Pratt & Whitney ha premiato il progetto del Dipartimento per l’energia per lo sviluppo della tecnologia di propulsione a idrogeno

il

Wonderful aerial shots

Pratt & Whitney è stata selezionata dal Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti (DoE) per sviluppare una nuova tecnologia di propulsione alimentata a idrogeno ad alta efficienza per l’aviazione commerciale, come parte dell’Agenzia per i progetti di ricerca avanzata del DoE -Energia (ARPA-E).

Il progetto Hydrogen Steam Injected, Inter-Cooled Turbine Engine (HySIITE) utilizzerà la combustione di idrogeno liquido e il recupero del vapore acqueo per ottenere zero emissioni di CO2 in volo, riducendo le emissioni di ossido di azoto (NOx) fino all’80% e riducendo il consumo di carburante fino al 35% per gli aerei a corridoio singolo di prossima generazione.

“Questa è davvero un’entusiasmante opportunità per iniziare a sviluppare le tecnologie chiave che potrebbero portare il primo motore intercooler con iniezione di vapore a idrogeno del settore dall’ideazione alla realtà”, ha affermato Geoff Hunt, vicepresidente senior, Engineering and Technology, presso Pratt & Whitney. “Per quasi 100 anni, Pratt & Whitney è stata in prima linea nell’innovazione di tecnologie all’avanguardia per migliorare continuamente l’efficienza dei motori aeronautici e siamo entusiasti di essere stati selezionati per lavorare su quella che potrebbe essere la prossima tecnologia rivoluzionaria per l’aviazione”.

Il motore HySIITE brucerà idrogeno in un ciclo termodinamico che incorpora l’iniezione di vapore per ridurre drasticamente le emissioni di NOx, un gas serra. L’architettura del sistema semichiuso pianificata per HySIITE raggiungerà un’efficienza termica maggiore delle celle a combustibile e ridurrà i costi operativi totali rispetto all’utilizzo di carburanti aeronautici sostenibili “drop-in”. Questa è la prima collaborazione diretta tra Pratt & Whitney e ARPA-E.

“Pratt & Whitney ha una lunga eredità con la propulsione alimentata a idrogeno e siamo entusiasti di far progredire questa tecnologia emergente come parte della nostra strategia globale per supportare l’ambizioso obiettivo dell’industria aeronautica di raggiungere zero emissioni nette di CO2 degli aeromobili entro il 2050”, ha affermato Graham Webb , responsabile della sostenibilità presso Pratt & Whitney. “Le partnership con enti pubblici come il Dipartimento dell’Energia hanno un ruolo fondamentale da svolgere nello sviluppo e nella maturazione di tecnologie che potrebbero avere un impatto globale sulla riduzione dell’impronta ambientale dell’aviazione”.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.