KLM adatta ulteriormente l’organizzazione a causa della crisi del COVID-19

il

787-9 KLM #356-ZB234

KLM è alle prese con una crisi di portata senza precedenti. Dallo scoppio del virus COVID-19 all’inizio del 2020, sono già state adottate numerose misure per far fronte alle circostanze attuali. Le aspettative sono che la strada per la ripresa sarà lunga e densa di incertezze. Ciò significa che la struttura e le dimensioni di KLM devono essere rigorosamente regolate ulteriormente negli anni a venire. Di conseguenza, cesseranno di esistere da 4.500 a 5.000 posizioni in tutto il Gruppo KLM (espresse in FTE).

Sulla scia dell’epidemia di coronavirus, KLM ha gradualmente iniziato a ridurre le dimensioni della sua rete a febbraio per operare meno del 10% del suo numero originale di voli entro l’inizio di aprile. Nel secondo trimestre è stato operato solo il 15% del numero originario di voli. A luglio, il 30% dei voli originari è stato operato e i coefficienti di carico sono in ritardo. Di conseguenza, mentre la rete viene nuovamente ampliata gradualmente e con attenzione, i ricavi sono molto indietro.

Le prospettive per il settore del trasporto aereo, e in particolare per KLM, sono incerte. Diversi paesi stanno ora iniziando a rafforzare le loro restrizioni di viaggio più rilassate. Questo rende i clienti più cauti quando si tratta di prenotare un biglietto. In tutti gli scenari, la domanda dovrebbe riprendersi solo entro il 2023 o il 2024 al più presto. Il grado e la velocità del recupero dipenderanno da una serie di fattori tra cui lo sviluppo del virus, la ripresa economica e il comportamento dei clienti durante i viaggi.

Adattarsi alla nuova realtà

Il sostegno del governo sotto forma di prestito statale diretto e linee di credito bancarie garantite per un importo massimo di 3,4 miliardi di euro consentiranno a KLM di affrontare la crisi nel prossimo periodo. KLM è estremamente grata per questo sostegno fornito tramite il prestito. Per garantire l’esistenza di KLM a lungo termine, la compagnia aerea deve adattare le sue dimensioni alla nuova realtà. KLM si trova quindi costretta a ridurre la propria forza lavoro fino al numero necessario per l’operazione pianificata nel 2021/2022. Dell’attuale totale di 33.000 FTE nell’intero Gruppo KLM, la forza lavoro deve essere ridotta da 4.500 a 5.000 FTE a 28.000 FTE nel corso del 2021.

Le dimensioni di KLM stanno già diminuendo – e continueranno a essere ridotte – sulla base delle misure attuali, che includono il mancato rinnovo dei contratti temporanei (1.500 FTE) e il Piano di partenza volontaria (2.000 FTE). Inoltre, anche l’attrito naturale (500 FTE) dovuto al pensionamento e simili nel 2020 e nel 2021 contribuirà alla riduzione necessaria.

Pertanto, nonostante le misure già adottate, negli anni a venire presso KLM saranno necessarie ancora meno persone. Inoltre, per le posizioni sul campo dobbiamo anche affrontare alcune discrepanze nelle abilità e capacità funzionali.

Purtroppo, per questo motivo e tenendo conto del disallineamento, si dovranno trovare soluzioni alternative per ca. 1.500 posizioni. Ciò si riferisce a un massimo di 500 posizioni a terra, 300 posizioni dell’equipaggio di cabina e 300 posizioni della cabina di pilotaggio e circa 400 posizioni presso le filiali KLM e le funzioni del gruppo Air France-KLM.

Dato l’elevato livello di incertezza, KLM mantiene aperta la possibilità di ulteriori riduzioni nel caso in cui i livelli di produzione vengano rivisti ulteriormente al ribasso per il 2021/2022 rispetto al -20% previsto ora.

Sindacati e Comitato aziendale

I piani di riorganizzazione di KLM si collegano ai cambiamenti a livello di organizzazione di Air France KLM. Nel prossimo periodo, KLM collaborerà strettamente con i sindacati per redigere un piano sociale per ogni settore del contratto collettivo di lavoro e filiale, oltre a mantenere una stretta consultazione con il comitato aziendale sull’ulteriore definizione della riorganizzazione. Ciò includerà una specificazione più dettagliata delle condizioni stabilite dal governo olandese per l’emissione del pacchetto di finanziamento. Le aspettative sono che questo sarà completato nella sua interezza nel corso di ottobre.

Molto è già stato fatto in questi mesi per adeguare le dimensioni della nostra azienda a una nuova realtà. Sfortunatamente, sono necessarie ulteriori misure a breve termine per garantire la continuità dell’esistenza di KLM in futuro. Per questo motivo stiamo elaborando il piano di riorganizzazione per uscire da questa crisi in una posizione più forte, mantenendo più posti di lavoro possibile in modo responsabile e rimborsando i prestiti il ​​più rapidamente possibile.

I dipendenti KLM sono leali, professionali e lavorano sodo. Sono sempre pronti a servire i nostri clienti, l’un l’altro, l’azienda e la società in generale. I recenti sviluppi sono serviti ancora una volta a dimostrare che questo è vero. È incredibilmente difficile e triste per KLM dover ora dire addio a colleghi preziosi e impegnati. Certamente in considerazione di quanto siamo riusciti a fare insieme in questi anni. Il prossimo periodo sarà dedicato al saluto dei colleghi che devono partire con la dovuta diligenza e alla ricostruzione di KLM.

KLM Presidente & CEO Pieter Elbers

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.