easyJet: Stagione sciistica in Europa

il


easyJet è tornata alla sua capacità del 2019 sulle sue piste da sci con due milioni di posti ora disponibili

Le abbondanti nevicate dovrebbero continuare in tutta la Francia
Il programma dei voli di easyJet verso le destinazioni sciistiche europee aumenta del 30% quest’inverno rispetto al 2022
easyJet è l’operatore numero uno per i principali aeroporti alpini tra cui Lione, Grenoble, Ginevra, Milano e Torino
La Francia è la seconda destinazione sciistica più popolare di easyJet con oltre 200.000 posti ora in vendita per l’alta stagione invernale
I posti a Lione per questo inverno sono aumentati del 110% rispetto al 2019
easyJet, il principale operatore aeroportuale numero uno in Europa e la seconda compagnia aerea francese a corto e medio raggio, quest’inverno ha messo in vendita due milioni di posti sui suoi itinerari sciistici più famosi in tutta Europa. Poiché nelle prossime settimane sono previste abbondanti nevicate, la compagnia aerea sta lanciando il suo primo programma completo di volo con gli sci in oltre due anni. Anche il programma di volo con gli sci di easyJet in Europa aumenterà del 30% quest’inverno rispetto al 2022.

Attore principale durante la stagione invernale, easyJet è il vettore numero uno tra il Regno Unito e la Francia, nonché il più grande operatore che serve i principali aeroporti delle Alpi tra cui Lione, Grenoble, Ginevra, Milano e Torino. A Lione, ad esempio, l’offerta di posti è del 110% rispetto al 2019. Questo insieme a Grenoble, servita da easyJet solo in inverno, assicura un forte contributo all’economia Rhône-Alpes.

L’azienda serve località in tutta la regione: Nizza e Marsiglia fino alle Alpi meridionali, Tolosa verso i Pirenei e Andorra, Basilea-Mulhouse verso i Vosgi. Questi aeroporti offrono un servizio navetta per le stazioni sciistiche. Per soddisfare le esigenze dei passeggeri durante la stagione, l’azienda offre sul proprio sito Web e applicazione mobile un’opzione di attrezzatura sportiva a partire da 42 € per piccole attrezzature sportive tra cui sci e scarponi da sci, oltre a snowboard.

Agevolando i turisti a visitare le regioni francesi e i francesi a scoprire l’Europa e viaggiare all’interno della Francia a tariffe vantaggiose, easyJet si trova in una posizione unica nel settore. La compagnia aerea arancione rende le destinazioni invernali popolari accessibili a tutti i francesi nelle regioni consentendo loro di raggiungere rapidamente le stazioni sciistiche, principalmente attraverso percorsi di sci di fondo, con un’offerta che completa il treno. In Francia, la compagnia non gestisce una tratta nazionale dove esiste un’alternativa di treno diretto di meno di 4 ore.

Tariffe vantaggiose sono ancora disponibili su molte delle nostre rotte nazionali di sci di fondo per le vacanze di febbraio, con partenza in un giorno del fine settimana – prezzi a partire dal 16 gennaio:

Nantes – Lione da 51€ (domenica 19 febbraio)
Lille – Tolosa da 72€ (domenica 19 febbraio)
Bordeaux – Lione da 49€ (domenica 12 febbraio)
Rennes – Lione da 79€ (domenica 12 febbraio)
Bertrand Godinot, Country Director di easyJet in Francia, ha dichiarato:

“Questo inverno segna il ritorno del traffico sciistico con 2 milioni di posti disponibili per tutte le nostre destinazioni sciistiche. La capacità è paragonabile al 2019 e la domanda di sci questo inverno è incoraggiante, promettendo buone prospettive per le principali destinazioni invernali della nostra rete.

“Facendo della Francia la seconda destinazione sciistica dopo la Svizzera, contribuiamo all’economia del turismo degli sport invernali, essenziale per molti territori francesi. Questo contributo economico va di pari passo con uno sforzo di lunga data e costante per ridurre la nostra intensità di carbonio. “

Lo scorso settembre, l’azienda ha presentato la sua roadmap per la decarbonizzazione da qui al 2050. Prosegue il suo impegno in diverse aree strategiche come le misure di efficienza operativa, le partnership industriali con Airbus e Rolls-Royce e il rinnovo della flotta con l’integrazione di nuove Airbus di ultima generazione, il Neo, che ridurrà le emissioni di CO2 del 15% e l’inquinamento acustico della metà.

easyJet ha già ridotto la sua impronta di carbonio per passeggero/chilometro di oltre un terzo dal 2000 e sta continuando i suoi sforzi in questa direzione ottimizzando le sue operazioni di volo e di terra. L’obiettivo dell’azienda è raggiungere le emissioni nette di carbonio entro il 2050 grazie alle tecnologie decarbonizzate previste da Airbus entro il 2040 e sostenute dal piano di investimenti sull’idrogeno in Francia.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.