I risultati del secondo trimestre di TAP mostrano una forte ripresa operativa e finanziaria

il


TAP – Air Portugal ha pubblicato questo rapporto finanziario:

TAP si sta riprendendo dalla crisi, con ASK, numero di passeggeri e numero di partenze che hanno raggiunto tra l’81% e il 92% dei livelli pre-crisi 2019, mentre i ricavi hanno raggiunto il 99% del livello pre-crisi nel secondo trimestre del 2019 (” 2Q19”).

PRASK è aumentato rispettivamente dell’80,7% e dell’8,5% rispetto al 2trim21 e al 2trim19, con il fattore di carico in aumento di 32 punti percentuali rispetto al 2trim21 all’80,4%, raggiungendo il 96% dei livelli pre-crisi 2019.

Nel 2Q22 si è registrato un forte risultato operativo, con un EBIT positivo e un EBIT ricorrente pari rispettivamente a 66,4 milioni di euro e 47,9 milioni di euro, al di sopra dei livelli pre-crisi.

L’utile netto cumulato per il primo semestre 2022 è stato di -202,1 milioni di euro, ancora chiaramente negativo, ma migliore di 291,1 milioni di euro rispetto allo stesso periodo del 2021 e in miglioramento rispetto al trimestre precedente.

Si registra un aumento della posizione di liquidità a 889,8 milioni di euro, a guardia del fatto che il secondo semestre è stagionalmente il maggior consumatore di liquidità.

Christine Ourmières-Widener, amministratore delegato di TAP, ha dichiarato: “Il secondo trimestre ha visto una domanda molto buona e maggiori entrate per passeggero, che ci hanno permesso di compensare l’aumento dei costi. Le prospettive per il quarto trimestre e il prossimo anno restano incerte. L’esecuzione del piano di ristrutturazione rimane fondamentale”.

L’analisi delle operazioni nel secondo trimestre del 2022 mostra che il numero di passeggeri trasportati è quadruplicato, rispetto allo stesso periodo del 2021, raggiungendo l’82% dei livelli del 2trim19. Inoltre, durante questo periodo, TAP ha operato più del doppio dei voli rispetto al 2Q21, ovvero l’81% delle partenze del 2Q19.

La capacità (misurata in ASK) è aumentata di quasi tre volte rispetto al 2trim21, con il fattore di carico in miglioramento di 32 p.p. rispetto allo stesso periodo del 2021, raggiungendo l’80,4%. Rispetto al 2Q19, ASK è al 92% e Load Factor al 96% dei livelli pre-crisi.

I ricavi operativi sono stati quasi quattro volte superiori rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, con un aumento di 597,4 milioni di euro a 830,6 milioni di euro, pari al 99% dei ricavi operativi del 2trim19. Ciò è stato principalmente determinato dall’aumento delle tariffe e dalla maggiore capacità, che ha portato a un aumento dei ricavi del segmento passeggeri di 586,4 milioni di EUR rispetto al 2Q21 a 740 milioni di EUR e alla generazione di un PRASK di 6,16 centesimi di EUR, un miglioramento dell’80,7% rispetto al 2Q21 e dell’8,5% rispetto al nello stesso trimestre del 2019.

Le aree Maintenance e Cargo hanno contribuito all’incremento dei ricavi rispettivamente con 7,8 milioni di euro e 7,3 milioni di euro. L’area Manutenzione ha chiuso il secondo trimestre con ricavi per 18 milioni di euro, in crescita del 76,9% rispetto al 2Q21. A loro volta, i ricavi dell’area Cargo sono stati pari a 67,4 milioni di euro, in crescita del 12,2% rispetto al 2Q21.

I costi operativi ricorrenti ammontano a 782,7 milioni di euro, in aumento del 92,5% rispetto al 2Q21. Questo aumento significativo riflette il livello più elevato di attività, dato un aumento ASK del 166,5% durante questo periodo. Rispetto allo stesso periodo del 2019, i costi operativi ricorrenti sono diminuiti del 4,1%, nonostante un aumento dei costi del carburante di 71,6 milioni di euro.

