Airbus prevede la domanda di 39.000 nuovi aerei passeggeri e cargo entro il 2040

il

Il ritiro degli aeromobili più vecchi per accelerare, la domanda progressivamente più guidata dalla sostituzione, a sostegno degli obiettivi di decarbonizzazione del settore
La domanda di trasporto aereo continuerà a crescere, guidata dal PIL, dall’aumento della classe media e dal desiderio di esplorare e connettersi
I continui miglioramenti nell’efficienza della flotta, i combustibili sostenibili, le operazioni e le tecnologie di propulsione consentiranno l’obiettivo zero netto del settore per il 2050
Necessità di oltre 550.000 nuovi piloti e oltre 710.000 tecnici altamente qualificati nei prossimi 20 anni

Nei prossimi 20 anni, Airbus prevede che la domanda di trasporto aereo si sposterà progressivamente dalla crescita della flotta al ritiro accelerato di aeromobili più vecchi e meno efficienti dal punto di vista dei consumi, determinando la necessità di circa 39.000 passeggeri di nuova costruzione e aerei da carico, 15.250 di questi per la sostituzione. Di conseguenza, entro il 2040 la stragrande maggioranza degli aeromobili commerciali in servizio sarà di ultima generazione, rispetto all’attuale 13% circa, migliorando notevolmente l’efficienza in termini di CO2 delle flotte di aeromobili commerciali mondiali. I vantaggi economici dell’aviazione si estendono oltre il settore, contribuendo per circa il 4% al PIL globale annuo e sostenendo circa 90 milioni di posti di lavoro in tutto il mondo.

Pur avendo perso quasi due anni di crescita durante il periodo COVID, il traffico passeggeri ha dimostrato la sua resilienza ed è destinato a riconnettersi a una crescita annuale del 3,9% all’anno, trainata dall’espansione delle economie e del commercio in tutto il mondo, compreso il turismo. Le classi medie, che sono le più propense a volare, cresceranno di numero di due miliardi di persone fino al 63% della popolazione mondiale. La crescita del traffico più rapida sarà in Asia con la Cina domestica che diventerà il mercato più grande.

La domanda di nuovi velivoli includerà circa 29.700 velivoli Small come le Famiglie A220 e A320, oltre a circa 5.300 nella categoria Medium come l’A321XLR e l’A330neo. Nel segmento Large, coperto dall’A350, sono previste circa 4.000 consegne entro il 2040.

La domanda cargo, spinta dall’e-commerce, è trainata da una crescita attesa del trasporto espresso del 4,7% all’anno e una crescita del general cargo (che rappresenta circa il 75% del mercato) del 2,7%. Complessivamente, nei prossimi 20 anni ci sarà bisogno di circa 2.440 mercantili, di cui 880 di nuova costruzione.

In linea con la crescita, operazioni aeronautiche sempre più efficienti a livello globale aumentano la necessità di servizi di aviazione commerciale, inclusi manutenzione, addestramento, aggiornamenti, operazioni di volo, smantellamento e riciclaggio. Questa crescita è in linea con i livelli di previsione pre-pandemia di Airbus, raggiungendo un valore cumulativo di circa 4,8 trilioni di dollari nei prossimi 20 anni. Pur continuando attraverso un calo correlato al COVID di circa il 20% nel periodo 2020-2025, il mercato dei servizi sta riprendendo, innescando la necessità di circa 550.000+ nuovi piloti e 710.000+ tecnici altamente qualificati nei prossimi 20 anni. Mentre la manutenzione rimarrà il segmento dei servizi leader, si prevede che anche il volo, le operazioni a terra e i servizi sostenibili cresceranno in modo significativo.

“Man mano che le economie e il trasporto aereo maturano, vediamo la domanda sempre più guidata dalla sostituzione piuttosto che dalla crescita. La sostituzione è il driver più significativo di oggi per la decarbonizzazione. Il mondo si aspetta un volo più sostenibile e ciò sarà reso possibile a breve termine dall’introduzione della maggior parte degli aeroplani moderni”, ha affermato Christian Scherer, Chief Commercial Officer e Head of Airbus International. “Alimentare questi nuovi ed efficienti velivoli con i combustibili per aviazione sostenibile (SAF) è la prossima grande leva. Siamo orgogliosi che tutti i nostri aeromobili – l’A220, la Famiglia A320neo, l’A330neo e l’A350 – siano già certificati per volare con una miscela di 50% SAF, destinata a salire al 100% entro il 2030 – prima di rendere ZEROe la nostra prossima realtà dal 2035 in poi.”

L’industria aeronautica globale ha già ottenuto enormi guadagni di efficienza, come dimostrato dal calo del 53% delle emissioni globali di CO2 dell’aviazione dal 1990. La gamma di prodotti Airbus supporta un aumento di efficienza di CO2 di almeno il 20% rispetto agli aerei della generazione precedente. In vista di ulteriori innovazioni in corso, sviluppi di prodotto, miglioramenti operativi e opzioni basate sul mercato, Airbus sostiene l’obiettivo del settore del trasporto aereo di raggiungere le emissioni nette di carbonio zero entro il 2050

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.