S&P dice: Gli aeroporti affrontano un periodo dove il recupero del traffico aereo globale avviene con lungo ritardo

il

Key Takeaways-

Il numero di viaggi nazionali ha raggiunto l’85% del livello del 2019 a luglio di quest’anno nelle Americhe e in Asia, ma il traffico internazionale solo il 26%, secondo l’International AirTransport Association (IATA), segnalando una ripresa irregolare e prolungata del traffico aereo globale.

– La ripresa dei viaggi aerei domestici durante l’estate ha contribuito al ritorno alla stabilità delle nostre previsioni sugli aeroporti statunitensi quest’anno, anche se la diffusione della variante delta del coronavirus ha innescato un atteggiamento più cauto a breve termine.

In Europa, il traffico aereo ha raggiunto solo il 20%-25% dei livelli del 2019 a gennaio-luglio e quasi tutti i nostri rating aeroportuali presentano ancora prospettive negative; anche se il traffico aumenta di circa il 40%, la media per l’intero anno sarà nella parte inferiore dell’intervallo 30%-50% che ci aspettavamo.

– La situazione è mista in Asia-Pacifico, dove i viaggi internazionali attraverso gli aeroporti australiani sono solo dell’1% -3% di quello nel 2019 e, sebbene i viaggi aerei nazionali siano aumentati fino al 60% -80%, i blocchi ricorrenti hanno portato a fluttuazioni significative. Aeroporti, compagnie aeree, società di servizi e viaggiatori devono ancora attendere a lungo prima che il traffico aereo globale torni alla normalità.

Finora, la ripresa si è rivelata disomogenea per regione e l’incertezza relativa a un picco di casi di COVID-19 dalla variante delta sta offuscando le prospettive del settore. S&P Global Ratings ritiene che il tanto atteso recupero del traffico aereo possa essere spinto fino al 2022 o dopo. , in particolare se i viaggi intercontinentali rimangono modesti, vulnerabili in quanto sono le restrizioni legate alla pandemia e i lenti viaggi d’affari

Gli Stati Uniti.’ Il grande mercato interno sta sostenendo il traffico aereo


La ripresa dei viaggi aerei nazionali, che normalmente rappresenta il 75%-80% del traffico aereo totale negli Stati Uniti, è accelerata durante il secondo trimestre (Q2) del 2021, portando a una forte estate per le compagnie aeree e gli aeroporti. A luglio, la domanda repressa di vacanze e viaggi di piacere ha spinto il traffico aereo degli Stati Uniti a quasi l’85% dei livelli prepandemici. È probabile che lo slancio diminuirà nel quarto trimestre a causa della tipica stagionalità del settore, insieme a un aumento dei casi di COVID-19 che sembra influenzare le prenotazioni, secondo dati recenti. Tuttavia, il rimbalzo del traffico e miliardi di dollari di sostegno federale diretto si sono stabilizzati. .S. profili di credito degli operatori aeroportuali. Ciò ha comportato un ritorno a prospettive stabili per la maggior parte degli operatori che valutiamo nel marzo 2021 e prospettive positive per alcuni aeroporti no profit nelle ultime settimane. Allo stesso modo, le nostre valutazioni sulle compagnie aeree statunitensi ora presentano prospettive stabili o positive, sebbene rimangano da una a quattro tacche al di sotto dei livelli prepandemici. Come ci aspettavamo, i viaggi d’affari e i voli intercontinentali, che generano una quota sproporzionata di traffico per chilometraggio passeggeri (RPK) a causa di le distanze coinvolte non sono andate altrettanto bene. I dati di alcune compagnie aeree americane mostrano che il numero di passeggeri in viaggio d’affari si attestava a circa il 40% dei livelli prepandemici alla fine del secondo trimestre. I viaggi d’affari devono affrontare un’ulteriore vulnerabilità, poiché il passaggio di alcune aziende alle riunioni virtuali potrebbe diventare permanente.

