La giapponese Feel Air Holdings ordinerà fino a 36 velivoli ATR

il


*
ATR, il produttore di aeromobili regionale numero uno al mondo, ha firmato una lettera di intenti (LoI) per un massimo di 36 aeromobili con Feel Air Holdings al Farnborough Air Show. Feel Air è una nuova holding di compagnie aeree regionali giapponesi creata con lo scopo di rivitalizzare le regioni del Giappone. Feel Air utilizzerà la sua esclusiva struttura commerciale in franchising per creare gradualmente una famiglia di compagnie aeree regionali che copriranno diverse aree all’interno del Giappone.

Feel Air ha scelto gli aerei ATR per le loro eccellenti prestazioni come aprirotta. La compagnia aerea intende stabilire nuovi collegamenti regionali in tutto l’arcipelago giapponese, che ha quasi 100 aeroporti operativi. Il suo obiettivo è migliorare la mobilità interregionale e intraregionale come mai prima d’ora, creando un flusso sostenibile di persone e merci e contribuendo alle economie locali in modo accessibile e responsabile.

La LoI conferma l’impegno di Feel Air per l’uso esclusivo di aeromobili ATR per le proprie operazioni domestiche, con una flotta che sarà composta sia da aeromobili ATR 42-600 che ATR 72-600, nonché dalla variante a decollo e atterraggio corto, la ATR 42-600S, per un più facile accesso agli aeroporti regionali minori.

Il Sig. Taiichi Kojima, Presidente di Feel Air Holdings, ha dichiarato: “Feel Air Holdings mira a portare una nuova dinamica al trasporto aereo regionale giapponese, rendendolo più versatile, più significativo e più accessibile a tutti. Grazie alle loro emissioni di CO2 ridotte e all’efficienza del carburante, gli aerei ATR possono aiutarci a farlo in modo sostenibile, consentendoci di contribuire attivamente alle comunità locali proteggendo al contempo i numerosi splendidi paesaggi naturali del Giappone”.

Hideki Ide, amministratore delegato di Feel Air Holdings, ha dichiarato: “Nei prossimi anni, Feel Air Holdings costituirà almeno cinque compagnie aeree regionali, con una flotta che alla fine comprenderà 36 aeromobili ATR. Il nostro obiettivo fondamentale è migliorare la mobilità aerea regionale in Giappone collegando destinazioni locali che attualmente non dispongono di un servizio aereo, creando così legami più forti tra le imprese regionali e le persone, generando nuovi mercati e arricchendo le economie locali. Gli aerei ATR svolgono un ruolo essenziale nella nostra strategia aziendale perché hanno le dimensioni ideali per tali operazioni regionali e dimostrano un’eccezionale efficienza operativa”.

Stefano Bortoli, amministratore delegato di ATR, ha commentato: “Il trasporto aereo è fondamentale per le isole e le regioni del Giappone e la creazione di Feel Air aiuterà a collegare le regioni del Giappone in modo economico e sostenibile. In ATR, vogliamo contribuire a garantire che l’aviazione e Feel Air in particolare possano contribuire a un futuro prospero per il Giappone. Insieme, esploreremo molte opportunità per i nostri turboelica versatili e sostenibili nei prossimi anni, per supportare ulteriormente lo sviluppo economico del Giappone e la sua necessità di servizi essenziali rapidi, affidabili e responsabili.

Attualmente ci sono 15 aerei ATR che volano attraverso il Giappone con tre operatori. Anche altri due operatori inizieranno ad operare nei prossimi mesi. In totale, ATR vede un potenziale per 100 aeromobili ATR operanti in Giappone a medio termine.

Per rimanere aggiornato su tutte le attività di ATR durante il Farnborough Airshow, seguici sul nostro sito Web, Twitter (@atraircraft), Linkedin (ATR), Instagram (atraircraft) e Facebook (@atraircraft).

ATRIntoLife #AVGeeks #FIA #FIA2022

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.