Il CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI SEA HA APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO E LA DICHIARAZIONE NON FINANZIARIA 2021

il

Segnali di ripresa nei risultati del Gruppo SEA

Traffico passeggeri: 13,9 milioni in aumento del 46,9% (39,5% del traffico pre-Covid) Merce Trasportata: 743 mila tonnellate (+45,1%)
Ricavi della gestione: 325 milioni di euro, in aumento del 31,9%

EBITDA: 31,7 milioni di euro (-31,1 milioni nel 2020)
Risultato del Gruppo: -75,1 milioni di euro (-128,6 milioni di euro nel 2020)

Indebitamento Finanziario Netto: 654,8 milioni di euro (in crescita di 28,1 milioni di euro)

Il Consiglio di Amministrazione di SEA S.p.A., riunitosi in data odierna, ha esaminato e approvato il progetto di bilancio di SEA S.p.A., il bilancio conso- lidato del Gruppo SEA e la Dichiarazione Non Finanziaria consolidata dell’esercizio 2021.

Traffico
Nell’esercizio 2021 il Sistema Aeroportuale di Milano gestito da SEA ha servito 13,9 mi-

lioni di passeggeri, in aumento del 46,9% rispetto all’esercizio precedente.

L’esercizio 2021 seppur ancora caratterizzato dalla pandemia Covid-19, ha mostrato se- gnali di lieve ripresa, favoriti dalle campagne vaccinali che hanno permesso un allenta- mento delle restrizioni agli spostamenti.

L’aviazione commerciale ha registrato una ripresa: rispetto al 2020, la crescita annua dei movimenti nel 2021 è stata pari al +34,5% (dato che include anche l’attività cargo) mentre quella dei passeggeri +46,8% (+4,4 milioni). Il load factor è risultato pari al 63%, in cre- scita di 5 punti percentuali rispetto al 2020.

L’aeroporto di Malpensa ha gestito 9,6 milioni di passeggeri (pari al 33,3% rispetto all’esercizio 2019), in crescita del +32,9% rispetto al 2020; l’aeroporto di Linate ha, in- vece, servito 4,3 milioni di passeggeri (pari al 66% del traffico operato nel 2019 – anno nel quale il terminal è stato inattivo per 3 mesi), in crescita del 91,3% rispetto al 2020 (si noti che nel 2020 l’aeroporto di Linate è stato chiuso dal 16 marzo al 15 luglio).

L’aviazione generaleattraverso gli scali di Linate Prime e Malpensa Prime, ha gestito complessivamente 27.253 movimenti nel 2021, in crescita del 74,1% rispetto all’anno pre- cedente, in incremento anche rispetto all’esercizio 2019 del +11,2%.

Il comparto cargo ha fatto registrare risultati record, superiori anche al 2019, con 743 mila tonnellate di merce trasportata (+45,1%). Il risultato conferma il ruolo della Cargo City di Malpensa come primario polo per gli scambi di merci in import ed export a livello nazionale, nonché come base logistica dell’operatore DHL.

Andamento economico-finanziario consolidato

Premessa
In linea con il principio IFRS 5, a seguito della decisione della capogruppo di cedere il 100% della società SEA Energia, il business Energy è stato trattato come Attività in di- smissione (Discontinued 
Operations), pertanto, nel conto economico dell’esercizio 2021 e, ai fini comparativi, in quello dell’esercizio 2020, le voci di ricavi e di costi sono stati riclassificati nella voce “Risultato netto da Attività destinate alla vendita”. Nello stato patrimoniale la discontinuità del business Energy si esplicita esclusivamente attraverso la presentazione delle attività e passività al 31 dicembre 2021, attribuibili alla legal entity SEA Energia, nelle linee “Attività destinate alla vendita” e “Passività connesse alle atti- vità destinate alla vendita” della situazione patrimoniale finanziaria consolidata, mentre non è richiesta alcuna riesposizione dell’esercizio di confronto. Le voci di seguito esposte non comprendono, quindi, le relative voci attribuibili al business Energy.

Nell’esercizio 2021 i ricavi della gestione pari a 325 milioni di euro hanno evidenziato un aumento del 31,9% (+ 78,7 milioni di euro rispetto all’esercizio 2020).

