Norwegian : i numeri di gennaio influenzati dal Covid-19

il

I dati sul traffico di Norwegian Air per gennaio sono fortemente influenzati dalla minore domanda causata dalle continue restrizioni ai viaggi in tutta Europa.

A gennaio, 74.224 clienti hanno volato con Norwegian, una diminuzione del 96 percento rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. La capacità (ASK) è diminuita del 98% e il traffico passeggeri totale (RPK) è diminuito del 99%. Il fattore di carico è stato del 35,9%, in calo di 45 punti percentuali.

Jacob Schram, CEO di Norwegian, ha dichiarato: “La pandemia continua ad avere un impatto negativo sulla nostra attività poiché restano le restrizioni di viaggio. Stiamo facendo tutto quanto in nostro potere per uscire dall’esame come una compagnia aerea più forte e competitiva e non vediamo l’ora di accogliere più clienti a bordo man mano che le restrizioni di viaggio verranno eliminate “.

Norwegian ha operato in media otto aeromobili a gennaio, principalmente su rotte nazionali in Norvegia. La compagnia ha operato il 96,8% dei suoi voli di linea a gennaio, di cui il 90,4% è partito in orario.

In altre notizie, anche la Norwegian ha riportato i risultati del quarto trimestre. Come previsto, i risultati sono stati fortemente influenzati dal COVID-19 e dalle restrizioni sui viaggi in tutti i mercati. La perdita netta è stata di 16,6 miliardi di NOK, inclusa una svalutazione di 12,8 miliardi di NOK. Le spese operative prima del leasing e dell’ammortamento sono state ridotte dell’82% rispetto allo stesso trimestre dell’anno scorso. Nel 2020, la società ha ridotto il debito netto fruttifero di 18 miliardi di NOK. Il processo di esame in Irlanda e il processo di ricostruzione in Norvegia avviato nel quarto trimestre sono in corso.

La pandemia continua ad avere un impatto negativo sul settore dell’aviazione. La domanda è stata gravemente influenzata dal cambiamento delle restrizioni di viaggio e dalla continua diffusione di COVID-19 nei mercati chiave di Norwegian. Su una flotta attuale di 131 aeromobili, una media di 15 erano operativi durante il quarto trimestre, principalmente sulle rotte nazionali in Norvegia. Norwegian ha trasportato 574.000 clienti, una diminuzione del 92% rispetto allo stesso periodo del 2019. La capacità di produzione (ASK) è diminuita del 96% e il traffico passeggeri (RPK) è diminuito del 97%. Il load factor è stato del 52,4 per cento, in diminuzione di 32,5 punti percentuali rispetto al quarto trimestre del 2019.

Jacob Schram, CEO di Norwegian, ha dichiarato: “Il 2020 è stato un anno eccezionalmente difficile per l’industria dell’aviazione e per Norwegian. Di conseguenza, i risultati del quarto trimestre sono quelli previsti. Sfortunatamente, molti dei nostri dipendenti sono licenziati o hanno perso il lavoro, in parte a causa della decisione dell’azienda di cessare le operazioni a lungo raggio. Nonostante le difficoltà che la pandemia ha causato, c’è un grande spirito combattivo e impegno all’interno dell’azienda, e insieme costruiremo un nuovo norvegese quando usciremo dai processi di ricostruzione. Ora stiamo facendo tutto il possibile per emergere come una compagnia aerea finanziariamente più sicura e competitiva con un’offerta migliore per i clienti e non appena l’Europa inizierà a riaprire, saremo pronti ad accogliere più clienti a bordo “.

Nel quarto trimestre del 2020, Norwegian è entrata in un processo di esame in Irlanda e in un processo di ricostruzione in Norvegia. Entrambi i processi stanno procedendo come pianificato e sono sulla buona strada. Lo scopo dei processi è ridurre l’indebitamento, ridurre le dimensioni della flotta e rendere l’azienda finanziariamente attraente per assicurarsi nuovo capitale. La Norvegia punta a ridurre in modo significativo il proprio debito a circa 20 miliardi di NOK e a raccogliere 4-5 miliardi di NOK in nuovo capitale. Nel 2020, la società ha ridotto l’indebitamento netto fruttifero di 18 miliardi di NOK, principalmente attraverso la conversione in azioni. In futuro, Norwegian si concentrerà su una rete nordica ed europea forte e redditizia. La società prevede di servire questi mercati con circa 50 velivoli a fusoliera stretta nel 2021. Tuttavia, l’aumento dipende dallo sviluppo della pandemia, dalle restrizioni di viaggio e dai consigli del governo nei mercati chiave.

Norwegian ha operato il 90,1 percento dei suoi voli di linea nel quarto trimestre, di cui il 94,1 percento è partito in orario.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.