AEROPORTO PALERMO, Il 2018 SI CHIUDE CON 6.601.472 PASSEGGERI, + 14,75%, 848MILA IN PIU’ DEL 2017

BOOM DI TRANSITI NELLE ROTTE INTERNAZIONALI:
1.674.583 (+23,74%)
Chiusura d’anno con i botti all’aeroporto di Palermo Falcone Borsellino: 6.601.472
passeggeri (+14,75%), 848mila viaggiatori in più del 2017.
TRAFFICO PASSEGGERI
Dai dati elaborati dall’ufficio statistiche della Gesap, la società di gestione dell’aeroporto di
Palermo, dicembre 2018 si è chiuso a quota 457.798 passeggeri, +7,96% (33.739 in più
rispetto a dicembre 2017), mentre i movimenti (379) sono cresciuti del 6% (190 in più).
Con la crescita di quasi il 15% e untotale passeggeri di 6.601.472,lo scalo palermitano si
colloca al secondo posto tra gli aeroporti italiani con più di 5 milioni di transiti per avere
raggiunto, nel 2018, una maggiore crescita percentuale di passeggeri, primo tra gli aeroporti
siciliani. Anche sul versante del numero di voli effettuati dalle due piste del Falcone
Borsellino si registrano dati più che positivi: in totale sono stati effettuati 48.287
movimenti, con un aumento di 4.629 (+10,6%) rispetto al 2017.
TRAFFICO NAZIONALE
Durante il 2018 i passeggeri dei voli nazionali sono stati quasi 5 milioni (4.926.889), che
corrisponde a un incremento del 12% (+527mila passeggeri) rispetto al 2017. I movimenti
nazionali (36.571) sono aumentati del 7,57% (+2.574).
TRAFFICO INTERNAZIONALE
Boom di passeggeri internazionali: 1.674.583, cioè un incremento del 23,74% (oltre 321mila
viaggiatori in più rispetto al 2017). Percentuali in crescita anche per i movimenti
internazionali: 11.716 (+21,27%), con un aumento di 2.055 movimenti.
TOP FIVE COMPAGNIE AEREE
Le prime cinque compagnie per volume di traffico sono: Ryanair, Alitalia, Volotea, EasyJet
Group e Vueling.
ROTTE NAZIONALI
Le rotte nazionali con più traffico passeggeri sono: Roma Fiumicino, Milano Malpensa,
Milano Linate, Bergamo e Bologna.
ROTTE INTERNAZIONALI
Le rotte internazionali preferite sono: Parigi (ORY), Londra (STN), Monaco, Londra (LGW)
e Madrid.
LE DESTINAZIONI ANNUALI
L’aeroporto di Palermo conta 41 destinazioni operative per tutto l’anno. Nel 2018 sono state
aperte cinque nuove rotte annuali: Ancona, Atene, Bruxelles, Colonia, Mosca Vnukovo.

Per la Summer 2019 sono state confermate le destinazioni Luton e Liverpool (EasyJet), Manchester (Ryanair) e l’incremento delle frequenze per Londra Heathrow (British Airways) e Zurigo (Swiss). Al momento sono state ufficializzate alcune nuove rotte estive: Pescara e Cagliari (Volotea); Bruxelles Charleroi, Atene, Colonia (Ryanair); Dusseldorf (Ryanair – Laudamotion); Dusseldorf (Condor); Nantes (Transavia); Mosca Vnukovo (Pobeda).

