ANA HOLDINGS definisce le strategie di transizione climatica per raggiungere la neutralità carbonica 

il

· Le nuove strategie puntano a raggiungere gli obiettivi ambientali del Gruppo ANA per il 2030 e il 2050. 

· I 4 approcci strategici sono finalizzati a perseguire sia la crescita sostenibile che il miglioramento ambientale. 

Tokyo, 1° agosto 2022 – ANA HOLDINGS INC. ha annunciato oggi le sue strategie di transizione per accelerare la decarbonizzazione e ridurre le emissioni di carbonio delle operazioni di volo a net-zero entro il 2050. 

“Siamo focalizzati a raggiungere i nostri obiettivi di sostenibilità entro il 2050 e stiamo investendo in diverse aree per rispettare i nostri impegni”, ha dichiarato Koji Shibata, President e CEO di ANA HOLDINGS INC. “La sostenibilità è una priorità assoluta per ANA e, stabilendo queste strategie di transizione, speriamo di guidare il settore aereo verso un futuro a zero emissioni di carbonio”

Principali iniziative delle strategie di transizione: 

1. Operazioni di volo e miglioramenti dell’infrastruttura, sviluppi tecnologici l Ridurre il consumo di carburante migliorando le operazioni di volo degli aerei, pulendo regolarmente l’interno del motore e riducendo il peso delle apparecchiature installate. l Innovazione del sistema di traffico aereo in collaborazione con il Ministero del Territorio, delle Infrastrutture, dei Trasporti e del Turismo. l Fare maggiore affidamento su aeromobili e motori dotati di tecnologie in grado di ottimizzare l’efficienza del carburante. 

2. SAF e altre potenziali fonti 

energetiche più pulite l Incrementare l’uso di SAF prodotto da fonti sostenibili come olio vegetale, zucchero, grasso animale e biomassa di scarto. 

3. Schemi di scambio di emissioni l Compensare le emissioni di CO2 acquistando crediti di emissione che supportano la riduzione delle emissioni in attività commerciali al di fuori dell’industria aeronautica. 

4. Tecnologie a emissioni negative 

(NET) l Utilizzare il Direct Air Capture (DAC) e nuove tecnologie di rimozione di CO2. 

Per contribuire al raggiungimento degli obiettivi di riduzione delle emissioni di CO2, il Gruppo ANA prevede di sostituire il 10% o più del suo consumo di carburante con SAF entro il 2030. Mentre entro il 2050 quasi tutto il consumo di carburante di ANA arriverà da fonti a bassa emissione di carbonio. 

Per le emissioni di CO2 che non possono essere ridotte con le misure di cui sopra, il Gruppo ANA studierà l’uso di tecnologie NET, tra cui il DAC, che sono in fase di sviluppo a livello globale, puntando a raggiungere net zero (neutralità carbonica) entro l’anno fiscale 2050. 

Inoltre, il Gruppo ANA ha stretto accordi con i principali produttori di aeromobili per condurre congiuntamente progetti di ricerca su tecnologie all’avanguardia finalizzati a ottimizzare gli sforzi di sostenibilità della compagnia. 

Con Airbus, ANA ha stipulato un accordo su un progetto di ricerca congiunto per lo sviluppo di aerei e infrastrutture a idrogeno. Sebbene gli aerei a idrogeno e/o a energia elettrica non siano al momento inclusi nella strategia di transizione del vettore, la partnership aiuterà il Gruppo ANA a diversificare la gamma di opzioni per raggiungere gli obiettivi ambientali del Gruppo, ottenendo informazioni tempestive sulle tecnologie più innovative e sull’ecosistema globale. 

Con Boeing, ANA collaborerà allo sviluppo e all’utilizzo di tecnologie sostenibili in Giappone, tra cui sistemi di propulsione elettrici, ibridi, a idrogeno e altri sistemi innovativi. 

Al fine di raccogliere fondi per l’attuazione di queste strategie, ANA ha creato un Green Bond Framework. Questo quadro di riferimento si basa sui Green Bond Principles (GBP) 2021 (i “Principi”) pubblicati dall’International Capital Market Association (ICMA) e sulle Green Bond Guidelines 2022 (le “Linee guida”) pubblicate dal Ministero dell’Ambiente del Giappone. La compagnia ha ottenuto dalla Japan Credit Rating Agency, Ltd. (JCR) un parere da terza parte per confermare l’allineamento con i Principi e con le Linee guida. La data, l’importo e gli altri dettagli dell’emissione dei Green Bond basati su questo Framework saranno decisi in futuro in base all’andamento del mercato e del tasso di interesse. 

Utilizzo dei proventi sulla base del Green Bond Framework: 

· Acquisto di SAF 

· Investimenti in progetti/aziende che mirano ad aumentare il SAF disponibile 

· Investimenti nell’utilizzo di tecnologie a emissioni negative. 

Il Gruppo ANA, proattivo nei suoi sforzi di decarbonizzazione in collaborazione con le varie parti interessate, è stato il primo vettore giapponese a utilizzare il SAF nei suoi voli regolari. ANA continuerà a monitorare le tendenze globali del cambiamento climatico per promuovere la decarbonizzazione e la sostenibilità del settore dell’aviazione e continuare a contribuire alla realizzazione di una società a zero emissioni. 

Il presente comunicato stampa è stato redatto al solo scopo di annunciare pubblicamente l’istituzione delle Strategie di Transizione e l’emissione delle Obbligazioni da parte del Gruppo ANA, e non per sollecitare investimenti o intraprendere altre attività simili all’interno o all’esterno del Giappone.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.