SACAL ritornerà pubblica

il

La SACAL ritornerà ad essere pubblica. E’ la società che gestisce gli aeroporti della Calabria.

Così si legge al link:

http://www.lametino.it/Ultimora/sacal-regione-accordo-con-lamezia-sviluppo-maggioranza-soci-e-pubblica.html

“La Regione Calabria e Lamezia Sviluppo comunicano di avere sottoscritto quest’oggi un’intesa per la cessione del pacchetto delle azioni nella Società aeroportuale calabrese (Sacal) che consente il passaggio del controllo dal socio privato alla Fincalabra, società in-house della Regione”. Lo riferisce una nota del portavoce del presidente della Regione Calabria Roberto Occhiuto. “Il trasferimento si perfezionerà – è detto nella nota – fra quindici giorni circa, non appena espletati i passaggi obbligatori di legge e di statuto. Le parti esprimono reciproca soddisfazione per il raggiungimento di un accordo dopo una lunga trattativa, avente come unico obiettivo la salvaguardia della società e dei suoi lavoratori, vista la situazione venutasi a creare nei mesi scorsi con l’ente di controllo Enac”

Occhiuto: “La Regione Calabria gestirà gli aeroporti calabresi”

“Detto e fatto. La Regione Calabria gestirà gli aeroporti calabresi”. Lo sottolinea il presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto, in un video pubblicato sulla sua pagina facebook, commentando la positiva conclusione della trattativa per il ritorno della Sacal, la società aeroportuale calabrese, sotto il controllo pubblico. “Avevo annunciato che avremmo acquisito le quote dal socio privato della società che gestisce gli aeroporti e oggi abbiamo concluso formalmente la trattativa – spiega – Fincalabra ha deliberato l’acquisto delle quote a un valore inferiore al valore nominale. Gli aeroporti sono troppo importanti per lo sviluppo turistico della Regione, perché la Regione possa svilupparsi anche economicamente, e la Regione ha interesse a sviluppare gli scali aeroportuali, quello di Lamezia, quello di Reggio e quello di Crotone, attraverso risorse che renderemo disponibili nei prossimi anni e attraverso un’interlocuzione più forte con i vettori, con Ita e con le compagnie low coast. Detto fatto”.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.