ANA testa autobus senza conducente all’interno dell’aeroporto di Haneda

il

• Dopo i primi successi, ANA inizia la seconda fase di test del bus autonomo.

• L’obiettivo è implementare la tecnologia degli autobus senza conducente all’aeroporto di Haneda entro il 2020.

28 gennaio 2019 – All Nippon Airways (ANA) – la più grande compagnia aerea giapponese, premiata con il riconoscimento 5-star di SKYTRAX per sei anni consecutivi – sta avviando la seconda fase di test di un autobus autonomo, senza conducente, all’aeroporto Haneda di Tokyo.

ANA sta conducendo i test in collaborazione con Aichi Steel, SB Drive Corp., Advanced Smart Mobility Co., Ltd., NIPPO CORPORATION e NEC Corporation. Se le prove, effettuate in un’area ristretta dell’aeroporto e con una tecnica di guida autonoma di Livello 3*, avranno esito positivo, ANA punta a implementare la tecnologia di autobus senza conducente all’aeroporto entro il 2020.

“In ANA ci impegniamo costantemente per far progredire il settore”, ha dichiarato Shigeru Hattori, Senior Vice President di ANA. “Questo bus autonomo contribuirà a facilitare il flusso di traffico nell’aeroporto e contribuirà a migliorare l’esperienza di viaggio per i passeggeri. Oltre ad aumentare la comodità, l’autobus autonomo permetterà anche viaggi più sicuri all’interno dell’aeroporto, e continueremo i test fino a quando la tecnologia non raggiungerà i nostril alti standard di sicurezza”.

La prima fase di test è stata condotta nel febbraio 2018 in collaborazione con SB Drive Corp. Oltre ai test che ANA sta conducendo ad Haneda, altre prove saranno portate avanti anche presso gli aeroporti di Tokyo Narita, Sendai e Nagoya da altre compagnie.

L’autobus autonomo funzionerà con l’aiuto di segnalatori magnetici integrati nel terreno che aiuteranno a guidarlo lungo il suo percorso. I sensori presenti sul mezzo consentiranno al bus di seguire i segnalatori e di viaggiare senza problemi, anche se i segnali GPS non sono disponibili.

Durante il test, il bus sarà dotato anche di un sistema di controllo avanzato chiamato “Dispatcher”, che consente all’operatore di monitorare i progressi in tempo reale e assumere il controllo quando necessario. Il sistema fornisce un feedback costante in tempo reale che l’operatore può utilizzare per valutare l’interno e l’esterno del veicolo in ogni momento.

Il bus autonomo è solo l’ultimo esempio dell’impegno ANA per rimanere all’avanguardia nella tecnologia e nel servizio clienti.

* Livello 3 significa che il sistema autonomo è in funzione, ma qualora il sistema non rispondesse correttamente, un conducente umano nel veicolo può prendere in mano la guida.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.