Stoccarda: 200 anni della Festa della Birra tra divertimento, storia e allegria

STOCCARDA: 200 ANNI DELLA FESTA DELLA BIRRA TRA DIVERTIMENTO, STORIA E ALLEGRIA

STOCCARDA: 200 ANNI DELLA FESTA DELLA BIRRA TRA DIVERTIMENTO, STORIA E ALLEGRIA

Stoccarda

La Cannstatter Volksfest, quest’anno dal 28 settembre al 14 ottobre, accoglie ad ogni edizione 4 milioni di visitatori e festeggia nel 2018 il suo bicentenario. Per celebrare la ricorrenza anche una Festa Storica (26 settembre – 3 ottobre) in centro città e una speciale birra del giubileo

• La Cannstatter Volksfest, quest’anno dal 28 settembre al 14 ottobre,
accoglie ad ogni edizione 4 milioni di visitatori e festeggia nel 2018 il
suo bicentenario

• Per celebrare la ricorrenza anche una Festa Storica (26 settembre –
3 ottobre) in centro città e una speciale birra del giubileo
Correva l’anno 1818 quando, il 28 settembre – per alleviare le sofferenze della
popolazione provata da anni di carestie e cattivi raccolti – il Re Guglielmo I del
Württemberg e la moglie Katharina inaugurarono una festa popolare nell’area verde
fuori Stoccarda detta Cannstatter Wasen. Da allora il Cannstatter Volksfest è diventata
un appuntamento imprescindibile della città, e una delle Feste della Birra più grandi al
mondo. Quest’anno, per onorare il bicentenario, Stoccarda presenta anche una Festa
Storica nel cuore della città, per scoprire con un salto virtuale nel tempo come si
divertivano i nostri antenati, e una speciale birra del giubileo.
LA FESTA DELLA BIRRA DI STOCCARDA (Cannstatter Volksfest, 28.09 –
14.10.2018)
Voglia di divertirsi in compagnia, momenti di evasione, tanto folklore e un’ottima birra, accompagnata
dai piatti della tradizione locale. Oggi come un tempo, a
Stoccarda si festeggia la fine dell’estate e il tempo del
raccolto con 17 giorni di festa dedicati alla bevanda
nazionale. Il Cannstatter Volksfest accoglie ogni anno
4 milioni di visitatori, ed è diventato nel tempo un
appuntamento sempre più internazionale, dove però il
folklore svevo, uomini e donne in costume tradizionale –
Dirndl e Lederhosen – e la Gemütlichkeit tipica della
Germania meridionale la fanno da padrone. La festa
viene inaugurata con una grande processione domenica
30 settembre, con 3.500 partecipanti, trattori, cavalli,
figuranti e animali vestiti a festa. Simbolo della festa è,
ancora oggi, la Fruchtsäule, una “colonna dell’abbondanza”, tutta e in legno e alta 26 metri, visibile da
molto lontano e riccamente decorata con i frutti del raccolto, a ricordare l’origine contadina e autunnale
del Cannstatter Volksfest. Nei sette mega-tendoni si assaggiano le specialità locali (come i ravioli
Maultaschen, gli gnocchetti Spätzle e la carne di maiale) con calici di ottima birra, si canta e si balla in
compagnia. Ma la festa prevede anche due grandi spazi dedicati al vino – perché Stoccarda è anche
terra di produzione vinicola – un enorme luna-park con montagne russe e mille attrazioni, stand di
dolciumi e di oggetti-souvenir. Per il divertimento più puro, senza pensieri (https://www.cannstattervolksfest.de/it/landing-page/
).
Foto: Festa della Birra di Stoccarda, credits@Stuttgart Marketing GmbH
Stuttgart-Marketing GmbH
Presse- und Öffentlichkeitsarbeit
Rotebühlplatz 25 70178 Stuttgart
Tel. : +49 (0)711 / 22 28-222 Fax: +49 (0)711 / 22 28-205
presse@stuttgart-tourist.de http://www.stuttgart-tourist.de
UNA GRANDE FESTA POPOLARE STORICA, ANNO 1818, PER FESTEGGIARE
IL GIUBILEO (26.09. – 03.10.2018)
Com’erano le feste e le grandi sagre di una volta, come si divertivano
allora? Per restituire uno spaccato del passato, in occasione dei 200
anni della Cannstatter Volksfest si tiene quest’anno sulla grande piazza
del Castello Nuovo di Stoccarda una grande Festa Storica. Nel vero
cuore della città, i visitatori incontreranno funamboli e saltimbanchi,
mangiatori di fuoco e prestigiatori; potranno assistere agli spettacoli di
illusionismo e vedere la “donna senza testa” e la “ragazza fluttuante”,
o ascoltare l’imitatore dei canti degli uccelli. Per divertirsi, ci saranno
anche il tiro a segno “della nostalgia”, il circo delle pulci – per vedere
gli insetti gareggiare nella corsa o giocare a calcio – una grande ruota
panoramica dell’inizio del 20mo secolo, le prime montagne russe e un
carosello d’antan. La storia rivivrà anche attraverso personaggi in
costume che racconteranno le proprie vicissitudini – tra questi, il re
Guglielmo I, sua moglie Katharina e l’amante Amalie von Stubenrauch
– e un mercatino tradizionale dove trovare, tra gli altri, il mastro cordaio
e il realizzatore di carta pesta. Alla festa non potranno mancare gli
stand gastronomici con i piatti della tradizione, le carni di cacciagione, i wurstel con crauti e patate.
Per festeggiare il giubileo, infine, i mastri birrari dei birrifici Stuttgarter Hofbräu e Dinkelacker di
Stoccarda hanno lavorato insieme per creare una speciale birra del giubileo che, con i suoi 5,5 % di
alcol e, si differenzia dall’offerta dei birrifici e vuole ricordare il sapore della birra che si beveva proprio
nel 1800. Il tuffo nel passato non poteva essere più completo.
Foto: Locandina Festa Storica, credits@in.Stuttgart
OLTRE LA FESTA DELLA BIRRA: IL MUSEO MERCEDES-BENZ E IL MUSEO
DEL MAIALINO
Chi visita il Cannstatter Volksfest nell’area di Cannstatt (raggiungibile con poche fermate di
metropolitana dal centro città) si trova nei pressi di due grandi attrazioni della città di Stoccarda,
raggiungibili comodamente a piedi: il Mercedes-Benz Museum e il Museo del Maialino. Nel primo,
ospitato in un futuristico edificio ad ellisse, si ripercorrono su nove incredibili piani a spirale gli oltre
130 anni della storia dell’automobile, dalle origini ad oggi (a Stoccarda nel 1883 Gottlieb Daimler
inventa il motore a scoppio e nel 1886 Karl Benz registra la prima autovettura al mondo) e quella del
marchio, con alcuni straordinari modelli – come la Papamobile e la SL rossa della principessa Diana
(www.mercedes-benz-classic.com ). Il secondo è una collezione di 50.000 pezzi provenienti da tutto il
mondo a tema suino – in legno, cioccolato, metallo o ceramica. Distribuito su 29 stanze, il Museo del
Maialino è unico nel suo genere e piacerà soprattutto ai più piccoli (www.schweinemuseum.de/ ).

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.