Dichiarazione di Sir Richard Branson: Fermare il mondo a finanziare la guerra di Putin

il

La dichiarazione di Richard Branson tramite il Virgin Group:

Da due mesi in Europa infuria una guerra brutale. L’invasione non provocata dell’Ucraina da parte della Russia continua a causare molti spargimenti di sangue e sofferenze, soprattutto tra i civili. Io, e molti leader aziendali che conosco in tutto il mondo, crediamo che non si stia facendo abbastanza per sostenere gli ucraini nella loro lotta per porre fine all’aggressione e impedire alla Russia di rubare grandi porzioni del loro paese. O peggio.

Ogni giorno che passa, sempre più ucraini combattono e muoiono, per la propria libertà, ma anche per la libertà di tutti noi. Stanno combattendo una guerra per l’umanità: dobbiamo presentarci per loro. Il futuro di un’Ucraina sovrana e autodeterminata è indissolubilmente legato al futuro della stessa democrazia liberale. Data questa alta posta in gioco, i paesi occidentali devono prendere la minaccia molto più seriamente e aumentare rapidamente il loro sostegno. Anche i cittadini devono fare la loro parte.

In primo luogo, è necessario un massiccio aumento degli aiuti militari ei governi della NATO e altri dovrebbero autorizzare immediatamente il trasferimento delle armi richieste dall’Ucraina. Il mondo non deve restare a guardare mentre le truppe russe appiattiscono città dopo città.

In secondo luogo, è assurdo che i paesi occidentali inviino miliardi di dollari in Russia per i combustibili fossili. L’importazione di petrolio e gas russi sta finanziando la guerra di Putin e deve cessare immediatamente.

In qualità di leader aziendale, è chiaro che possiamo farlo senza danneggiare i nostri paesi o le nostre economie. Un modo semplice è che tutte le democrazie occidentali riducano l’uso di petrolio e gas del 10% nei prossimi 12 mesi, rispetto al precedente anno pre-COVID. Ad esempio, se tutti i paesi europei dovessero fare questo per il petrolio, ridurrebbe la domanda totale europea di petrolio da 14,87 milioni di barili al giorno a 13,383 milioni, una riduzione di 1,487 milioni di barili al giorno. Ciò libererebbe carburante sufficiente per tagliare 550.000 barili al giorno che la Germania attualmente acquista dalla Russia e lascerebbe altri 937.000 barili al giorno per soddisfare le esigenze di Polonia, Slovacchia, Finlandia e Lituania e di altri importatori di petrolio russo dell’UE. Se gli Stati Uniti si unissero a questo sforzo europeo, l’impatto sarebbe ancora maggiore. Una serie simile di misure è stata suggerita per ridurre il consumo di gas naturale.

Come mostra una recente ricerca dell’AIE, l’introduzione di misure di emergenza potrebbe ridurre la domanda globale di petrolio di 2,7 milioni di barili al giorno in quattro mesi – leggi il piano in 10 punti dell’AIE per ridurre il consumo di petrolio. Esistono diversi modi per ridurre il consumo di combustibili fossili e i governi possono scegliere quali azioni intraprendere.

Un’opzione ovvia è l’introduzione di limiti di velocità. Se i membri dell’AIE dovessero ottenere una riduzione dei limiti di velocità di appena 10 miglia orarie, risparmierebbero circa 600.000 barili al giorno da auto e camion, più che sufficienti per sostituire i 550.000 barili che la Germania importa dalla Russia. Diverse ONG europee, guidate dalla European Transport Safety Association, hanno appena scritto all’UE suggerendo di ridurre i limiti di velocità. È un gioco da ragazzi, soprattutto per la Germania, dove migliaia di miglia di autostrada rimangono senza alcun limite di velocità.

Inoltre, le aziende potrebbero ridurre le loro operazioni meno redditizie. Gli individui potrebbero abbassare l’aria condizionata o il riscaldamento o condividere il viaggio occasionale in auto. È sorprendente quale enorme differenza possano fare alcuni di questi piccoli cambiamenti.

Nel frattempo, come ho scritto di recente, la rivoluzione dell’energia pulita deve essere accelerata da ogni Paese occidentale, in modo che non dipendiamo più dai combustibili fossili e ci muoviamo più velocemente verso lo zero netto. Anche questo ridurrà drasticamente ciò che tutti pagano per il loro carburante.

Come io e i miei colleghi leader del Team B abbiamo affermato: “Ora non è il momento della neutralità. L’invasione della Russia è immotivata e inaccettabile. Le prove delle atrocità commesse dalle truppe russe sui civili ucraini, tra cui donne e bambini, stanno aumentando”.

Compiti monumentali come questo richiedono la collaborazione tra il settore pubblico e quello privato. L’alternativa è che la guerra e la sofferenza del popolo ucraino continuino indefinitamente.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.