VOLO SANITARIO D’URGENZA: BIMBO DI DUE ANNI IN PERICOLO DI VITA, FALCON 50 DELL’AERONAUTICA MILITARE LO TRASPORTA DA ALGHERO A ROMA

il

Il piccolo, imbarcato insieme alla mamma, su un Falcon 50 del 31° Stormo, è giunto nel primo pomeriggio all’aeroporto di Ciampino (RM), per il successivo trasferimento all’Ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma. 

E’ da poco atterrato sullo scalo militare romano di Ciampino (RM) un Falcon 50 del 31° Stormo dell’Aeronautica Militare con a bordo un bimbo di due anni per la quale si è reso necessario il trasporto sanitario di urgenza dall’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Sassari, dove era ricoverato con una gravi patologia, all’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma.
Il volo salva-vita, richiesto dalla Prefettura di Sassari, è stato immediatamente coordinato dalla Sala Situazioni di Vertice del Comando della Squadra Aerea, la sala operativa dell’Aeronautica Militare che ha tra i propri compiti anche quello di disporre e gestire questo tipo di missioni attraverso l’attivazione di uno dei velivoli che la Forza Armata tiene pronti, 24 ore su 24, in varie basi, per questo genere di necessità.

Il velivolo era decollato dallo scalo di Ciampino nel primo pomeriggio; una volta raggiunto l’aeroporto di Alghero (SS) ed effettuato l’imbarco – nel rispetto delle misure precauzionali connesse all’emergenza sanitaria Covid-19 – piccolo paziente a bordo del velivolo militare, ha fatto rientro sullo scalo romano, dal quale – in ambulanza – il paziente è stato trasferito presso l’ospedale Bambino Gesù. L’equipaggio ha poi ripreso il servizio di prontezza operativa.

​​Missioni di questo tipo necessitano della massima tempestività. I Reparti di volo dell’Aeronautica Militare sono a disposizione della collettività 24 ore al giorno, 365 giorni l’anno, anche nei giorni di festa come la giornata di oggi, con mezzi ed equipaggi in grado di operare, anche in condizioni meteorologiche complesse, per assicurare il trasporto urgente non solo di persone in imminente pericolo di vita, ma anche di organi, equipe mediche o ambulanze.

Fonte Ufficio Pubblica Informazione – Roma

Autore Cap. Simone Antonetti

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.