Il CASK dei costi operativi ricorrenti ha registrato una riduzione del 27,8% rispetto al 2trim21 a 6,52 centesimi di euro, che si confronta anche con 6,25 centesimi di euro nel 2trim19 (ovvero, +4,4%). Escludendo il carburante, la riduzione dei costi unitari è ancora più visibile, con una riduzione del 45,4% rispetto al 2Q21 e del 9,9% rispetto al 2Q19 di CASK ex carburante.

I costi del carburante sono aumentati di 217,5 milioni di euro rispetto al 2trim21, o quasi cinque volte, a 277 milioni di euro. Si registra, tuttavia, un effetto di copertura positivo per 54,5 milioni di euro, che ha parzialmente compensato il forte aumento del prezzo di mercato del carburante per jet osservato nel trimestre.

L’EBITDA ricorrente, che ha registrato per il quarto trimestre consecutivo un dato positivo, ha raggiunto i 156,8 milioni di euro nel 2Q22. Ciò rappresenta un aumento di 211,7 milioni di EUR rispetto allo stesso periodo del 2021.

L’EBIT ricorrente ha raggiunto 47,9 milioni di euro, in aumento di 221,4 milioni di euro rispetto al 2Q21. Considerando le componenti non ricorrenti, l’EBIT è positivo per 66,4 milioni di euro (+216,1 milioni di euro rispetto al 2Q21). Rispetto al 2trim19, l’EBIT ricorrente e l’EBIT sono migliorati rispettivamente di 29 milioni di euro e 50 milioni di euro.

Le poste non ricorrenti, principalmente legate al rilascio di fondi per riduzione della stima dei costi per contenziosi e rischi transattivi relativi alla chiusura di M&E Brazil, hanno complessivamente avuto un impatto positivo sui risultati per 18,5 milioni di euro.

L’utile netto migliora di 47,6 milioni di euro rispetto al 2trim21 a -80,4 milioni di euro, nonostante l’impatto netto negativo delle differenze cambio di 58,2 milioni di euro derivanti dall’evoluzione sfavorevole dell’euro rispetto al dollaro statunitense.

Il bilancio ha mostrato una forte posizione di disponibilità liquide e mezzi equivalenti di 889,9 milioni di euro alla fine del trimestre, aumentando i livelli di liquidità rispetto sia al 4trim21 che al 1trim22.

La posizione di cassa al 30 giugno 2022 era più di 1,5 volte superiore rispetto alla stessa data del 2021, riflettendo un aumento di 347 milioni di EUR. Il contributo di 990 milioni di euro approvato dalla Commissione Europea nel piano di ristrutturazione di TAP è ancora pendente e dovrebbe essere eseguito entro la fine dell’anno.

Dal punto di vista operativo sono state riaperte in totale sette destinazioni temporaneamente sospese (di cui quattro stagionali dalla stagione estiva), come: Ibiza, Tangeri, Djerba, Monastir, Alicante, Boa Vista e Caracas.

Con il rilancio di Boa Vista, TAP Air Portugal riprende le operazioni verso tutti gli aeroporti internazionali di Capo Verde e, con il rilancio di Caracas, vengono ripristinate le operazioni verso tutte le destinazioni a lungo raggio.

Per quanto riguarda la flotta operativa, nel trimestre TAP ha registrato un incremento netto di tre aeromobili a 96. Al 30 giugno 2022 il 66% della flotta operativa di medio e lungo raggio era costituita da aeromobili della famiglia NEO (rispetto al 63% del 30 giugno 2021 e 27% il 30 giugno 2019).

Primo semestre

Guardando al primo semestre da inizio anno, i ricavi hanno raggiunto 1 321,2 milioni di EUR nel periodo, con un aumento del 245% rispetto al 1H21. Insieme al maggiore livello di attività (ASK è aumentato del 217%), anche i costi operativi hanno registrato un aumento significativo del 73% a 1 316,8 milioni di EUR, portando a un EBIT positivo di 4,4 milioni di EUR, con un aumento di 381,7 milioni di EUR rispetto al 1H21 .

Positivo anche l’EBIT ricorrente, escluse le componenti non ricorrenti per -3 milioni di euro, per 1,4 milioni di euro. Gli interessi netti e gli andamenti valutari sfavorevoli, in particolare nel secondo trimestre, hanno portato a un utile netto di -202,1 milioni di EUR, ancora 291,1 milioni di EUR in meglio rispetto allo stesso semestre del 2021 (“1H21”).

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.