VIAGGIO TRA MITI E LEGGENDE DELL’ABBAZIA DI SAN GALGANO NEL CUORE DELLA TOSCANA

il

VIAGGIO TRA MITI E LEGGENDE DELL’ABBAZIA DI SAN GALGANO NEL CUORE DELLA TOSCANA

Alla scoperta del mito della spada nella roccia

La leggenda della spada nella roccia potrebbe avere origini non troppo lontane. Nel cuore della Toscana, in una cappella sull’Eremo di Montesiepi, è ancora visibile l’impresa di San Galgano: l’uomo che incastonò una spada nella pietra, ispirando forse l’autore del ciclo Bretone. Il viaggio che conduce sulla collina dove tutto ebbe origine è un’oasi di pace e tranquillità: un posto sacro, dove vivono ancora leggende e antichi misteri. Dall’entroterra alla costa, un viaggio per ritrovare il benessere, ricaricare le energie e godersi la natura, senza rinunciare all’avventura e ad un pizzico di mistero. Dall’Abbazia di San Galgano fino al Golfo di Follonica, un viaggio nella Maremma Toscana che inizia al The Sense Experience Resort, l’hotel di lusso più esclusivo della Bolgheri Coast.

Tutto il mondo conosce la storia dei cavalieri della Tavola Rotonda e di Re Artù: l’eroe del ciclo bretone che, secondo la leggenda, riuscì ad estrarre una spada dalla roccia. Racconti e miti che nei secoli hanno alimentato l’immaginazione e la fantasia di molti artisti e registi, senza mai trovare fondamenti storici alla vicenda. Eppure, in Italia esiste un luogo, unico e dal fascino intramontabile, dove è possibile imbattersi in una spada conficcata nella roccia. Per trovarla, occorre andare in Toscana, sull’Eremo di Montesiepi, a pochi chilometri da Siena. Qui si trova l’Abbazia di San Galgano: un’immensa struttura costruita per iniziativa dei monaci cistercensi, seguaci del Santo. L’abbazia venne edificata a duecento metri di distanza da una piccola cappella di forma circolare, detta anche “rotonda”: il primo nucleo voluto dal santo stesso dove tuttora si trova la spada nella roccia di San Galgano.

La reliquia si trova al centro della cappella, dove dal pavimento sporge uno sperone di roccia, al cui interno è incastonata la spada in ferro, forgiata all’incirca nel 1170. Secondo la leggenda, la spada appartiene a Galgano Guidottiun nobile di Chiusdino che si convertì al Cristianesimo dopo l’apparizione dell’Arcangelo Michele: la storia narra di come questo giovane rinunciò alla vita di divertimento e capricci che aveva condotto fino a quel momento per seguire la via della preghiera e della meditazione. Per suggellare questo cambiamento netto, Galgano trafisse con la sua spada una roccia, formando una croce con l’elsa. Subito dopo la sua morte, avvenuta nel 1181, venne costruita la “Rotonda”: una cappella dedicata a quest’uomo devoto e conosciuto in tutto il territorio che fu fatto santo. Successivamente, venne edificata l’Abbazia di San Galgano, un’elegante struttura dallo stile romanico – gotico che ad oggi è visitabile, seppur priva del tetto. Per anni ebbe grande importanza, poi a causa della peste venne abbandonata e affidata ad un uomo che, per ripagare i suoi debiti, vendette tutto il piombo presente nel tetto, decretandone la rovina.

