IATA: L’incombente crisi di cassa minaccia le compagnie aeree

il

L’International Air Transport Association (#IATA) ha avvertito che l’industria del trasporto aereo brucerà 77 miliardi di dollari in contanti durante la seconda metà del 2020 (quasi 13 miliardi di dollari al mese o 300.000 dollari al minuto), nonostante il riavvio delle operazioni. La lenta ripresa dei viaggi aerei vedrà l’industria aerea continuare a bruciare denaro contante a un tasso medio compreso tra $ 5 e $ 6 miliardi al mese nel 2021.

La IATA ha invitato i governi a sostenere l’industria durante la prossima stagione invernale con ulteriori misure di soccorso, compreso un aiuto finanziario che non aggiunge più debito al bilancio già fortemente indebitato del settore. Ad oggi, i governi di tutto il mondo hanno fornito 160 miliardi di dollari di sostegno, inclusi aiuti diretti, sussidi salariali, sgravi fiscali per le società e sgravi fiscali specifici per l’industria, comprese le tasse sul carburante.

La IATA stima che, nonostante il taglio dei costi di poco superiore al 50% durante il secondo trimestre, il settore abbia incassato 51 miliardi di dollari in contanti poiché i ricavi sono diminuiti di quasi l’80% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Il drenaggio di cassa è continuato durante i mesi estivi, con le compagnie aeree che dovrebbero versare ulteriori 77 miliardi di dollari di liquidità nella seconda metà di quest’anno e ulteriori 60-70 miliardi di dollari nel 2021. Il settore non dovrebbe diventare positivo per la liquidità fino al 2022 .

Le compagnie aeree hanno intrapreso ampie misure di auto-aiuto per ridurre i costi. Ciò include il parcheggio di migliaia di aeromobili, il taglio delle rotte e qualsiasi spesa non critica e il licenziamento e il licenziamento di centinaia di migliaia di dipendenti esperti e dedicati.

È necessaria un’azione a livello di settore

“Serve il sostegno del governo per l’intero settore. L’impatto si è diffuso su tutta la catena del valore del viaggio, compresi i nostri partner aeroportuali e di infrastrutture di navigazione aerea che dipendono dai livelli di traffico pre-crisi per sostenere le loro operazioni. Gli aumenti dei tassi sugli utenti del sistema per colmare il divario rappresenterebbero l’inizio di un circolo vizioso e spietato di ulteriori pressioni sui costi e ridimensionamenti. Ciò prolungherà la crisi per il 10% dell’attività economica globale che è legata ai viaggi e al turismo ”, ha affermato de Juniac.

Ci sarà poco appetito tra i consumatori per l’aumento dei costi. In un recente sondaggio IATA, circa due terzi dei viaggiatori hanno già indicato che rinvieranno il viaggio fino a quando l’economia complessiva o la loro situazione finanziaria personale si stabilizzeranno. “L’aumento del costo del viaggio in questo momento delicato ritarderà il ritorno al viaggio e manterrà i posti di lavoro a rischio”, ha detto de Juniac.

Secondo gli ultimi dati dell’Air Transport Action Group, la grave flessione di quest’anno, combinata con una lenta ripresa, minaccia 4,8 milioni di posti di lavoro nell’intero settore dell’aviazione. Poiché ogni lavoro nel settore dell’aviazione sostiene molti di più nell’economia più ampia, l’impatto globale è di 46 milioni di potenziali perdite di posti di lavoro e 1,8 trilioni di dollari di attività economica a rischio.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.