Ryanair presenta ricorso contro le sentenze del tribunale dell’UE sugli aiuti di Stato di Air France e SAS

il

Ryanair ha preso atto delle sentenze della Corte dell’UE sui regimi di aiuti di Stato francesi e svedesi a favore di Air France e SAS rispetto a tutte le altre compagnie aeree dell’UE. Il differimento della tasse aeroportuali francesi e la garanzia del prestito svedese sono stati introdotti all’inizio delle crisi COVID-19 con condizioni di nazionalità. Il regime francese era riservato alle compagnie aeree registrate francesi e il regime svedese alle compagnie aeree registrate svedesi, escludendo tutte le altre compagnie aeree dell’UE, anch’esse danneggiate dal Covid-19, nonostante il loro contributo alla connettività, all’occupazione, alla crescita del traffico e all’economia in generale in Francia e la Svezia. Ryanair ha presentato ricorso contro l’approvazione di questi schemi da parte della Commissione europea al Tribunale dell’UE nel maggio 2020. In seguito alle sentenze di oggi, Ryanair deferirà ora tali questioni alla Corte di giustizia dell’UE.

Il portavoce di Ryanair ha dichiarato:

“Uno dei maggiori risultati dell’UE è la creazione di un vero mercato unico per il trasporto aereo, sostenuto dal principio di una licenza aerea comune dell’UE, una per ciascuna compagnia aerea. Una condizione di cittadinanza in un regime di aiuti di Stato è chiaramente incompatibile con il mercato unico.

Ryanair è una compagnia aerea veramente europea. Non abbiamo una “patria” ricca e potente che ci sovvenziona in tempi di difficoltà. Né vogliamo aiuti discriminatori. Il nostro istinto in una crisi è cercare efficienza e risparmi sui costi, per offrire più rotte a tariffe inferiori, pur rimanendo la compagnia aerea più verde d’Europa.

Durante la pandemia COVID-19 oltre 30 miliardi di euro in sussidi statali discriminatori sono stati donati alle compagnie di bandiera dell’UE e, se consentito, ciò distorcerà la parità di condizioni nell’aviazione dell’UE per i decenni a venire, dando una gamba alle compagnie aeree nazionali cronicamente inefficienti sui loro concorrenti efficienti a basso costo.

Ci auguriamo che la Corte di giustizia annulli le approvazioni della Commissione europea dei programmi francese e svedese, per dare alle compagnie aeree e ai consumatori un barlume di speranza che i politici nazionali ossessionati dalle loro compagnie di bandiera vengano rimandati al tavolo da disegno e tenuti a utilizzare lo Stato aiuti saggiamente per assistere la ripresa del traffico nel mondo post-COVID invece di salvare la loro compagnia aerea preferita a scapito della concorrenza leale e dei consumatori. È giunto il momento per la Commissione europea di smetterla di cedere alle inefficienti politiche di salvataggio dei governi nazionali e di iniziare a proteggere il mercato unico, la più grande risorsa dell’Europa per la futura ripresa economica “.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.