United Airlines lancia il primo test pilota gratuito al mondo per il COVID-19 su una rotta transatlantica

il

#UnitedAirlines ha annunciato oggi il primo programma pilota di test su rotta transatlantica gratuito #COVID-19 per i suoi #viaggiatori. Dal 16 novembre all’11 dicembre, la compagnia aerea offrirà #testrapidi a tutti i #passeggeri di età superiore a 2 anni e ai membri dell’equipaggio a bordo di voli selezionati dall’aeroporto internazionale di #Newark Liberty (#EWR) a #LondraHeathrow (#LHR), il tutto gratuitamente. Chi non desidera essere sottoposto al test verrà imbarcato su un altro volo, garantendo che tutti a bordo tranne i bambini sotto i due anni saranno risultati negativi prima della partenza.

#United condividerà il #feedback dei clienti su questo progetto pilota con i governi su entrambe le sponde dell’Atlantico per dimostrare ulteriormente l’efficacia di questi programmi come alternativa alle quarantene obbligatorie o alle restrizioni di viaggio duplicate. United ha registrato un impatto positivo sulla domanda di viaggi e un aumento significativo dei fattori di carico dei clienti e dei ricavi quando sono disponibili le opzioni di test.

United collaborerà con #PremiseHealth, che gestirà il programma pilota di test rapidi per il volo EWR-LHR. Il test sarà somministrato ai passeggeri che viaggiano sul volo United 14, in partenza alle 19:15, lunedì, mercoledì e venerdì. Gli appuntamenti per il test sono richiesti e si consiglia ai clienti di programmare i loro test almeno tre ore prima del volo. Una struttura di prova in loco sarà situata presso il Newark United Club vicino al Gate C93.

Prima della pandemia, United operava sei voli giornalieri tra New York / Newark e Londra su un 767-300ER (76L), offrendo non solo la maggior frequenza tra i vettori statunitensi, ma anche la maggior parte dei posti in business class e Premium Economy.

United è stata la prima compagnia aerea ad annunciare i test COVID-19 pre-volo opzionali per i clienti. All’inizio di questo mese, la compagnia aerea ha iniziato a offrire ai clienti che viaggiano dall’aeroporto internazionale di San Francisco alle Hawaii la possibilità di effettuare un test rapido pre-volo in giornata in aeroporto o un test drive-through comodamente situato, a pagamento. Il programma consente ai clienti con un risultato negativo di aggirare i requisiti di quarantena obbligatori delle Hawaii e godersi il loro tempo sulle isole prima. Nei primi 10 giorni, dal 15 al 25 ottobre, i voli da San Francisco alle Hawaii hanno registrato un aumento di quasi il 95% dei passeggeri rispetto al periodo di due settimane precedente. United ritiene che queste tendenze positive illustrino una domanda forte e repressa di viaggi, la volontà dei clienti di utilizzare i test COVID-19 pre-volo e l’importanza di questi programmi come mezzo per aprire le frontiere.

E proprio la scorsa settimana, United ha partecipato a un programma di test di successo tra Newark e Londra di CommonPass, un pass sanitario digitale, volto a consentire viaggi più sicuri e la riapertura dei confini internazionali. I clienti che hanno scelto di partecipare al programma sono stati in grado di fornire senza problemi i risultati dei loro test COVID-19 ai governi interessati.

Dall’inizio della pandemia, United è stata leader tra le compagnie aeree statunitensi nell’attuazione di nuove politiche e innovazioni progettate per mantenere più sicuri dipendenti e passeggeri durante i viaggi. È stata la prima compagnia aerea statunitense a imporre maschere per assistenti di volo, seguendola rapidamente con tutti i clienti e i dipendenti. United è stata anche tra i primi vettori statunitensi ad annunciare che non avrebbe permesso ai clienti che si rifiutavano di rispettare la politica sulla maschera obbligatoria della compagnia aerea di volare con loro mentre la politica sulla maschera facciale è in vigore. United è stata anche la prima compagnia aerea statunitense a implementare il check-in touchless per i clienti con bagagli e la prima a richiedere ai passeggeri di effettuare una valutazione sanitaria online prima di partire. E il mese scorso, la compagnia aerea ha annunciato che applicherà Zoono Microbe Shield, un rivestimento antimicrobico registrato EPA che forma un legame duraturo con le superfici e inibisce la crescita dei microbi, all’intera linea principale e alla flotta espressa prima della fine dell’anno.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.