Come eravamo: l’Aeral, un breve sogno cargo

il

Un sogno per un vettore cargo, poi per un breve periodo charter passeggeri, svanì in un paio di anni o poco più. Aeral fu una piccola compagnia aerea esistente che nel 1978 si convertì all’attività di trasporto merci. Una società nata in realtà lontano, esattamente in Piemonte ad Alessandria. Nel 1958 la Aeral era l’acronimo di Aeronautica Alessandrina. Con un Cessna 421 Golden Eagle I-MARS fece per lungo tempo svolse attività di Aerotaxi e lavoro aereo in generale. Ci fu in flotta anche un Aermacchi AL-60 I-SATT. Poi il cambio di passo ed il trasferimento a Roma. Cambio’ anche la ragione sociale in Aeral – Aeronoleggi e Lavori SpA. La base all’aeroporto di Fiumicino. La scelta del DC8, anche in ordine del fatto che Alitalia aveva la possibilità di metterci le mani come certificazioni. Oltre al poter reperire piloti e tecnici qualificati a breve distanza.

Il primo aereo fu un DC8-54F, frutto di una trasformazione da passeggeri a cargo. Oltre al fatto del cambio di propulsione. E’ nato come DC8-43 per Alitalia con le marche I-DIWL. Quindi acquisito da F.B. Ayer. Poi ceduto ad Aeral, che lo fece convertire da una ditta specializzata a Tulsa in Oklahoma. Dalle marche N153FB, anche con la colorazione Aeral, poi divenne I-ALEC.

Il primo volo fu il 17 febbraio 1979, con il codice HS ed il radio call sign SkyTruck. I voli originavano da Roma Fiumicino e Milano Malpensa. La sua attività era trasportò cargo principalmente verso varie destinazioni del Nord America . Ma furono operati charter anche verso altre destinazioni in varie parti del globo. Su questa base di attività nel dicembre 1979 arrivo’ successivamente un altro DC8, in serie -55CF dalla Overseas National. Era un aereo con capacità non solo cargo, ma anche passeggeri. Le marche erano N9110V e ciò facilito’ l’entrata nel mercato nord americano. La livrea fu quella che aveva.

Nel giugno 1980 utilizzo’ nel mese anche un altro DC8-51 OH-KDM dalla aerolinea finlandese Kar-Air Finland. A differenza degli altri due, questo era un velivolo passeggeri e fu utilizzato per questo tipo di attività per un brevissimo periodo operando voli charter passeggeri verso il Regno Unito e Israele. Un attività ritenuta più remunerante, che quella dei voli cargo. Per questa fu fatta application al US DOT per operare ogni sabato una catena di voli charter tra l’Italia e gli USA. La compagnia aerea avrebbe volato tra Milano Malpensa e New York JFK ogni sabato dal 28 giugno al 3 gennaio 1981. I passeggeri dovevano essere perlopiù studenti con pacchetti turistici, ma anche normali vacanzieri. A quell’epoca si effettuavano questi tipi di soggiorni o Tours. I voli furono autorizzati per il fatto che veniva utilizzato l’aereo della Overseas National. L’aver un velivolo statunitense fu condizione per la compagnia italiana di ottenere l’autorizzazione fino al 20 luglio, un eccezione al limite di 10 voli o quattro settimane, che il Civil Aeronautics Board di Washington era forzato ad applicare a chi non aveva nelle mani sotto la FAR129. Perché poi la fine della compagnia fu un fatto che accadde paio di mesi dopo, a fine agosto 1980. La compagnia chiuse il 31 di quel mese.

L’aereo proveniente da Overseas National ritorno’ negli USA in settembre 1980. L’altro aereo invece spese molto tempo a Fiumicino e poi fu li demolito.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.