ALLA SCOPERTA DELLE ISOLE ATLANTICHE TRA NEW HAMPSHIRE E MAINE. UN ARCIPELAGO D’EVASIONE

il

Le Isole di Shoals sono un gruppo di nove piccole isole e sporgenze di marea situate a circa 10


km al largo della costa orientale degli Stati Uniti, a cavallo del confine tra gli stati del Maine e del New Hampshire. Nessuno ci vive tutto l’anno, almeno ora non più. Cinque isole appartengono al Maine (Duck, Appledore, Smuttynose, Malaga, Cedar) e quattro al New Hampshire (Star, Lunging, White, Seaveys). Tutte sono scenograficamente spettacolari  e riservano una storia ammantata di leggende, di racconti di  tesori nascosti ed attacchi sanguinosi da parte dei Nativi Indiani. Varie escursioni in barca, accompagnate da una narrazione guidata ne consentono la scoperta, benché essendo tutte isole private le soste su ognuna non siano sempre consentite o almeno limitate.

La  loro storia assume importanza agli inizi del 1500  per l’abbondanza di pesce  e le sue comunità di pescatori. Nel 1614 furono ufficialmente scoperte dal famoso esploratore inglese John Smith – rinomato per Pocahontas – che ebbe la modestia di chiamarle “Smith Iles”. Le isole divennero porti di pesca commerciale e nel tempo cambiarono il nome in Isles of Shoals (1665) con riferimento ai banchi di pesce. Nel 18° secolo erano considerate una delle colonie più preziose dell’Inghilterra proprio per la quantità di merluzzo, che essiccato, veniva portato coi vascelli in patria. Le isole fiorirono ma il terrore delle invasione di soldati inglesi durante la Rivoluzione Americana provocò la fuga di gente che mai più vi ritornò.

Le isole furono in parte abbandonate fino alla metà del 19° secolo, quando vissero un revivalgrazie all’imprenditoria privata. Un certo Laighton – guardiano del faro a White Island – costruì un hotel a Smuttynose Island (1843) ed un altro ancora più grande su Appledore Island, la Appledore House che nel 1850 pubblicizzò quale prima meta vacanziera tra Nantucket, Massachusetts e Eastport, Maine. Sua figlia Celia Thaxter vi attirò figure letterarie ed artistiche di spicco: Nathaniel Hawthorne, Henry Wadsworth L
ongfellow, Sarah Orne Jewett, il pittore impressionista Childe Hassam, John Greenleaf Whittier. Fu l’epoca d’oro per gli alberghi sulle isole. L’aria condizionata non esisteva certo, ma le brezze salmastre erano un’evasione perfetta dalle torride estati di Boston e New York. Gli hotel di Laighton ebbero talmente successo da stimolare nel 1873 l’imprenditore John Poor  nella costruzione dell’ Oceanic Hotel a Star Island. Quando fu distrutto da un incendio fu ricostruito con un’ampia veranda affacciata sul mare. Ancora oggi l’ Oceanic accoglie il visitatore a Star Island ed è l’unico grande albergo d’epoca rimasto. All’epoca si promuoveva quale “ideale vacanza estiva di alta classe calata nella storia. Primariamente il luogo per lavoratori stanchi. Niente rumore, niente polvere, nessun tram

 

Con l’avvento dell’automobile, le isole Shoals videro il declino e nel 1915 l’isola Star fu venduta ad un’Associazione religiosa di Unitarians and Congregationalists per $16. 000 ed usata quale luogo di ritiro e conferenze su religione, storia naturale e arti. D’estate l’isola ospita raduni usando l’Oceanic Hotel, la storica Gosport House, la cappella di 150 anni e numerosi edifici che sono originali dell’antico villaggio. Non c’é alcun lusso, niente piscina o sauna, né tantomeno WiFi. E’ un “campeggio” al coperto e i visitatori sono benvenuti con l’escursione in barca.

La Appledore Island, nel Maine é la più grande dell’arcipelago delle Isles of Shoals  (38 ha) ed oggi ospita un laboratorio scientifico marino, Shoals Marine Laboratory gestito insieme alla Cornell University ed alla University of New Hampshire. L’isola é un percorso migratorio per oltre 125 specie di avifauna, per foche, balene, focene e delfini. A nord dell’edificio-laboratorio si trova il cimitero della famiglia Laighton, le antiche fondamenta della  Appledore House che bruciò in un incendio e il giardino di Celia Thaxter ricreato, così come lei stessa lo descrisse nel suo libro An Island Garden, illustrato dal pittore Childe Hassam. Ogni anno lo staff dello  Shoals Marine Lab unitamente a volontari, coltiva il giardino di  Celia Thaxter, ma il suo cottage non esiste più. Ossa di balena coperte da licheni giacciono accanto alla campana del laboratorio a ricordare la tenuta selvaggia dell’isola, priva di strade, veicoli o servizi.

Smuttynose Island di soli 10 ha è la terza isola per grandezza ed è anche la più leggendaria, meta idilliaca  della luna di miele del pirata Barbanera e ove, nel 1813, approdò il relitto della nave spagnola Sagunto. Ci sono due piccole case ed una di questa, la Samuel Haley house, si itiene sia la più antica del Maine. Il nome dell’isola è stato adottato dal birrificio artigianale di Portsmouth,  Smuttynose Brewing Company nel New Hampshire. Sentieri sono aperti alla bella stagione sia a

Smuttynose sia a Star, pronti per essere  esplorati con le dovute calzature mentre a maggio e giugno i gabbiani nidificano, padroni sovrani delle isole.  Sul versante meridionale dell’arcipelago sorgono White Island e Seavey Island nel distretto di Rye, New Hampshire. Con la bassa marea le due isole sono collegate da un ponte terrestre. Su White Island domina il faro Shoals Light, ora automatizzato, e la casa del guardiano, entrambi di proprietà statale. Qui esiste una stazione costiera meteorologica che spesso registra episodi di forti venti ed uragani portati dalle correnti del nord-est durante l’inverno.  A Seavey Islandinvece è attivo un progetto di restauro faunistico della sterna per mano della  Audubon Society of New Hampshire. Anche Duck Island nel Maine è una riserva faunistica con una colonia di foche.

Si visitano le isole d’estate salpando con escursioni guidate da Portsmouth, New Hampshire con  Isles of Shoals Steamship Authority oppure da Rye Harbor su un peschereccio convertito a battello, Uncle Oscar Island Cruises.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.