L’elicottero Lynx di Leonardo compie i 50 anni dal primo volo

il


Il Lynx di Leonardo Leonardo ha volato per la prima volta il 21 marzo 1971 dalla sede della Compagnia a Yeovil. Oggi, nove paesi guidano ancora l’elicottero
L’evento evidenzia il successo della Società come leader mondiale nel mercato degli elicotteri navali e come Leonardo gioca un ruolo chiave nella difesa del Regno Unito contro le minacce sul mare e sulla terraferma
G-Lynx rimane il detentore del record mondiale come l’elicottero più veloce

Cinquant’anni fa, il 21 marzo 1971, un prototipo di Lynx giallo brillante (XW835) decollò da Yeovil. L’ormai iconico velivolo pilotato da Ron Gellatly, ha completato due brevi voli di dieci minuti e 20 minuti rispettivamente. Oltre al capo collaudatore, il suo vice, Roy Moxam ha occupato il posto del copilota e Dave Gibbings ha volato come ingegnere dei test di volo, responsabile della gestione della strumentazione, monitoraggio dei dati di stress e osservazioni di backup.
Questo punto di riferimento segna il 50 ° anniversario dell’ingresso di Leonardo nella posizione di leader in questa categoria di dimensioni / peso nel mercato degli elicotteri. Il design e l’ulteriore sviluppo del Lynx hanno soddisfatto le richieste degli operatori e le mutevoli esigenze a terra e in mare, il che ha portato all’introduzione di diverse varianti in linea con le nuove tecnologie emergenti. L’eredità di Lynx contribuisce anche fortemente alla protezione della terraferma e delle acque circostanti nel Regno Unito, pronta a contrastare qualsiasi potenziale minaccia nell’ambiente marittimo, oltre a svolgere, tra l’altro, il ruolo di elicottero da combattimento.

Sono stati costruiti più di 500 aeromobili di questo tipo, al servizio degli operatori di tutto il mondo. Nove clienti utilizzano ancora oggi l’aereo per missioni come guerra anti-superficie, guerra antisommergibile, campo di battaglia, ricerca e salvataggio, protezione costiera, utilità leggera tra molti altri. Gli attuali operatori delle varianti Lynx includono la marina brasiliana, la marina reale malese e la forza di difesa sudafricana.

La Marina brasiliana opera gli elicotteri Lynx da oltre quattro decenni. Alla fine dello scorso anno nel Regno Unito, la Marina brasiliana e Leonardo hanno completato il Factory Acceptance Test per il quarto degli otto elicotteri Super Lynx Mk21B aggiornati. Leonardo continua a supportare la sua base di clienti globale che ancora gestisce il Lynx.
Leonardo nel suo sito di Yeovil sta attualmente aggiornando cinque aerei Lynx MK95A per la Marina portoghese. Il lavoro di ammodernamento include nuovi motori, un nuovo cockpit in vetro con unità di visualizzazione integrate tra molte altre tecnologie.
Le origini dello sviluppo del Lynx sono iniziate come parte di un programma anglo-francese di tre velivoli. Lo sviluppo di base del Lynx è stato effettuato utilizzando cinque prototipi di velivoli, ognuno dei quali è stato dipinto di un colore diverso: giallo (XW835), grigio (XW836), rosso (XW837), blu (XW838) e arancione (XW839). Il primo programma di test di volo ha coinvolto 13 aeromobili.

Nel marzo 1972, il quarto velivolo Basic volò per la prima volta e includeva la prima testa del rotore “Monobloc”, questo era lo standard scelto per la produzione. La testa del rotore di produzione sarebbe dotata di un mozzo centrale con quattro elementi battenti integrali forgiati da un unico blocco di titanio, noto come testa “Monobloc”. La prima produzione Naval Lynx (XZ227) ha volato per la prima volta il 10 febbraio 1976 e la prima consegna alla Royal Navy è stata effettuata l’8 luglio 1976.
La Royal Netherlands Navy (RNN) ordinò il Lynx prima che le prove del Regno Unito fossero completate e il primo Lynx Mk 25 volasse nel settembre 1976. L’aereo RNN fu consegnato in parallelo con l’aereo della Royal Navy e il Lynx entrò in servizio con la Royal Navy il 26 Gennaio 1978. Il British Army Air Corps iniziò a ricevere consegne nel giugno successivo e alla fine dell’anno il Lynx fu schierato in Germania.

Il Lynx presentava all’epoca nuove tecnologie tra cui le pale British Experimental Rotor Program (BERP) in grado di aumentare la velocità massima e le capacità di sollevamento, successivamente adottate anche per tutte le varianti Lynx / Super Lynx e per l’AW101. L’iconico velivolo ha battuto il record mondiale di velocità 35 anni fa l’11 agosto, quando il cosiddetto G-Lynx ha raggiunto velocità di 249 mph / 216 nodi / 400 km / h nello skyline del Somerset.

L’AW159 rappresenta la più recente capacità offerta da Leonardo in questo segmento di mercato, continuando la sua leadership. Con la sua avionica completamente integrata e la suite di missione, insieme a un processore tattico e un’interfaccia uomo-macchina di derivazione militare, l’AW159 offre una consapevolezza situazionale avanzata sia in ambiente marittimo che terrestre. È progettato per operare in sicurezza dai ponti più piccoli delle navi nell’ambiente più duro di condizioni meteorologiche avverse e di alto mare, offrendo al contempo un’elevata disponibilità per il perseguimento immediato della missione. L’AW159 non è solo la chiave per la protezione della flotta di navi della Royal Navy britannica di oggi e di domani, ma è anche in servizio con i clienti esportatori che forniscono capacità multi-ruolo per le operazioni di superficie e sub-superficie. Per l’esercito britannico è parte integrante della 1a brigata dell’aviazione nel ruolo di coordinamento e ricognizione degli scioperi con utilità in tutto lo spettro delle operazioni.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.