Norse Atlantic Airways avrà imparato la lezione?

il

Qualche riflessione su quella che è stata la presentazione di ieri della Norse Atlantic Airways

La nuova aerolinea di Bjorn Tore Larsen , ha delineato al mondo quale sarà il suo futuro modo di volare. E’ una nuova aerolinea, che però prosegue a grandi linee su quello che ha sperimentato, ahi per lei in maniera errata la Norwegian, ora ridimensionata a vettore nazionale e europeo.

Si focalizzerà sugli USA, è quello eletto come il mercato principale dove vuole andare a raccogliere i passeggeri, i quali mediamente sono più dannarosi di quelli europei. Si andrà verso Parigi, Londra e Oslo. In queste due ultime città, anzi nelle ultime due nazioni verranno chiesti gli AOC per operare.

L’aereo sarà il B787-9, praticamente sono velivoli usati, in precedenza appartenuti alla Norwegian. Tutti con motorizzazione Rolls Royce, dove per Norse Atlantic Airways ci sarà la spina nel fianco della loro affidabilità, sperando che il costruttre abbia risolto una volta per tutte il bandolo della matassa dei problemi che crea un rateo di inefficienza spaventoso rispetto ai GE.

Low cost praticamente punto a punto con due classi di servizio, così come era Norwegian long haul. Questa volta il gioco si fa più difficile perchè non ci sarà alimentazione di passeggeri, così come lo era invece con il vettore norvegese. Tutto punto a punto!

Le assunzioni sono in corso, e almeno hanno evitato l’errore di non considerare le trade union americane come in passato, è stato risolto con un accordo con AFA.

La partenza sarà nel corso del 2022, tra la fine del primo trimestre e il secondo. Un paio di mesi fa il kick off era previsto a fine anno. Ma probabilmente non è cosa partire nell’inverno che sta arrivando, con tutti i suoi problemi di incertezze esistenti sul lungo raggio sull’Atlantico. In particolare, le limitazioni al movimento leisure e non solo , anche su quello congressuale imposto dagli americani, i quali “non hanno mollato in alcun modo le briglie”, diversamente da quanto fatto dagli europei.

Tre mesi prima, non sembra un po’ poco, ma questo è il lasso di tempo fissato dalla’inizio delle vendite allo start up delle rotte. Per un punto a punto e assai rischioso un tempo così breve.

insomma, alla fine se avranno imparato dal passato, questo lo vedremo nel 2022. intanto stiamo alla finestra per vedere le prossime mosse di un progetto industriale considerabile molto rischioso.

Di nuovo pare che ci sia veramente poco. Anzi nulla!

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.