Brussels Airlines segnala una perdita nel primo semestre di 182 milioni di euro a causa della pandemia di coronavirus

il

Header image

A seguito della pandemia di coronavirus e del suo impatto senza precedenti sul settore dell’aviazione, Brussels Airlines segnala una perdita di -182 milioni di euro nei primi sei mesi del 2020, nonostante le drastiche misure di controllo dei costi adottate per combattere la crisi. I ricavi del primo semestre sono scesi a 252 milioni di euro, il 63% in meno rispetto al livello dell’anno precedente. (H1 2019: 684 milioni di EUR). Brussels Airlines ha trasportato il 67% in meno di passeggeri tra gennaio e giugno e il fattore di carico del sedile è sceso di 7,4 punti percentuali al 72,4%.

Il coronavirus, che ha bloccato l’aviazione in tutto il mondo nel giro di poche settimane, ha avuto un impatto drammatico sui risultati finanziari di Brussels Airlines nella prima metà del 2020.

Brussels Airlines ha temporaneamente sospeso tutti i voli di linea dal 21 marzo al 14 giugno 2020. Sono state mantenute capacità di volo minime per il rimpatrio di cittadini belgi e tedeschi, per il trasporto di apparecchiature mediche in Africa e per il trasporto di mascherine mediche dalla Cina. Il 15 giugno la compagnia aerea ha finalmente rilanciato i suoi voli commerciali, con una rete limitata.

Di conseguenza, la compagnia aerea riporta un EBIT rettificato di -182 milioni di euro per i primi sei mesi dell’anno (primo semestre 2019: -36 milioni di euro). L’EBIT è sceso a -211 milioni di EUR (anno precedente: -36 milioni di EUR). La differenza rispetto all’EBIT adjusted è dovuta a svalutazioni di 29 milioni di euro su asset per diritto d’uso costituiti da due Airbus A330-200 e otto Airbus A319 già nel primo trimestre.

I ricavi sono diminuiti del 63%, passando da 684 milioni di euro a 252 milioni di euro. Brussels Airlines ha trasportato 1.590.448 passeggeri tra gennaio e giugno, rispetto ai 4.854.603 dello scorso anno. Sono stati operati 14.114 voli, in calo del 64% rispetto ai 39.267 voli della prima metà del 2019. Il load factor dei posti è sceso di 7,4 punti percentuali dal 79,8% al 72,4%.

In risposta alla crisi, Brussels Airlines ha intrapreso azioni immediate e drastiche non solo per ridurre i costi variabili ma anche per ridurre i costi fissi (disoccupazione tecnica per il personale; interruzione di tutti i contratti temporanei; trattative con i fornitori; interruzione di tutti i progetti e investimenti …). I costi operativi totali sono diminuiti del 39% a 463 milioni di euro, principalmente a causa del calo correlato al volume e delle misure nel costo di materiali e servizi.

Il programma di inversione di tendenza Reboot Plus, che era già pianificato prima della crisi del coronavirus, è ora ulteriormente intensificato a seguito dell’epidemia di coronavirus. Con Reboot Plus, Brussels Airlines sta affrontando strutturalmente la sua struttura dei costi e ottimizza la sua rete tagliando rotte marginalmente redditizie e non redditizie, con una riduzione della flotta del 30%. La dimensione complessiva dell’azienda, e di conseguenza la sua forza lavoro, si ridurrà del 25%. Allo stesso tempo, la compagnia aerea si concentra sulla redditività strutturale al fine di consentire una crescita solida. Il vettore deve quindi ridurre i costi complessivi, aumentare l’efficienza e la produttività. Per raggiungere il suo obiettivo di maggiore competitività e redditività strutturale, Brussels Airlines adotta diverse misure; come i negoziati con i locatori per ridurre le dimensioni della sua flotta; riduzione dei costi tramite trattative con i fornitori; semplificazione e automazione dei processi; aumento dell’efficienza a livello di operazioni e allineamento del prodotto con le compagnie aeree di rete del Gruppo Lufthansa.

In linea con il proprio piano di ristrutturazione e per superare l’attuale crisi, l’azienda ha recentemente raggiunto due importanti traguardi. In primo luogo, si potrebbe raggiungere un accordo con le parti sociali per il turnaround dell’azienda, che prevedeva la riduzione di 1000 posti di lavoro all’interno dell’azienda. Grazie a misure alternative, alle quali i dipendenti potrebbero sottoscrivere, il numero di licenziamenti forzati è limitato a 60. In secondo luogo, il governo belga e Lufthansa hanno concordato un pacchetto di stabilizzazione per aiutare Brussels Airlines a superare la crisi senza precedenti ea diventare strutturalmente redditizia.

Da quando ha ripreso le operazioni di volo il 15 giugno, la compagnia aerea ha lentamente e gradualmente aumentato nuovamente le sue operazioni di volo sia per i turisti che per i viaggiatori d’affari, in linea con la domanda del mercato e tenendo conto delle restrizioni di viaggio in continua evoluzione.

A causa della situazione ancora instabile e altamente imprevedibile a livello mondiale, non è possibile fare previsioni per il 2020 nel suo complesso

Brussels Airlines               

    Jan-Jun 20 Jan-Jun 2019 Change
in %
Revenue €m 252 684 -63
Operating expenses €m 463 757 -39
Adjusted EBITDA €m -119 32  
Adjusted EBIT €m -182 -36 -406
EBIT €m -211 -36 -486
Employees as of 31.06 number 3,729 3,875 -3
Flights number 14,114 39,267 -64
Passengers thousands 1,590 4,855 -67
Available Seat-kilometres millions 3,834 10,528 -64
Revenue Seat Kilometres millions 2,776 8,402 -67
Passenger Load Factor % 72.4 79.8 -7.4 pts

These figures are excluding the Brussels Airlines operations out of Düsseldorf.

 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.