L’Europa come può divenire il leader globale nella sostenibilità dell’aviazione

il

Il secondo panel vede questi parteciopanti che discuteranno su come l’EU può essere protagonista nella sostenibilità.

Willy Walsh – DG IATA con Christina Foerster – Chief Customer officer di Lufthansa e William Toedt Executive Director Transport & Environment

Christina Foerster – Chief Customer officer di Lufthansa è d’accordo con Michael O’Leary sull’uso più largo di SAF Sustainable Aviation Fuels e dei costi di disponibilità di questi carburanti per abbattere i consumi. Lufthansa punta sui SAF perchè i corportate customers chiedono questo.

Willy Walsh – DG IATA dice che servono i SAF per l’aviazione per inquinare meno, e anche il fatto che la politica europea ha dimenticato il fatto che serviva un cielo unico europeo per aver un traffico aereo più flessibile elineare, consumando meno perchè è gestito meglio dell’attuale. Sul fatto delle azioni che hanno fatto le aerolinee per la sostenibilità in Europa i politici puntano il dito, ma non hanno capito gli sforzi che stanno facendo le aerolinee per la sostenibilità. In USA la cosa è molto più evoluta perchè il governo è molto più collaborativo. Willy Walsh crede che i biglietti dei voli aumenteranno per coprire tutti i costi a partire dal SAF e altro.

William Toedt Executive Director Transport & Environment, SAF è prioritario e l’efficienza degli aerei utilizzati per consumare meno. L’EU chiede, che se il consumo di carburante aumenterà de una tassa verrà applicata, quindi che le aerolinee si facciano carico di inquinare meno con aerei più verdi. La EU crede in una tassa sul carburante per spingere alla fine a consumare meno, però ha trovato nel dibattito oppositori come Christina Foerster, perchè Lufthansa vuole pagare la tassa ma non i costi per le infrastrutture, cioè pagare di più di quanto crede.Come Willie Walsh ha fatto presente che il corporate travel non pè la voce più grande di entrate a differenza dei premium traveller. C’è un po’ di confusione nella politica rispetto alla realtà.

Tutti cercano la sostenibilità, ma alla fine non esiste la disponibilità comparata alla domanda. L’esempio di Walsh sul fatto che Etihad Airways ha operato un volo da Londra a Abu Dhabi con SAF, ma rispetto al 50% rischiesto sulla capacità dell’aereo , a Heathrow ne era disponibile una quota che non raggiungeva oltre il 38%. Insomma il problema è trovare questo SAF, oggi, ma anche domani se non si rende possibile la sua produzionee quindi disponibilità. il resto sono quindi speculazioni. Come dice Walsh la trasparenza è importante, il messaggio è sul fatto che tassare per raggiungere i risultati è sbagliato, la EU in questo caso deve essere attore importante sul fattomche se vuole il SAF, deve anchge attivarsi al fine che i SAF vengamo prodotti e resi disponibili al mercato. Ovvio che più c’è maggiore disponibilità di SAF ci sarà un calo dei prezzi e quindi aiuterà tutti i fattori a partire dall’inquinamento e fino ad arrivare ai costi dei biglietti.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.