La performance positiva è riconducibile alla ripresa del traffico registrata nel corso dell’esercizio a partire dal mese di giugno. I ricavi del primo semestre 2021 sono risultati in riduzione (-23,1%) rispetto a quelli del precedente esercizio, mentre nel secondo seme- stre hanno registrato un significativo incremento (+98,7%).

L’incremento dei ricavi di gestione riguarda tutti i settori di business. I ricavi aviation hanno registrato un incremento di 50,9 milioni di euro, i ricavi non aviation un incremento di 24,8 milioni di euro e i ricavi general aviation di 3,0 milioni di euro.

costi di gestione sono stati pari a 295,7 milioni di euro, risultano in incremento di 15,8 milioni di euro rispetto al precedente esercizio, principalmente per effetto dei maggiori costi variabili connessi ai volumi di traffico e all’incremento dei costi energetici verifica- tosi nel secondo semestre dell’anno.

Il Risultato Operativo Lordo (EBITDA) è positivo per 31,7 milioni di euro e si con- fronta con il valore negativo di 31,1 milioni di euro del precedente esercizio.

Il Risultato Operativo (EBIT), è negativo per 80,8 milioni di euro, rispetto a un valore negativo di 134,8 milioni di euro del 2020.

Il Risultato Netto di Gruppo è negativo evidenziando una perdita di 75,1 milioni di euro, in diminuzione di 53,5 milioni di euro rispetto alla perdita dell’esercizio precedente, pari a 128,6 milioni di euro.

Il Risultato Netto delle Attività destinate alla vendita è pari a 2,1 milioni di euro, in aumento rispetto all’esercizio precedente di 1,4 milioni di euro.

2

Gli Investimenti realizzati nel 2021, escludendo gli investimenti del business Energy, am- montano a 49,9 milioni di euro, in riduzione rispetto all’andamento degli anni scorsi a causa della revisione e rimodulazione del piano investimenti, sulla base del nuovo scenario di traffico, e al posticipo di una serie di attività non strettamente necessarie, in seguito all’emergenza Covid-19.

Gli interventi nell’aeroporto di Malpensa hanno riguardato la riqualifica delle aree esi- stenti e progetti correlati agli obiettivi di mantenimento e incremento dei livelli di sicu- rezza e funzionalità operativa dello scalo; si segnala in particolare l’intervento di manu- tenzione straordinaria sulla pista di volo 17L/35R, con la riqualifica profonda della pavi- mentazione per circa i due terzi della sua lunghezza, delle vie di rullaggio e dei piazzali di sosta aeromobili.

Linate i principali investimenti hanno riguardato il completamento della costruzione del Corpo F: sono state realizzate le nuove linee smart security per ottimizzare i flussi e aumentare la qualità del servizio offerto ai passeggeri, sono state aperte nuove aree com- merciali al primo piano e una nuova area food&beverage al secondo piano; sono stati in- fine ultimati gli interventi di riqualifica delle aree di check-in del terminal e la realizza- zione di nuovi collegamenti verticali con la stazione della M4.

Nonostante il particolare periodo, il Gruppo SEA ha investito in progetti innovativi quali il completamento di un Digital Marketplace dell’aeroporto e l’adozione della tecnologia Biometrica per servizi seamless ai passeggeri.

L’indebitamento finanziario netto, pari a 675,4 milioni di euro (comprensivo delle attività discontinuate), è in aumento di 48,7 milioni di euro rispetto al 31 dicembre 2020 (626,7 milioni di euro). Il perdurare della crisi pandemica ha inciso sulla dinamica dei flussi di cassa della gestione corrente che, seppur positivi anche per l’attenta gestione del capitale circolante, non hanno permesso di finanziare gli esborsi per investimenti e il servizio del debito. L’indebitamento finanziario netto senza le attività discontinuate esposto se- condo il principio IFRS 5, pari a 654.835 migliaia di euro, è in aumento di 28.109 migliaia di euro rispetto al 31 dicembre 2020 per effetto dalla rilevazione nello stesso del credito per cash pooling verso la controllata Sea Energia.

Dati della capogruppo SEA S.p.A

La capogruppo SEA S.p.A. ha chiuso l’esercizio 2021 con ricavi pari a 343 milioni di euro, in aumento del 27,1% rispetto all’esercizio precedente. L’EBITDA è pari a 25,3 mi- lioni di euro e il risultato netto della Società registra una perdita di 80,3 milioni di euro.

