ATAG: il crollo del trasporto aereo globale a causa del COVID-19 mette a rischio 46 milioni di posti di lavoro

il

La grave flessione del traffico aereo causata quest’anno dal Covid-19, seguita da una lenta ripresa, si tradurrà in una perdita fino a 46 milioni di posti di lavoro normalmente supportati dall’aviazione in tutto il mondo, secondo i nuovi dati del settore pubblicati oggi.

In circostanze normali, l’aviazione e il turismo che facilita sostengono 87,7 milioni di posti di lavoro in tutto il mondo. Oltre 11 milioni di posti di lavoro sono all’interno del settore stesso, impiegati presso compagnie aeree, aeroporti, produttori aerospaziali civili e gestione del traffico aereo. La chiusura quasi totale del sistema per diversi mesi, nonché la natura stop / start della riapertura significano che i viaggi aerei non torneranno ai livelli pre-Covid fino al 2024 circa.

Il direttore esecutivo dell’Air Transport Action Group intersettoriale, Michael Gill, ha dichiarato: “Con l’aspettativa di vedere meno della metà del traffico passeggeri quest’anno rispetto a quanto abbiamo effettuato nel 2019, sappiamo che molti lavori nel trasporto aereo e nel l’economia più ampia che si basa sull’aviazione è a rischio. Alcune aziende stanno già prendendo decisioni difficili, con molti colleghi colpiti dalla recessione.

“La nostra analisi mostra che fino a 4,8 milioni di posti di lavoro nel settore dell’aviazione potrebbero essere persi entro l’inizio del prossimo anno, una riduzione del 43% rispetto ai livelli pre-Covid. Quando si estendono questi effetti a tutti i lavori normalmente supportati dall’aviazione, 46 milioni di posti di lavoro sono a rischio. Questi includono ruoli di aviazione altamente qualificati, i lavori nel turismo più ampi influenzati dalla mancanza di viaggi aerei e occupazione lungo la catena di approvvigionamento nel settore edile, forniture di catering, servizi professionali e tutte le altre cose necessarie per gestire un sistema di trasporto globale.

“Spetta assolutamente ai governi fare tutto il possibile per aiutare il settore a rimettersi in piedi in modo da poter ripristinare quei posti di lavoro e quell’attività economica. E questo deve andare oltre gli schemi per sostenere l’occupazione. I passeggeri e le imprese hanno bisogno di certezze sui viaggi, per non essere soggetti a dichiarazioni di quarantena casuali e elenchi in continua evoluzione di destinazioni accettabili e inaccettabili.

“Sappiamo che è difficile prendere queste decisioni. Ma man mano che i test migliorano e la prospettiva di un vaccino diventa più chiara, speriamo che una maggiore stabilità nell’ambiente di viaggio porti anche a un ritorno più stabile al più ampio ruolo economico del trasporto aereo “.

I fatti chiave delineati in Aviation: Benefits Beyond Borders, includono quello in un anno normale:

Il trasporto aereo supporta 87,7 milioni di posti di lavoro e 3,5 trilioni di dollari nell’attività economica globale.
Oltre 11 milioni di persone lavorano direttamente per l’industria stessa. I lavori nel settore dell’aviazione sono, in media, 4,3 volte più produttivi di altri lavori nell’economia.
I viaggi aerei trasportano il 35% del commercio mondiale in valore (6,5 trilioni di dollari nel 2019), ma meno dell’1% in volume (61 milioni di tonnellate nel 2019).
Le tariffe aeree oggi sono inferiori di circa il 90% rispetto a quello che sarebbe costato lo stesso viaggio nel 1950: ciò ha consentito l’accesso ai viaggi aerei a un numero maggiore di fasce della popolazione. da 162 fornitori di servizi di navigazione aerea.
Il 58% dei turisti mondiali viaggia verso le proprie destinazioni in aereo.
Impatto di Covid-19:

I posti di lavoro sostenuti dall’aviazione diminuiscono potenzialmente da 46 milioni a 41,7 milioni (-52,5%)
I posti di lavoro nell’aviazione diretta (presso compagnie aeree, aeroporti, produttori e gestione del traffico aereo) diminuiscono di 4,8 milioni (una riduzione del 43% rispetto alla situazione pre-Covid)
Quasi 39.200 voli speciali di rimpatrio hanno portato a casa quasi 5,4 milioni di cittadini dopo la chiusura delle frontiere nel marzo 2020.
Quasi 46.400 voli cargo speciali hanno trasportato 1,5 milioni di tonnellate di merci, per lo più attrezzature mediche, in aree bisognose durante il culmine della risposta alla pandemia
Il rapporto, che può essere scaricato dal sito http://www.aviationbenefits.org, è stato preparato da ATAG insieme ad altre associazioni dell’industria aeronautica mondiale e si basa su un’ampia ricerca condotta da Oxford Economics.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.