INFRASTRUTTURE

Il 2019 sarà un anno importante per l’aeroporto di Palermo. Oltre al consolidamento dell’aumento del traffico passeggeri e all’aumento del numero di rotte, contestualmente a un ventaglio di nuove destinazione, il prossimo aprile apriranno i cantieri per l’adeguamento sismico dell’aerostazione e per l’ampliamento del terminal passeggeri. Mille giorni di lavori per il primo lotto funzionale (oltre 48 milioni di euro di fondi Gesap)

Gli interventi riguarderanno complessivamente: l’adeguamento alla normativa antisismica; la ristrutturazione architettonica del terminal passeggeri; la realizzazione di impianti elettrici, idrici, meccanici, speciali, antincendio e fotovoltaici; opere accessorie, come rampe pedonali, pontili di collegamento al piazzale aeromobili, per garantire la piena funzionalità dell’edificio nell’assetto finale; omogeneità da un punto di vista architettonico, sia per gli esterni sia per gli interni; aumento del numero dei gate d’imbarco, dei varchi di sicurezza e dei banchi check-in.

Saranno riconfigurate le sale per i passeggeri e per i viaggiatori a ridotta mobilità (Prm); saranno creati nuovi uffici per gli enti che hanno sede in aeroporto, per gli handler e la biglietteria. Sarà ammodernata la sala per la restituzione dei bagagli, così come l’area arrivi Shengen e imbarchi extra Shengen. Fronte unico per i varchi di sicurezza, che passeranno da 14 a 18. Su un unico fronte anche i banchi check-in, che cresceranno di 9 unità: da 35 a 44, mentre i gates passeranno da 14 a 16. Nuovi ristoranti, locali terrazza e lounge vip. A fine intervento l’area complessiva del terminal aumenterà del 21%. La superficie complessiva infatti passerà dagli attuali 37.264 metri quadrati ai 44.977 a fine intervento Gli interventi avranno carattere puntuale e diffuso e investono l’intera aerostazione, coinvolgendo contemporaneamente diverse zone nei diversi piani, senza mai investire intere aree funzionali. Le opere progettate, infatti, saranno realizzate secondo una precisa scansione temporale, con l’obiettivo di mantenere costantemente in esercizio aerostazione e di contenere al massimo eventuali disagi.

“L’anno che sta per finire è stato eccezionale – dice Tullio Giuffré, presidente di Gesap – e premia gli sforzi e gli investimenti messi in campo dalla società di gestione, sia sul fronte dei servizi ai passeggeri sia su quello delle relazioni con le compagnie aeree. Tuttavia, questi importanti risultati vanno legati certamente all’immagine rinata di Palermo ed agli eventi nazionali e di caratura internazionale che si svolgono in città. Alla soddisfazione per il posizionamento rilevante sia in campo nazionale sia in Europa – conclude Giuffré – nel 2019 porteremo a termine obiettivi ancora più sfidanti, utili al consolidamento dello scalo. Per tali ragioni desidero rivolgere un ringraziamento e l’augurio di buon lavoro al personale Gesap e agli operatori aeroportuali”.

INDICI ECONOMICI

Nel 2018 gli investimenti realizzati sono stati 8,5 milioni, di cui 8,1 con fondi Gesap. Nel 2019 sono stati programmati investimenti per 31 milioni di euro. Dal consuntivo di fine anno si prevede +10% di ricavi commerciali rispetto al 2017 e +16% di ricavi aviation. Il valore della produzione è di +13,5%, mentre l’EBITDA (la differenza tra valore e costo di produzione) segna +76% (11,5 milioni di euro). L’utile netto è triplicato rispetto all’anno precedente e tocca i 3 milioni di euro, dopo le imposte.

“Il 2018 è stato l’anno dei record – afferma Giovanni Scalia, amministratore delegato di Gesap – Il 2019 sarà l’anno dello sviluppo e della crescita. Con i lavori di ampliamento, l’area commerciale crescerà del 42%, la superficie commerciale infatti passerà da 2.890 a 4.100 metri quadrati, mentre le zone retail passeranno da 10 a 19 e le zone food & beverage da sei a dieci. Lo sviluppo delle aree commerciali porterà benefici in termini di ricavo addizionale lordo non aviation per almeno 5 milioni di euro all’anno. Inoltre – conclude Scalia – stiamo portando avanti i progetti finalizzati a sviluppare il settore cargo e l’area di aviazione generale del segmento luxury”.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.