Bologna: cambia il tipo di passeggero con il post-Covid

il

In un intervista rilasciata al quotidiano “La Repubblica – Bologna” l’AD e DG Nazareno Ventola spiega che con il Covid-19 e la ripresa rapidissima del traffico avvenuta negli ultimi due mesi è cambiato anche il tipo di passeggero, rispetto al passato utilizza sempre di più i voli a basso costo.

Infatti se ante covid-19 i passeggeri low cost erano il 55% e invece il 45% utilizzavano i voli dei vettori tradizionali. Ora si vede che il traffico è l 75% sui voli low cost e il 25% su quelli legacy full service.

Sempre Ventola dice che questo passeggero utilizza una forma diversa per arrivare in aeroporto,. Anziche come nel passato dove parcheggiare o utilizzare i mezzi di trasporto collettivi andava per la maggiore. Oggi viene recapitato all’aeroporto o prelevato con mezzi di amici e parenti. Ne soffre quindi l’area aeroportuale visto che il kiss & fly a 10 minuti è la formula più utilizzata.

L’aeroporto di Bologna ha da qualche anno anche predisposto un area chiamata “wait zone” dove si puo’ sostare gratuitamente con la propria auto per il massimo di un ora . Ma il suo utilizzo , nonostanteil tam tam sui social e le ampie indicazioni installate per informare della sua presenza, è solamente del 30-50%. La distanza che lo separa dal terminal è di qualche minuto in più, ovviamente a piedi.

il traffico è previsto che si chiuda nel mese di giugno con un volume superiore rispetto a quello del mese corrispondente del 2019.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.