Evoluzione prevedibile della gestione ed eventi di rilievo

Il contesto economico e industriale in cui SEA opererà nel 2022 è ancora caratterizzato da un elevato grado di incertezza.
Dopo i segnali di ottimismo registrati fino ad ottobre 2021, negli ultimi mesi dell’anno si è assistito ad una forte ripresa dei contagi a livello globale dovuta principalmente all’arrivo

3

della nuova variante del Sars-Cov-2 denominata “Omicron”: diversi studi hanno eviden- ziato come tale variante presenti un livello di contagiosità significativamente superiore alle precedenti mutazioni genetiche del virus.
Nonostante l’incremento delle somministrazioni vaccinali, gli effetti della nuova variante e delle misure restrittive varate dai Governi hanno avuto e continuano ad avere evidenti effetti sul traffico passeggeri. Se dicembre 2021 ha “beneficiato” delle prenotazioni effet- tuate nei mesi precedenti e dei flussi turistici nella pausa natalizia, i mesi di gennaio e febbraio 2022 hanno registrato infatti una riduzione rispettivamente del -52% e del -43% rispetto al 2019, ultimo esercizio prima della pandemia, da confrontare con la riduzione del -40% dell’ultimo trimestre 2021.

Per quanto concerne la mobilità da e verso paesi extra-Europa, a seguito dell’accelerazione delle campagne vaccinali, è previsto un allentamento progressivo dei vincoli internazio- nali, tale da consentire una ripresa del traffico passeggeri nella seconda metà dell’anno e, in particolare, durante la stagione estiva.

Ulteriore elemento di incertezza è rappresentato dal conflitto tra Russia e Ucraina, iniziato in data 24 febbraio 2022, in conseguenza del quale l’Unione Europea ha imposto alla Rus- sia sanzioni che hanno colpito l’economia del Paese. Tra le sanzioni introdotte, ad impat- tare maggiormente sul traffico internazionale sono la chiusura dello spazio aereo (UE, Stati Uniti e Canada) ai vettori russi, la sospensione dei certificati di aeronavigabilità per gli aerei in leasing/noleggio operati da vettori russi, le limitazioni nel rilascio di certificazioni post manutenzioni e riparazioni agli stessi vettori.

In risposta a tali sanzioni, la Federazione Russa ha vietato il sorvolo del proprio spazio aereo ai vettori europei rendendo pertanto più onerosa l’operatività delle tratte verso l’Asia (a causa dell’allungamento delle rotte da percorrere) e creando un possibile ostacolo alla ripresa del traffico.

In aggiunta, al fine di garantire la sicurezza dei voli civili, già dal 24 febbraio, le autorità europee Eurocontrol ed EASA hanno dichiarato a rischio le aree interessate dal conflitto e ne hanno interdetto il sorvolo.
Da un’analisi preliminare, nonché dalle prime risultanze sulle performance di traffico, si riscontra un impatto limitato delle suddette misure sul traffico passeggeri e cargo del si- stema milanese. Le tratte da e verso le aree direttamente o indirettamente interessate dal conflitto hanno infatti un peso contenuto sul traffico previsto per il 2022: le limitazioni Covid hanno già intaccato questo segmento di rete che è passato da 839mila a 473mila passeggeri gestiti in un anno.

Effetto indiretto del conflitto è stato poi l’inasprimento della dinamica di incremento regi- strata sui costi delle materie prime e delle commodities energetiche già in atto prima dello scoppio del conflitto. In questo contesto, SEA risulta particolarmente esposta alla volatilità dei costi energetici (metano ed energia elettrica in particolare) oltre che all’aumento del prezzo dei materiali da costruzione.

Non sono ad oggi chiari i tempi e le modalità di uscita dall’attuale situazione emergenziale sebbene la si ritenga una condizione congiunturale.
Il management continua a monitorare attentamente l’evoluzione della situazione aggior- nando costantemente le proiezioni di traffico, effettuando rilevazioni periodiche dei prezzi delle commodities e dei materiali da costruzione e sviluppando analisi di sensitività fina- lizzate a quantificare gli impatti economici e finanziari derivanti da suddetti fenomeni. Una serie di iniziative è già in corso (es: fruizione degli ammortizzatori sociali) e altre saranno intraprese per limitare gli assorbimenti di cassa e garantire la sostenibilità econo- mico-finanziaria del Gruppo.