Nonostante tutto, l’Abbazia di San Galgano resta un luogo magico, immerso nel silenzio della collina, avvolto da un alone di mistero. C’è infatti un’altra leggenda legata a questo luogo: si narra che il Santo Graal fu nascosto nei sotterranei della rotonda di Montesiepi e che fosse stato lo stesso San Galgano a custodire la famosa coppa dell’ultima cena di Gesù. Se sia vero o no, nessuno lo sa, ma di certo la spada conficcata nella roccia dal santo è ancora là e ben visibile: in molti hanno provato ad estrarla tanto che nella cappella, oltre ad alcuni affreschi di Ambrogio Lorenzetti, sono visibili in una teca gli scheletri di due braccia e mani, risalenti al XII secolo. La leggenda narra che si tratta dei resti degli invidiosi che tentarono di estrarre dalla roccia la spada di San Galgano: un’arma così famosa che forse influenzò persino Chrétien de Troyes, autore del ciclo bretone, che passando dalla Francia all’Italia attraverso la via francigena probabilmente sentì parlare del santo e del miracoloso gesto.

Ad incantare i visitatori, oltre ai miti che ruotano a questo edificio, è l’immenso verde che circonda l’eremo: un’oasi di pace dove rifugiarsi per godersi la tranquillità e dove meditare avvolti da un’atmosfera unica nel suo genere. Da qui, il percorso alla ricerca del benessere fisico e mentale prosegue verso la Bolgheri Coast, nel Golfo di Follonica: qui si potrà vivere un soggiorno immersi in un parco naturale di 5 ettari e nei profumi della Maremma Toscana, a pochi passi dal mare.

The Sense Experience Resort

THE SENSE EXPERIENCE RESORT 4****S è un esclusivo resort inaugurato a fine luglio 2020, nel cuore della Maremma Toscana: immerso in un parco naturale di 5 ettari sul mare nel golfo di Follonicaa due passi dalla suggestiva area di Torre Mozza, si affaccia sul mare e dispone di una spiaggia privata. Il parco conserva piante e alberi secolari ed è circondato da bellissime dune di sabbia, riqualificate e conservate integralmente. Tra i servizi disponibili anche un’area con piscina esterna riscaldata.

Il resort si propone di offrire ai suoi ospiti un’esperienza totalmente immersiva, a contatto con la natura: i materiali scelti per gli interni, i sapori dei prodotti locali esaltati nei piatti, le suggestioni suscitate dai dintorni, creano un percorso sensoriale che si riassume nel suo slogan “Be natural, be you”. L’esclusività dell’esperienza è garantita anche da standard di alto livello, dagli ambienti ai servizi. Il servizio di concierge tradizionale è stato sostituito con l’Experience Specialist che assicura a tutti gli ospiti un soggiorno memorabile.

Il resort è composto da 5 edifici con 112 camere tra Comfort, Deluxe, Superior e Suite tematiche di diverse tipologie, fino ad arrivare alle Two Bedroom Suite vista mare, con vasca idromassaggio esterna.

La scoperta del territorio prosegue a tavola: l’ampia offerta gastronomica è curata dall’Executive Chef Franco Manfredi che fonda l’esperienza gustativa sulla valorizzazione di materie prime e prodotti locali in piatti della tradizione toscana. Due i ristoranti: il ristorante centrale à la carte Dimorà per mangiare all’interno o presso il dehor esterno o sotto l’ombrellone, o il nuovo ristorante fine dining Eaté,segnalato nel 2022 dalla Guida Michelin, che si trova direttamente sulla spiaggia in una location suggestiva. Completa l’offerta il Mixology Bar Red Rabbit.

Icon Collection

È una società di consulenza del gruppo imprenditoriale Ficcanterri, nata nel 2019, che si occupa di gestire in maniera sinergica una serie di servizi (marketing, revenue, booking, acquisti, amministrazione, controllo di gestione, etc.) per le strutture The Sense Experience Resort, Park Hotel MarinettaAntico Podere San FrancescoBorgo Verde e Hotel Botticelli. Icon Collection ha il compito di condurre tutte le strutture verso l’innovazione sia nell’ambito dell’offerta di servizi, nel marketing, revenue & sales, nei sistemi di controllo ed efficientamento economico che nell’ottimizzazione dell’impiego delle risorse umane e finanziarie.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.