Gli equipaggi di easyJet si offrono volontari per supportare l’ospedale da campo ExCeL del Servizio Sanitario inglese

il

  • L’NHS (Servizio Sanitario inglese) ha chiesto l’aiuto degli equipaggi di easyJet per supportare il personale sanitario in prima linea grazie alla loro formazione di primo soccorso.
  • A partire dalla prossima settimana, gli equipaggi si uniranno all’ospedale da campo ExCeL del Servizio Sanitario inglese. 

Gli equipaggi di easyJet si offrono volontari per supportare l’ospedale da campo ExCeL dell’NHS, il Servizio Sanitario Nazionale britannico, fornendo un contributo fondamentale per sostenere il personale sanitario, in prima linea per combattere la pandemia di Coronavirus nel Regno Unito. L’NHS si avvarrà dell’aiuto degli equipaggi con lo scopo di supportare il personale dei nuovi ospedali Nightingale.

I volontari svolgeranno ruoli di supporto clinico, sotto la supervisione di infermieri e medici nei reparti degli ospedali Nightingale dell’NHS in tutto il paese. L’NHS ha confermato che sono attualmente in fase di costruzione strutture dedicate a Londra, Birmingham e Manchester, con altre in via di definizione.

Cambieranno i letti, si occuperanno dei pazienti e cercheranno di alleviare il più possibile il loro ricovero: gli equipaggi delle compagnie aeree sono volontari ideali per queste attività, in quanto possiedono le nozioni di primo soccorso e altre competenze sanitarie, oltre al nulla osta di sicurezza. Una formazione professionale sarà in ogni caso fornita a tutte le nuove reclute al momento dell’iscrizione. Con la maggior parte dei voli attualmente sospesi a causa della pandemia, gli equipaggi saranno in grado di mettere a frutto le proprie competenze durante questo periodo per fornire il supporto necessario al NHS. easyJet ha circa 4000 membri dell’equipaggio nel Regno Unito, considerando tutte le 11 basi easyJet nel Paese.

Tina Milton, Direttore dei servizi di bordo di easyJet, ha commentato:

“Ad un certo punto della nostra vita, tutti abbiamo avuto bisogno del servizio sanitario nazionale e quindi siamo davvero orgogliosi che i nostri equipaggi possano offrire il proprio contributo in questo momento difficile.”

“L’NHS è in prima linea nell’affrontare questa emergenza sanitaria. La formazione e le competenze dei nostri equipaggi potrebbero contribuire a fare la differenza, se messe a disposizione dei professionisti del settore medico”.

Ruth May, responsabile dei servizi infermieristici di NHS per l’Inghilterra, ha detto:

“Infermieri, medici e altro personale sanitario e sociale di vitale importanza lavorano giorno e notte per fornire la migliore assistenza possibile ai pazienti, mentre il servizio sanitario nazionale continua a combattere questa pandemia globale.

“Il servizio sanitario nazionale si sta mobilitando come mai prima d’ora, ma la portata di questa sfida non è stata vista in tempo di pace, quindi abbiamo bisogno di tutto il sostegno possibile.

“Migliaia di infermieri, medici e altro personale esperto stanno tornando a lavorare al nostro fianco, ma abbiamo bisogno che tutti facciano la loro parte – che si tratti di lavorare in uno dei nostri attuali servizi sanitari o di assistenza sociale, di lavorare al Nightingale Hospital, di fare volontariato per aiutare il NHS o di seguire i consigli del governo per rimanere a casa, proteggere il Sistema Sanitario e salvare vite umane”.

Ashley Brown, da tre anni assistente di volo di easyJet e precedentemente impiegato nel Servizio Sanitario Nazionale, ha spiegato il motivo per cui si è offerto volontario:

“Io, come tutti, sono molto grato ai nostri operatori del Sistema Sanitario per tutto quello che stanno facendo per il Paese. Sappiamo tutti quanto siano sotto pressione in questo momento e quindi quando è arrivato l’appello per fornire assistenza, mi sono sentito in dovere di offrirmi volontario. Prima di entrare a far parte di easyJet ho lavorato per l’NHS, quindi conosco bene il valore del servizio sanitario e mi sento quindi entusiasta di sostenerlo ancora una volta.

“Gli assistenti di volo sono in grado di aiutare grazie alla formazione di primo soccorso che riceviamo per il nostro lavoro e ai controlli di sicurezza a cui siamo sottoposti, quindi sono sicuro che sarò affiancato da molti dei miei colleghi di easyJet e sono contento che possiamo essere di aiuto”.

La compagnia aerea ha lavorato con l’NHS per consentire sia ai suoi equipaggi sia alle persone della sede centrale di prestare volontariato durante questo periodo. 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.