L’esercizio 2022 sarà da un lato caratterizzato dalla riduzione dei flussi di cassa previsti per la crescita dei costi energetici e la lenta ripresa del traffico, dall’altro beneficerà del fondo destinato ai gestori aeroportuali a parziale compensazione delle perdite subite e

4

dell’incasso della cessione della partecipazione nella società SEA Energia previsto entro il primo semestre dell’anno.

Eventi di rilievo successivi alla chiusura dell’esercizio

Come previsto dal decreto Attuativo pubblicato in G.U. il 28 dicembre 2021, in data 27 gennaio 2022, SEA ha presentato domanda per l’ottenimento dei fondi previsti dalla Legge di Bilancio 2021 e destinati ai gestori aeroportuali e prestatori di servizi di assistenza a terra, dando così avvio all’iter procedurale finalizzato al riconoscimento del contributo. In data 8 marzo 2022 è stato erogato un anticipo (67,8 milioni di euro) sulla somma richie- sta pari al 50% della stessa.

In data 7 marzo 2022 è stata pubblicata la delibera della Giunta di regione Lombardia con la quale si dispone una misura di contrasto alla crisi conseguente all’emergenza COVID- 19 a sostegno degli aeroporti lombardi di interesse nazionale appartenenti alle reti TEN- T, nello specifico gli aeroporti gestiti da Sea Spa e da SACBO. Il contributo previsto è pari complessivamente a 10 milioni di euro.

Dichiarazione non Finanziaria 2021

Il Consiglio di Amministrazione di SEA S.p.A. ha inoltre approvato la Dichiarazione non Finanziaria 2021, al cui obbligo di redazione SEA è assoggettata in conseguenza del D.lgs 254/2016, in quanto Ente di Interesse Pubblico. La metodologia di rendicontazione adot- tata è in linea con lo standard internazionale (Global Reporting Initiative) e concentra l’analisi delle performance in primo luogo sugli aspetti “materiali”, integrati agli obiettivi di business.

Tra gli highlights riguardanti le performance di sostenibilità relative agli aspetti “mate- riali” i seguenti meritano di essere citati.

Ambiente

Malpensa e Linate hanno conseguito nel 2021 il massimo livello (4+) di certificazione dell’Airport Carbon Accreditation (ACA)il programma di riduzione volontaria delle emissioni di CO2 – cui attualmente aderiscono circa 200 scali continentali – promosso dall’associazione degli aeroporti europei ACI Europe. Gli scali milanesi sono oggi tra i 9 aeroporti europei che si sono posti il traguardo di anticipare di 20 anni – rispetto al target fissato dall’Unione Europea al 2050 – il raggiungimento del “net zero carbon footprint”. La completa decarbonizzazione di tutte le operazioni aeroportuali sotto il diretto controllo di SEA è prevista entro il 2030.

Sono stati realizzati significativi interventi infrastrutturali ad elevata qualità ambientale in entrambi gli scali. Tra i principali:

– La manutenzione straordinaria della pista di volo 17L/35R a Malpensa è stata rea- lizzata attraverso il riutilizzo dell’80% del materiale di demolizione della

page5image1133499200 

5

pavimentazione precedente, con notevole risparmio nell’utilizzo dei materiali e nelle emissioni di CO2 prodotte dal trasporto degli stessi (-20% rispetto ad un processo senza riutilizzo).

