$ 1,1 MILIARDI È L’IMPATTO ECONOMICO PRODOTTO NEL 2017 DAI VISITATORI D’OLTEOCEANO

Philadelphia, Settembre 2018 – Secondo i dati pubblicati da Tourism Economics, Philadelphia ha accolto 648.000 visitatori internazionali nel 2017, in aumento del 9% rispetto agli ultimi cinque anni. Anche le spese dirette dei visitatori d’oltreoceano sono aumentate del 7,2% anno dopo anno, per un totale di $ 651 milioni. In totale, l’impatto economico generato attraverso i visitatori oltreoceano a Philadelphia è salito a $ 1,1 miliardi.

I principali mercati sono Regno Unito, Cina, Germania, India e Francia. Il mercato in più rapida crescita, tra i primi 15, è la Corea del Sud, con una crescita significativa del 18,1% su base annua.

Il Philadelphia Convention and Visitors Bureau (PHLCVB), l’agenzia ufficiale di promozione turistica della città di Philadelphia, ha sette uffici di rappresentanza in tutto il mondo e promuove attivamente la città in 23 mercati globali. In collaborazione con, e sotto la direzione di, un team con sede a Philadelphia. Questi uffici internazionali lavorano per trasmettere il messaggio di Philadelphia e ispirare i viaggi nella regione.

“Le visite d’oltreoceano a Philadelphia hanno una tendenza al rialzo molto positiva”, ha dichiarato Julie Coker Graham, Presidente e CEO del PHLCVB. “A livello globale, i visitatori riconoscono che la città è una destinazione accogliente e ricca. Al PHLCVB abbiamo progettato una formula vincente per stimolare la crescita dei viaggi nei mercati emergenti attraverso i nostri uffici di rappresentanza e le sales missions. In media, ogni visitatore straniero ha speso $ 1,004 a Philadelphia durante la sua permanenza, un aumento del 6,5% rispetto al 2016. “

In genere, i visitatori stranieri sono più interessati alle attività del tempo libero, tra cui shopping, visite turistiche, visite alle gallerie d’arte e ai musei della città, nonché ai parchi pubblici e ai monumenti storici della città. Inoltre, il team Global Tourism di Philadelphia ha partecipato a 25 fiere nazionali e internazionali, a 15 sales missions in 16 paesi e ha ospitato 320 professionisti del settore di viaggi provenienti da 22 paesi.

Per integrare queste iniziative, nell’estate 2018 il PHLCVB ha anche rilasciato una nuova campagna di marketing intitolata “Frankly Philadelphia”. Il nuovo audace video di presentazione della destinazione e la guida turistica internazionale, pubblicata in otto lingue, sottolineano la personalità e l’entusiasmo di Philadelphia per i mercati internazionali.

Secondo una previsione rilasciata di recente da STR, Inc., gli hotel del centro città sono pronti per un altro anno record in termini di occupazione, che attualmente raggiunge il 79,4%. Durante i primi sei mesi del 2018, gli hotel del centro città hanno venduto 102.000 pernottamenti in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Questa crescita è dovuta in gran parte a un ricco calendario di convention.

Inoltre, grazie agli sforzi del Philadelphia International Airport, sotto la guida di Rochelle Cameron, il nuovo servizio aereo internazionale di Icelandair, American Airlines e Aer Lingus ha rafforzato il ruolo di Philadelphia come città di accesso negli Stati Uniti. Dall’Italia, in particolare, dal 6 giugno del 2019 un nuovo volo diretto dell’American Airlines collegherà l’aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna con Philadelphia. Il nuovo volo si aggiunge ai voli diretti già esistenti da Roma e Venezia.

Per ulteriori informazioni sul lavoro di PHLCVB nei mercati internazionali, visita www.discoverPHL.com/international.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.