Il nuovo An-225 quando prenderà forma?

il

Nei giorni passati e’ stato rivelato che l’Ucraina vuole di nuovo avere un An-225 volante. Il primo e unico volante, come e’ noto, e’ andato distrutto a Hostomel vicino a Kiev, quando fu colpito dalle bombe o missili russi durante la prima fase del conflitto Russia – Ucraina.

Il secondo aereo, o per meglio dire la seconda fusoliera e’ quella nella foto. Così rimase quando il progetto Buran fu definitivamente soppresso. La fusoliera del secondo velivolo, insieme a quella che ha dato vita al primo esemplare volante era parte del progetto spaziale legato alla navetta che doveva emulare lo Space Shuttle americano. Ma ahiloro non vide mai un lancio e la navetta viaggiava sulla groppa dell’aereo e nulla più.

Finito Buran, la seconda fusoliera rimase così come ora si trova. Con la fine dell’Unione Sovietica rimase in Ucraina e il primo aereo sulla scia dei “fratellini” più piccoli An-124 dal quale l’An225 origino’, passo’ al ruolo di trasporto cose eccezionali con Antonov Design Bureau prima e Antonov Airlines dopo.

Lasciamo la storia e passiamo ora al presente e al futuro prossimo. Infatti per mettere in condizioni di volo questa fusoliera dallo stato primordiale nella quale ora si trova e’ necessario passare agli aspetti pratici.

Pare infatti che vi siano solo il 30% delle parti disponibili per l’allestimento dell’aereo, che presumibilmente sono parte dell’impiantistica e accessoristica di bordo. C’è’ indubbia molta commonality tra i due aerei.Poi c’è’ quello da realizzare ex-novo per la parte strutturale. Infatti buona parte della fusoliera quali semiali, stabilizzatori, parte posteriore, timone sono tutte da costruire a disegno. Così come pure il portellone anteriore e quello posteriore.
Oltre a tutto ciò e’ necessario capire quali problemi di obsolescenze ci possono essere nella lista parti a suo tempo prodotta con la realizzazione dell’aereo, perché presumibilmente questo e’ un problema che potrebbe esistere e a sua volta inficiare la certificazione attuale del velivolo. Molta tecnologia potrebbe essere non più disponibile e quindi va realizzata con quello che oggi e’ disponibile.

Attualmente e’ stato reso noto che l’attività di design e’ iniziata. Oltre alla disponibilità di un 30% di parti compatibili e’ stato comunicato. Nelle chiarificazioni rilasciate si cita che Antonov non ha fretta. I costi quantificati sono stimati in oltre mezzo miliardo di Euro. La cifra potrebbe essere spannometrica , perché in realtà solo a attività completata di design review, si potrà dire cosa serve e quindi dovrà essere fatto per addivenire al completamento del progetto di costruzione di questo secondo esemplare. Solo alla fine si farà’ un consuntivo nella quale sarà stato quantificato i costi per questo programma.

Nessuna data infatti e’ stata fatta e ci sarà un perché?

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.