Gli aerei in cielo sull’Europa stanno diminuendo

il

Non c’è’ più la ripresa del #trasportoaereo è questo lo sappiamo. Ma il #traffico sui #cieli europei sta diminuendo. Molto di più di #USA , #Giappone e #Cina.

A dirlo e’ #Eurocontrol, e chi meglio di loro lo può sentenziare. Eurocontrol e’ l’agenzia del controllo del #trafficoaereo sui #cieli del vecchio continente.
Il 14 ottobre ha visto toccare il -58%. Le sue previsioni riaggiornate erano per il -56%, il valore medio dell’ultima settimana. Ma qualche settimana prima si pronosticava solamente un -30%.

A causare tutto ciò, e’ la seconda ondata del #Covid-19 e la mancanza di uniformità nei provvedimenti presi dai singoli #governi. Si parte da approcci molto fermi a quelli lassisti olandesi. Oppure i dietrofront inglesi. Tutto però porta un danno alla connettività europea. Una non politica comune si traduce in un salto ad ostacoli nel come muoversi. A segnalarlo in una conferenza online e’ anche Pieter Elbers – Presidente e CEO di #KLM.


Proprio perché ancora dopo decenni, questo ne e’ un caso lampante, l’Europa e’ ancora disunita. E non e’ un agglomerato di stati per creare un “mercato domestico” del trasporto aereo, viste le possibilità di entrare e uscire dagli Stati senza limiti, avendo una moneta comune, come ha sancito l’accordo di Schenghen.

Invece, nel mondo siamo al -48% degli USA, -30% del Giappone è -10% della Cina. Nei due paesi asiatici il trasporto aereo e’ quasi ritornato alla normalità.

Tutto ciò e’ un danno, molto grave per l’economia europea. Per gli aeroporti europei e’ già valutabile in 1,7 miliardi di passeggeri in meno e introiti a -69%. La fonte e’ ACI Europe.
Nel mondo le aerolinee perderanno 419 miliardi di dollari con un -50% di passeggeri secondo la IATA.

Tornando all’Europa la situazione di mercoledì scorso circa i volumi operativi delle compagnie aeree era la seguente:

  • Ryanair e’ la numero uno, ha operato 720 voli, il -29% rispetto a due settimane prima e il -71% sullo stesso giorno del 2019,
  • Turkish Airlines e’ la seconda : 629 voli, -5% sulle ultime 2 settimane e -52% sul 2019,
  • Air France e’ terza: 498 voli, -7% e -56% dal 2019,
  • Lufthansa e’ quarta: 458 voli, -4% e -71% sul 2019,
  • KLM e’ quinta: 386 voli, -9% e -49% sul 2019.

    Poi si balza a EasyJet, scivolata alla 11esima posizione con soli 259 voli, -53% nelle ultime due settimane e -84% rispetto a un anno fa.

Tra gli aeroporti europei il 14 ottobre, il più trafficato e Amsterdam con oltre 600 voli e -59% sul 2019. Seguono Francoforte, Londra Heathrow, Parigi CDG, Istanbul nella fascia tra 400 e 600. Poi Monaco, Madrid, Oslo , Atene e Barcellona tra 200 e 400 voli.

I numeri di Amsterdam in termini di rapporto tra passeggeri e aerei non sono poi così fiorenti. In settembre a Schipol, i passeggeri sono stati il -79,4% anno su anno nel mese di settembre e i movimenti aerei al -49,8%. Aerei che trasportavano più aria, che persone. Lo sbilancio e’ più pesante sugli intercontinentali con i movimenti a -45,7% e i passeggeri tragicamente a -87,3%. Sull’europeo -50,7% sugli aerei movimentati e -76,3% sui passeggeri arrivati e partiti. I cargo sono passati da 1265 del 2019 a 2096 del 2020 con un più 65,7% e il volume di merce e’ calato del 9%. Le pance mancanti per la merce sui voli passeggeri soppressi sono la ragione del gap negativo sui volume di merce. Sui voli passeggeri si traduce che gli aerei hanno viaggiato globalmente con meno del 30% dei posti occupati.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.