ANCAI sulla proposta di abolizione dell’addizionale comunale sui diritti di imbarco dei passeggeri sugli aeromobili

il

Abbiamo appreso da fonti giornalistiche di un incontro tra il Presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio ed i vertici italiani di Ryanair.

Durante l’incontro, Ryanair avrebbe chiesto il supporto della Regione Piemonte per l’abolizione in tutti gli aeroporti italiani dell’addizionale comunale che deve versare ogni passeggero in partenza e che il Presidente Cirio si sarebbe reso disponibile a “far da portavoce a Roma ”di questa istanza.

Vorremmo ricordare al presidente Cirio che l’Addizionale Comunale, istituita con l’articolo 2, comma 11, della Legge 24 dicembre 2003, n. 350, è nata come un parziale “risarcimento” nei confronti dei Comuni limitrofi agli aeroporti per le molte problematiche che subiscono in conseguenza dell’operatività aeroportuale. Si pensi tra l’altro all’inquinamento acustico ed all’inquinamento atmosferico (con conseguenti problemi sanitari sulla popolazione), ai vincoli sull’uso del territorio per l’attuazione dei “Piani di rischio aeroportuale” o della gestione del “rischio wildlife strike”, all’onere di sostenere ingenti costi per garantire la continuità dei servizi locali necessari per ilfunzionamento delle infrastrutture aeroportuali (raccolta rifiuti, trasporto pubblico, gestione traffico, …).

Attualmente i 6,50 € di addizionale vengono ripartiti tra INPS, Comparto Antincendio e Comparto Sicurezza ed ENAV. Dei 6,5€ di Addizionale Comunale ai Comuni arrivano meno di 10 centesimi a biglietto.Ma questi fondi sono fondamentali per poter, almeno in parte, fare fronteai costi dovuti ai molteplici servizi che i Comuni limitrofi agli aeroporti devono offrire in conseguenza dell’operatività aeroportuale, senza trarne alcun guadagno.Il Presidente Cirio dovrebbe spiegare come finanziare in maniera alternativa i Comuni Aeroportuali prima di farsi portavoce di certe iniziative.

Sarebbe interessante sapere dal Presidente Cirio quali iniziative e quali fondi sono stati previsti dalla Regione Piemonte a supporto delle popolazioni dei Comuni Aeroportuali, anche a fronte della notizia che la sua Regione ha stanziato quasi 2,8 milioni a sostegno degli aeroporti di Torino e Cuneo.

Da ricordare che la Regione Piemonte ha sospeso l’IRESA, ovvero“Imposta Regionale Emissioni Sonore Aeromobili”, imposta di scopo destinata alla lotta all’inquinamento acustico ed a supporto della popolazione residente nell’intorno aeroportuale senza intraprendere iniziative alternative.Infine, vorremmo sottolineare e ricordare al Presidente della Regione Piemonte, che la Società Ryanair ha da tempo promesso il rinnovo della propria flotta con aerei a minor impatto nell’acustico (i noti B737-800max), come ad esempio nel caso del piano di risanamento dell’aeroporto di Ciampino e il Piano di Sviluppo dell’Aeroporto di Orio al Serio, e che purtroppo tale rinnovo è rimasto poco più di una promessa.

Pertanto, anche con riferimento alla sensibilità governativa e ai recenti molteplici provvedimenti europei volti alla tutela dell’ambiente e dei territori impattati dalla presenza degli aeroporti, invitiamo il Presidente Cirio a riconsiderare la poco edificante proposta di annullare, o anche solo sospendere l’addizionale comunale e volgere invece il proprio sostegno con altrettanto interesse ed intensità verso i Comuni Aeroportuali, a tutela dei territori e della salute delle popolazioni residenti.

Il Presidente ANCAI

Mauro Cerutti

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.