarragona, ha affermato che “data l’importanza dei biocarburanti nella riduzione delle emissioni, Repsol lavora da 15 anni alla ricerca di diverse soluzioni a basso impatto ambientale applicate ai trasporti. È un pioniere nella produzione di carburanti per aviazione sostenibili in Spagna: ne è un esempio concreto il lotto di biojet prodotto a Tarragona e utilizzato su questo volo. La produzione di biocarburanti è uno dei principali assi del Piano Strategico Repsol 2021-2025, che ha l’obiettivo di trasformare il business industriale e raggiungere la neutralità carbonica entro il 2050”.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.