Il numero di passeggeri in Europa può raggiungere a malapena il 30% dei livelli del 2019

Dall’altra parte dell’Atlantico, la mancanza in Europa di un grande mercato dell’aviazione nazionale, le restrizioni transfrontaliere, l’emergere di hotspot COVID-19 e la lenta diffusione delle vaccinazioni significano che i viaggi aerei sono molto indietro rispetto ai dati IATA statunitensi di maggio 2021 indicano che i viaggi aerei in tutta Europa, come misurato in RPK, è crollato ad appena il 15% del livello prepandemico prima di un modesto aumento al 23% a giugno. Inoltre, il traffico cumulato a gennaio-luglio 2021 è stato più debole delle nostre proiezioni, raggiungendo generalmente solo il 20% -25% dei livelli del 2019 .Tuttavia, abbiamo visto qualche miglioramento durante l’estate. A luglio, alcuni aeroporti europei classificati hanno registrato il 40%-50% dei volumi prepandemici con l’avanzare dei tassi di vaccinazione e il certificato digitale COVID dell’UE ha reso più agevole l’attraversamento delle frontiere. Se questa tendenza dovesse continuare, i volumi medi di traffico aereo potrebbero raggiungere il 30% quest’anno, che è in fondo al range 30%-50% che prevediamo a febbraio. Inoltre, alcuni aeroporti con una domanda interna più debole o restrizioni di viaggio più severe, come nel Regno Unito, potrebbero registrare un traffico medio ben al di sotto del 30%. Quasi tutti i nostri rating sugli aeroporti europei hanno prospettive negative dopo essere stati abbassati da uno a due livelli nel 2020. A la considerazione chiave per il credito per i nostri rating nel settore è la liquidità, che nel complesso rimane solida e critica nel colmare il divario verso una ripresa più lunga del previsto. Secondo le proiezioni del sostenitore dell’aviazione Eurocontrol, il trasporto aereo dovrebbe acquisire slancio nel 2022, quando il traffico europeo dovrebbe tornare al 72% dei livelli del 2019 dal 50% di quest’anno.

L’Asia-Pacifico non vedrà un rimbalzo regolare dei viaggi aerei su vasta scala

Il mercato interno in Cina si è ripreso rapidamente e ha quasi raggiunto i livelli prepandemici nel luglio 2021. Tuttavia, i tassi di vaccinazione sono stati relativamente bassi in tutta l’Asia e molti governi hanno adottato un approccio avverso al rischio alla pandemia, con alcuni che perseguono una strategia che prevede la limitazione dei viaggi per ridurre al minimo il virus trasmissione, in particolare in vista della variante delta. Le vaccinazioni sono state lente in Australia, ma stanno accelerando e dovrebbero avvicinarsi al 70% entro la fine di ottobre. Tuttavia, il traffico nazionale è sceso a luglio al 25% dei numeri prepandemici, dopo essere arrivato al 50%-70% a giugno. Al contrario, gli aeroporti della Nuova Zelanda hanno visto il traffico nazionale tornare all’80%-90% dei livelli prepandemici a causa di blocchi più brevi e mirati nell’ultimo anno. La bolla dei viaggi trans-tasmaniani è stata testata molte volte e l’aumento del traffico osservato in condizioni di assenza di quarantena suggerisce che c’è ancora una propensione a viaggiare una volta che la pandemia si sarà placata. La Nuova Zelanda prevede che il 70% della sua popolazione sarà vaccinato entro la fine del 2021, in tempo per la sua stagione estiva.

Gli aeroporti dell’America Latina non si stanno riprendendo allo stesso ritmo

Anche i mercati messicano e caraibico hanno beneficiato della ripresa estiva, vedendo una forte ripresa poiché i residenti negli Stati Uniti hanno optato per destinazioni più vicine a casa per le loro vacanze annuali. Ciò si è tradotto in una ripresa nel luglio 2021 all’80% del livello del 2019, che è molto più forte del 56% per il traffico aereo nazionale del Brasile nello stesso periodo. Anche la crescita dei viaggi aerei nella regione ha contribuito al ritorno a una prospettiva stabile per il nostro rating sull’aeroporto in Repubblica Dominicana. Le prospettive di ripresa hanno anche permesso all’aeroporto di Panama di completare un esercizio di gestione delle passività che ha spostato la scadenza delle sue note al 2061. Un’altra nota positiva, durante il picco della pandemia nel 2020, solo due emittenti a livello globale hanno intrapreso scambi di debito in difficoltà: Aeropuertos Argentina 2000 con sede in Argentina e Uruguay con sede ACI Airport Sudamerica SA

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.