  • –  L’adeguamento di tutti i proiettori delle torri faro presenti in area air-side a Mal- pensa, così come degli impianti AVL (Aiuti Visivi Luminosi), sostituiti sulla pista 17L/35R, è stato realizzato utilizzando lampade con tecnologia a LED, con signi- ficativo impatto sui livelli di efficientamento energetico di tali impianti (riduzione del 50% di consumi ed emissioni).
  • –  Il nuovo “corpo F” del terminal passeggeri di Linate è stato costruito con elevati standard di minimizzazione dell’impatto ambientale, attestati dall’ottenimento della certificazione BREEAM-in use livello Excellent. Anche in questo caso, l’im- piego estensivo dei LED ha dimezzato il fabbisogno energetico e le emissioni le- gate alla sua illuminazione.Oltre al rinnovo delle certificazioni riguardanti il sistema di gestione integrato di energia, ambiente e sicurezza (Iso 50001 su efficienza energetica, Iso 14001 su gestione ambientale e Iso 45001 su salute e sicurezza dei lavoratori), l’anti-corruzione (Iso 37001) e le attesta- zioni Hygiene-Synopsis e Airport Health Accreditation (relative alle misure di preven- zione e sicurezza riguardanti il Covid-19), gli aeroporti milanesi hanno conseguito nel 2021 la certificazione Make it Sustainable che definisce standard di eccellenza nel conte- nimento dei consumi energetici e del recupero dei rifiuti in tutti i processi di manutenzione, in collaborazione con le value chain di contractors e fornitori.Qualità del servizioIl livello di soddisfazione espresso dai passeggeri nei confronti dei servizi offerti dagli scali milanesi ha registrato una sensibile ascesa nel 2021. Grazie al completamento del progetto di riqualifica del terminal, a Linate l’indice di customer satisfaction è cresciuto di 5 punti percentuali, attestandosi all’80,9%. Anche Malpensa ha fatto segnare un miglio-ramento di quasi 2 punti rispetto al 2020, portandosi al 75,8%.In termini di qualità della connettività aerea del sistema aeroportuale milanese, l’ascesa del fenomeno dei “preighter” (aerei per il trasporto passeggeri adattati al servizio cargo) durante un periodo caratterizzato da un drastico calo di passeggeri, ha consentito allo scalo di Malpensa di entrare per la prima volta nella top ten degli aeroporti più trafficati d’Eu- ropa in termini di WLU (unità di trasporto che considera sia i passeggeri che le merci), collocandosi al 9° posto.Benessere e sicurezza in ambiente lavorativoL’attivazione del regime di smart working nel 2018 si è confermata una risorsa organizza- tiva fondamentale anche nel 2021, consentendo flessibilità operativa e modalità di lavoro sicure per oltre il 97% delle persone con attività compatibili con il lavoro agile durante le fasi più critiche della pandemia. Nel 2021 i lavoratori in smart working sono stati 736 e le giornate di lavoro effettuate fuori ufficio sono state 30.502.

6

Impatto socio-economico

L’impatto socio-economico degli aeroporti milanesi, in particolare della Cargo City di Malpensa, è risultato rilevante per tutto il sistema produttivo del Nord-Italia.
Le ricadute complessive sul territorio sono quantificabili in circa 28 miliardi di Euro, alle quali ha corrisposto l’attivazione di poco più di 215 mila posizioni lavorative.

I flussi in valore di import-export (42,9 miliardi, +6,4 miliardi rispetto all’anno precedente, +0,7 miliardi sul 2019) che sono transitati da Malpensa nel 2021 corrispondono a circa il 4,6% del commercio estero italiano, che nel 2021 ha registrato un rimbalzo del 19% dopo il crollo del 2020, attestandosi sui 937,7 miliardi di Euro.

Dalla Cargo City di Malpensa è transitato il 10,5% in valore di tutte le esportazioni nazio- nali dirette al di fuori dell’UE. Per i comparti mobili/arredamento, moda/abbigliamento, e meccanica le quote di esportazioni gestite da Malpensa sul totale Italia sono state pari rispettivamente al 14,2%, al 13,2% e al 6,8%.

Va infine rilevato come nel 2021 dalla Cargo City di Malpensa sia transitata quasi la metà e oltre un terzo in valore di tutte le esportazioni italiane del settore moda/abbigliamento destinate ai ricchi e dinamici mercati del Far East e del Nord America.

Convocazione Assemblea Ordinaria dei Soci

Il Consiglio di Amministrazione di SEA ha deliberato di convocare l’Assemblea della So- cietà in sede ordinaria in data 28 aprile 2022, in prima convocazione, e occorrendo in seconda convocazione il giorno 3 maggio 2022, per deliberare sui seguenti punti: appro- vazione del bilancio al 31.12.2021 e proposta di copertura della perdita di esercizio; no- mina del Consiglio di Amministrazione; nomina del Collegio Sindacale e determinazione dei compensi degli amministratori e dei sindaci.

L’avviso di convocazione dell’assemblea sarà pubblicato nei termini di legge anche sul sito www.seamilano.eu, e conterrà prescrizioni idonee a consentire, con la collaborazione degli azionisti, la tenuta dell’assemblea in relazione al perdurare della pandemia Covid, che induce ancora prudenza negli spostamenti e assembramenti.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.